Nicolás Rando, l'uomo che ha raggiunto Julen

| È uno dei 300 soccorritori che per 13 giorni hanno tentato in ogni modo di salvare la vita al piccolo di due anni caduto in un pozzo. “Trovarlo morto è stato tremendo”

+ Miei preferiti
Ci sono immagini che Nicolás Rando, agente della “Ereim”, la squadra speciale di soccorso della Guardia Civil spagnola, non riuscirà mai a dimenticare. Dalle 14:00 del 13 gennaio, quando una chiamata di soccorso avvisava che un bambino di due anni era caduto in un pozzo, a Totalán, la sua vita è cambiata per sempre. “Quel giorno ero di riposo, in giro con la mia famiglia. Dalla centrale hanno riferito che un bambino era caduto in un pozzo di 25 centimetri di diametro e che non sapevano esattamente cosa fare”.

Nicolás è stato fra i primi ad arrivare davanti al cunicolo che aveva inghiottito il piccolo Julen Rosellò e da lì non si è più mosso: “Non c’erano più turni di riposo: eravamo sfiniti, ma continuavamo a ripeterci che avremmo mollato senza prima trovare Julen”. 

Ricorda i tanti tentativi di salvataggio durante i primi giorni: il team si era concentrato sulle operazioni di rimozione del tappo di sabbia bagnata rilevato dalle telecamere a 71 metri di profondità. L’idea era di aspirare il materiale, ma il tubo si è rotto incastrandosi con la telecamera all’interno. “Ogni volta che si presentava un problema, serviva molto tempo per risolverlo: più di 36 ore soltanto per rimuovere il tubo incastrato. La verità è che un buco di queste dimensioni in Spagna non è mai stato fatto”.

Ed è stato sempre lui il primo a raggiungere il bimbo, scoprendo che non c’era più nulla da fare. Insieme ai suoi colleghi ha portato il corpicino del povero Julien in una tenda allestita dal soccorso alpino, dove due medici forensi erano in attesa. Poi si è allontanato, ha cercato un posto isolato ed è crollato, travolto dall’emozione e dalla fatica. “Era il mio turno: da quel momento in poi ho avuto sentimenti contrastanti. Sollievo per aver terminato il lavoro, ma infuriato per il risultato: Julen era morto, ma so che abbiamo dato tutto e fatto ogni tentativo possibile. L’unico conforto è stato sentire che secondo l’autopsia è morto lo stesso giorno in cui è caduto nel pozzo”. 

Padre a sua volta di un bambino di 4 anni, durante i concitati giorni del salvataggio, suo figlio continuava a fargli una sola domanda: “Papà, riuscirete a salvare Julen?”.

Il primo tentativo di discesa è finito poco dopo per via della roccia troppo dura e organizzare la prima microesplosione controllata. “Sono sceso una seconda, terza e quarta volta. È una strana sensazione, andar giù per un tubo di ferro: mi sono addentrato in buchi più stretti e claustrofobici, capendo che correvo lo stesso rischio di finire come il povero Julen”. Tre minatori sono arrivati a 2,50 metri dal bimbo: è stato allora che è stato deciso, che da quel momento, un rappresentante della Guardia Civile dovesse essere sempre presente con i minatori, per assicurare le funzioni di polizia giudiziaria. “Qualche ora dopo, un mio collega è riuscito a far passare una telecamera attraverso il buco aperto nel pozzo, e ha visto Julen. Abbiamo scavato con le mani per raggiungerlo, finché non l’ho toccato”. A quel punto, il comando operativo del salvataggio ha riunito la Guardia Civile, i minatori e vigili del fuoco, chiedendo loro di lavorare con la stessa discrezione, “Perché soltanto la famiglia doveva essere la prima a sapere”.

Attualità
Muore la regina del wrestling
Muore la regina del wrestling
Ashley Massaro, Dirty Diva, è morta in un ospedale di New York: la polizia sospetta un’overdose. Potente sul ring ma anche bella, aveva conquistato diverse copertine, compresa quella di Playboy
"Suicida perché era un pedofilo"
"Suicida perché era un pedofilo"
La moglie del suicida dopo un programma tv esulta sui social per la sua morte: "L'ho lasciato perché era un pedofilo, basta pietismo". Era andato in trasmissione per dimostrare alla nuova fidanzata che non l'aveva tradita
I piloti dei 737 Max contro la Boeing
I piloti dei 737 Max contro la Boeing
Un audio diffuso dai media americani, registrato poco dopo l’incidente del volo Lion Air, rivela un furioso incontro fra alcuni piloti e i responsabili della Boeing
La truffa del principe dei diamanti
La truffa del principe dei diamanti
Shimon Leviev si faceva chiamare così, spacciandosi per il figlio di un miliardario israeliano. Agiva su Tinder, e dopo aver conquistato le sue prede chiedeva soldi per ricominciare la commedia
Australia, la figuraccia delle banconote
Australia, la figuraccia delle banconote
Sulla nuova banconota da 50 dollari, qualcuno ha scoperto un “refuso”: una parola scritta in modo sbagliato. L’errore è stato corretto, ma ritirare 46 milioni di banconote sbagliate sarà impossibile
It’s a boy!
It’s a boy!
Così recita il post su Instagram: l’annuncio euforico di papà Harry per la nascita dell’ottavo pronipote di Elisabetta II. Un ringraziamento pubblico alla forza di Meghan
Caitlin, la ragazza senza memoria
Caitlin, la ragazza senza memoria
Vittima di un incidente sportivo, ha subito un trauma all’ippocampo: ricorda dettagli del suo passato, ma ogni giorno non sa dire cosa le è successo il giorno prima
"Bruganelli, sei una burina arricchita"
"Bruganelli, sei una burina arricchita"
I post della moglie di Paolo Bonolis diventano un caso. Dopo l'incidente di Ciao Darwin (un uomo rischia la paralisi) pubblica le foto di costose borse Chanel, scatenando gli haters. A lezione da un vero ricco: "Primo, non ostentare"
Bérénice, la figlia del Bataclan
Bérénice, la figlia del Bataclan
È la figlia di Floriane e Johannes, che nel sangue del Bataclan hanno perso gli amori della loro vita. Hanno deciso di ricominciare insieme, per darsi tempo e speranza
Brunei: lapidare i gay è giusto
Brunei: lapidare i gay è giusto
In una lettera inviata alla UE, il ricchissimo sultano del paese del Borneo difende l’entrata in vigore delle regole della sharia che prevedono pesanti punizioni corporali per omosessuali e adulteri