Lorenzo Cutugno, vittima dimenticata

| Nella cerimonia che ricorda il 41esimo anniversario dell’omicidio dell’agente di custodia, assenti le autorità della Polizia Penitenziaria e quelle del Comune. La protesta dell’Osapp

+ Miei preferiti
L’11 aprile del 1978, Lorenzo Cutugno, agente di custodia in servizio alle carceri Nuove di Torino, cade sotto i colpi di pistola esplosi da Cristoforo Piancone e Nadia Ponti, due terroristi delle Brigate Rosse che gli sparano alle gambe per ferirlo. Cutugno reagisce, spara ai due terroristi in fuga e riesce a ferirli: interviene Vincenzo Acella, un terzo brigatista di copertura, che colpisce l’agente alle spalle finendolo con un proiettile alla testa.

Sabato 13, è stata ricordata l’uccisione dell’agente con un cerimonia a cui erano presenti i familiari della vittima, un gruppo di agenti della Polizia Penitenziaria in pensione e altri in servizio, e un gruppo di volontari dell’associazione “Nessun uomo è un’isola”. 

“L’11 aprile è una giornata triste per la polizia penitenziaria, in occasione del 41esimo anniversario dell’omicidio di Lorenzo Cutugno, in servizio alla casa circondariale Le Nuove di Torino. L’agente di custodia venne assassinato da un commando di terroristi delle Brigate Rosse all’uscita della sua abitazione, mentre stava per recarsi al lavoro”, ha commentatoLeo Beneduci, segretario del sindacato autonomo Osapp (Organizzazione Sindacale Autonoma Polizia Penitenziaria).

Amara la denuncia di Beneduci, che fa notare l’assenza delle autorità: “Oltre all’indegna vuoto dell’Amministrazione Penitenziaria, erano totalmente assenti le autorità della Città di Torino. Un’assenza indegna: non accetteremo mai che, oltre all’inefficienza e alla noncuranza che connotano l’attuale sistema penitenziario, si debba assistere anche all’indifferenza rispetto al ricordo di chi ha versato il proprio sangue a difesa delle istituzioni. È inaccettabile che l’indifferenza si sia constatata nei rappresentanti del Comune di Torino, forse perché troppo impegnati nella campagna per le elezioni europee. Chiediamo pertanto al Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede di fare debita chiarezza nei confronti di chi, pur percependo ingenti retribuzioni, limita la propria azione all’occupazione della poltrona e non ottempera ai doveri del proprio incarico”.

Sul luogo dell’omicidio è stata posta una corona di alloro: “Vogliamo ricordare il collega, ma anche quei valori impressi nel nostro cuore e nelle uniformi che con onore indossiamo in difesa dei cittadini e dello Stato”. 

Attualità
Il viaggio della bottiglia per una vittima di Manchester
Il viaggio della bottiglia per una vittima di Manchester
Partita dalle coste inglesi, una bottiglia contenente pensieri e messaggi su una ragazzina morta nella strage, è stata ritrovata lungo le spiagge del Salento
Muore la regina del wrestling
Muore la regina del wrestling
Ashley Massaro, Dirty Diva, è morta in un ospedale di New York: la polizia sospetta un’overdose. Potente sul ring ma anche bella, aveva conquistato diverse copertine, compresa quella di Playboy
"Suicida perché era un pedofilo"
"Suicida perché era un pedofilo"
La moglie del suicida dopo un programma tv esulta sui social per la sua morte: "L'ho lasciato perché era un pedofilo, basta pietismo". Era andato in trasmissione per dimostrare alla nuova fidanzata che non l'aveva tradita
I piloti dei 737 Max contro la Boeing
I piloti dei 737 Max contro la Boeing
Un audio diffuso dai media americani, registrato poco dopo l’incidente del volo Lion Air, rivela un furioso incontro fra alcuni piloti e i responsabili della Boeing
La truffa del principe dei diamanti
La truffa del principe dei diamanti
Shimon Leviev si faceva chiamare così, spacciandosi per il figlio di un miliardario israeliano. Agiva su Tinder, e dopo aver conquistato le sue prede chiedeva soldi per ricominciare la commedia
Australia, la figuraccia delle banconote
Australia, la figuraccia delle banconote
Sulla nuova banconota da 50 dollari, qualcuno ha scoperto un “refuso”: una parola scritta in modo sbagliato. L’errore è stato corretto, ma ritirare 46 milioni di banconote sbagliate sarà impossibile
It’s a boy!
It’s a boy!
Così recita il post su Instagram: l’annuncio euforico di papà Harry per la nascita dell’ottavo pronipote di Elisabetta II. Un ringraziamento pubblico alla forza di Meghan
Caitlin, la ragazza senza memoria
Caitlin, la ragazza senza memoria
Vittima di un incidente sportivo, ha subito un trauma all’ippocampo: ricorda dettagli del suo passato, ma ogni giorno non sa dire cosa le è successo il giorno prima
"Bruganelli, sei una burina arricchita"
"Bruganelli, sei una burina arricchita"
I post della moglie di Paolo Bonolis diventano un caso. Dopo l'incidente di Ciao Darwin (un uomo rischia la paralisi) pubblica le foto di costose borse Chanel, scatenando gli haters. A lezione da un vero ricco: "Primo, non ostentare"
Bérénice, la figlia del Bataclan
Bérénice, la figlia del Bataclan
È la figlia di Floriane e Johannes, che nel sangue del Bataclan hanno perso gli amori della loro vita. Hanno deciso di ricominciare insieme, per darsi tempo e speranza