Non gilet gialli, ma rapinatori

| Mescolata all’enorme caos scatenato dalla manifestazione sugli Champs Élysée, una banda di professionisti ha razziato la boutique Bulgari. Ore dopo è emersa la verità: non è stato vandalismo, ma un piano perfetto

+ Miei preferiti
Per i professionisti del furto, niente è meglio di un corposo diversivo gentilmente organizzato e messo in scena da altri. È quanto è successo sabato sugli Champs Élysées, durante il devastante 18esimo sabato di protesta dei “Gilet Jaunes”. A caldo nessuno si è accorto di nulla: perfino le immagini dei locali e negozi devastati sono finite sotto la voce vandalismo, nascondendo la verità: una rapina architettata con grande cura. Il “Disney Store”, le boutique di “Longchamp” e “Hugo Boss” e il ristorante “Le Forquet’s” sono stati il diversivo per una banda di rapinatori che nell’enorme confusione si è infilata al 136 degli Champs Élysées, sede del flagship store di “Bulgari”.

Ore dopo, quando la folla si è dispersa ed è iniziata la conta dei danni, la verità è affiorata: quelli che sono entrati all’interno dell’atelier del celebre marchio di gioielleria non erano “casseur” e neanche semplici manifestanti con in mente “l’esproprio proletario”, ma rapinatori attrezzati che hanno fatto saltare le vetrine portando via un bottino dal valore che ammonterebbe a svariate decine di migliaia di euro.

Temendo il peggio, la boutique aveva blindato le vetrine con porte di legno e acciaio che non hanno neanche impensierito la banda, lesta a crearsi un varco utilizzando l’attrezzatura che si era portata appresso. Una volta all’interno, per una volta, i rapinatori hanno potuto fregarsene di allarmi e sirene, a quel punto diventati nient’altro che un rumore quasi impercettibile in mezzo al frastuono generale che regnava sul celebre viale parigino. Nel giro di sette, otto minuti al massimo, la squadra ha scelto i pezzi migliori tralasciando quelli di poco valore, per poi uscire indisturbata facendo perdere le proprie tracce in mezzo al caos e addirittura protetti dalla cortina dei fumogeni lanciati dalla polizia. Meglio di così, non potevano sperare.

A confermare la rapina è stato Lois Lecouplier, segretario nazionale del sindacato “Alliance Police”, che ha ammesso: “È stata l’azione di un gruppo che ha agito in modo molto preciso e professionale: non erano gilet gialli, erano rapinatori di mestiere”.

Si è anche scoperto che una squadra di agenti si stava dirigendo proprio verso le vetrine di Bulgari, non tanto per evitare eventuali furti ma per scongiurare danni alle persone, ma sono stati affrontati dai manifestanti e costretti ad indietreggiare. I dimostranti “normali”, più prosaicamente, si sono accontentati di svuotare la boutique del “Paris Saint-Germain”, portandosi a casa magliette e palloni. Poveri ingenui.

Attualità
Ritrovata la tomba di Cleopatra?
Ritrovata la tomba di Cleopatra?
Un’archeologa sudamericana è convinta di aver individuato il luogo dove riposa l’ultima regina d’Egitto. Si troverebbe in tempio di Alessandria, insieme a Marco Antonio
L’anno del #MeToo
L’anno del #MeToo
Il movimento scatenato dal caso Weinstein ha subito un paio di contraccolpi che sembravano averne minato la bontà, ma gli esperti concordano: le accuse si stanno trasformando in processi, e le aziende cambiano le loro politiche interne
Joker, un successo pericoloso
Joker, un successo pericoloso
La straordinaria interpretazione di Joaquin Phenix minacciata da una lettera dei familiari delle vittime del cinema di Aurora e da un allarme lanciato dall’FBI per possibili attentati
La US Navy ammette tre fenomeni aerei non identificati
La US Navy ammette tre fenomeni aerei non identificati
Non è l’ammissione dell’esistenza di visitatori di altri pianeti, ma semplicemente l’impossibilità – al momento – di trovare una risposta scientifica ai fenomeni
E se domani salisse al potere Caligola?
E se domani salisse al potere Caligola?
Le confuse e violente successioni degli imperatori romani sembrano quanto più di distante possibile dalla nostra moderna democrazia. In realtà, senza ricorrere a veleni e pugnali, ancora oggi la politica utilizza i metodi di allora
Barcellona, boom di furti ai turisti
Barcellona, boom di furti ai turisti
Il capoluogo della Catalogna si sta guadagnando la fama di città fra le più violente e insicure al mondo: quasi 15mila fra furti e scippi ogni anno, e i cittadini si mobilitano
Notte di paura per un Bigfoot
Notte di paura per un Bigfoot
Una giovane coppia di fidanzati in campeggio nel Kentucky coinvolti nell’avvistamento della mostruosa creatura: un campeggiatore ha aperto il fuoco, ma loro non hanno visto nulla
Bravi da morire
Bravi da morire
Il passato turbolento di Finnegan Lee Elder e Gabriel Christian Natale-Hjorth, gli assassini del vice-brigadiere Cerciello Rega, ricostruito dal “San Francisco Chronicle”
Il viaggio della bottiglia per una vittima di Manchester
Il viaggio della bottiglia per una vittima di Manchester
Partita dalle coste inglesi, una bottiglia contenente pensieri e messaggi su una ragazzina morta nella strage, è stata ritrovata lungo le spiagge del Salento
Muore la regina del wrestling
Muore la regina del wrestling
Ashley Massaro, Dirty Diva, è morta in un ospedale di New York: la polizia sospetta un’overdose. Potente sul ring ma anche bella, aveva conquistato diverse copertine, compresa quella di Playboy