Paris, la ville naséabond

| Ridotta al pari di Roma, la capitale francese deve vedersela con spazzatura, topi e deiezioni dei cani che costano milioni di euro ogni anno. L’accusa di un quotidiano inglese fa a pezzi la città che nel 2024 ospiterà le Olimpiadi

+ Miei preferiti
C’era una volta la città “cenerentola” per eccellenza: Parigi. La capitale francese, altrimenti detta la “ville lumiére”, ma agli occhi del mondo intero soprattutto la città più romantica, elegante e raffinata dal pianeta. Questa storia potrebbe iniziare così, per poi precipitare verso ben altre definizioni: sporca, invivibile, fetida, abbandonata.

È il ritratto impietoso, l’ennesimo, che viene fuori da un’inchiesta giornalistica, questa volta ad opera del “Guardian” inglese, per mano di Kim Willsher, la corrispondente da Parigi del quotidiano anglosassone. Al pari forse solo di Roma, anche se difficilmente il paragone potrà rincuorare qualcuno, la giornalista inglese non va per il sottile, definendo quel che resta di Parigi assolutamente “impresentabile”: un deprimente spettacolo di spazzatura, topi, escrementi animali, cartacce, bottigliette vuote e mozziconi di sigaretta.

“Lungo il boulevard che porta in place de la République, malgrado un lifting di pochi anni fa costato 23 milioni di euro, i clochard dormono sotto i portici o sulle panchine, i marciapiedi sono disseminati di biciclette e motorini abbandonati, fra deiezioni di cani e mozziconi di sigaretta”. Tutto questo, spiega la corrispondente, malgrado il comune immoli ogni anno 550 milioni di euro per eliminare dai marciapiedi 16 tonnellate di feci dei cani (problema in realtà comune ad altre città della Francia) e 350 tonnellate di mozziconi di sigarette, oltre a tentare di svuotare i 30mila cassonetti della spazzatura.

Ad essere finita più volte sotto accusa è la politica del sindaco, Anne Hidalgo, anche per l’urgenza di rivalutare l’immagine di Parigi in vista delle Olimpiadi del 2024, quando gli occhi del mondo saranno puntati verso la capitale francese. La sindaca, si dice parecchio irritata dall’articolo, ha replicato con una velata ironia che sembra riversare il problema verso la scarsa educazione e lo scarsissimo senso civico degli abitanti: “non è possibile mettere uno spazzino dietro ad ogni parigino”.

Attualità
L’anno del #MeToo
L’anno del #MeToo
Il movimento scatenato dal caso Weinstein ha subito un paio di contraccolpi che sembravano averne minato la bontà, ma gli esperti concordano: le accuse si stanno trasformando in processi, e le aziende cambiano le loro politiche interne
Joker, un successo pericoloso
Joker, un successo pericoloso
La straordinaria interpretazione di Joaquin Phenix minacciata da una lettera dei familiari delle vittime del cinema di Aurora e da un allarme lanciato dall’FBI per possibili attentati
La US Navy ammette tre fenomeni aerei non identificati
La US Navy ammette tre fenomeni aerei non identificati
Non è l’ammissione dell’esistenza di visitatori di altri pianeti, ma semplicemente l’impossibilità – al momento – di trovare una risposta scientifica ai fenomeni
E se domani salisse al potere Caligola?
E se domani salisse al potere Caligola?
Le confuse e violente successioni degli imperatori romani sembrano quanto più di distante possibile dalla nostra moderna democrazia. In realtà, senza ricorrere a veleni e pugnali, ancora oggi la politica utilizza i metodi di allora
Barcellona, boom di furti ai turisti
Barcellona, boom di furti ai turisti
Il capoluogo della Catalogna si sta guadagnando la fama di città fra le più violente e insicure al mondo: quasi 15mila fra furti e scippi ogni anno, e i cittadini si mobilitano
Notte di paura per un Bigfoot
Notte di paura per un Bigfoot
Una giovane coppia di fidanzati in campeggio nel Kentucky coinvolti nell’avvistamento della mostruosa creatura: un campeggiatore ha aperto il fuoco, ma loro non hanno visto nulla
Bravi da morire
Bravi da morire
Il passato turbolento di Finnegan Lee Elder e Gabriel Christian Natale-Hjorth, gli assassini del vice-brigadiere Cerciello Rega, ricostruito dal “San Francisco Chronicle”
Il viaggio della bottiglia per una vittima di Manchester
Il viaggio della bottiglia per una vittima di Manchester
Partita dalle coste inglesi, una bottiglia contenente pensieri e messaggi su una ragazzina morta nella strage, è stata ritrovata lungo le spiagge del Salento
Muore la regina del wrestling
Muore la regina del wrestling
Ashley Massaro, Dirty Diva, è morta in un ospedale di New York: la polizia sospetta un’overdose. Potente sul ring ma anche bella, aveva conquistato diverse copertine, compresa quella di Playboy
"Suicida perché era un pedofilo"
"Suicida perché era un pedofilo"
La moglie del suicida dopo un programma tv esulta sui social per la sua morte: "L'ho lasciato perché era un pedofilo, basta pietismo". Era andato in trasmissione per dimostrare alla nuova fidanzata che non l'aveva tradita