Perché l’Ecuador ha mollato Assange

| Ore dopo l’arresto del fondatore di WikiLeaks dal suo rifugio diplomatico, l’Ecuador ha pubblicato una lista di presunte trasgressioni che ha irritato il governo di Quino

+ Miei preferiti
Sul caso di Julian Assange, il fondatore di “WikiLeaks” che dopo sette anni di reclusione nell’ambasciata ecuadoriana di Londra è stato espulso e di conseguenza arrestato, il mondo intero continua a farsi una sola domanda: perché? Cos’è cambiato nei confronti di un uomo su cui pendono diversi mandati di cattura internazionali e accuse di spionaggio che potrebbero portarlo al carcere a vita?

Domande che in qualche modo hanno finito per fare pressione sul governo ecuadoriano, che inizia a fornire spiegazioni attraverso il ministro degli esteri José Valencia e quello degli Interni María Paula Romo: entrambi accusano Assange di comportamenti inopportuni all’interno dell’ambasciata, “dove usava spesso uno scooter nei corridoi, insultava il personale e per spregio spalmava le sue feci sui muri”.

Ma mentre l’Ecuador era senza dubbio stanco dell’ospite, le motivazioni per privare Assange dell’asilo politico e permettere l’ingresso di ufficiali di Scotland Yard sono probabilmente più complesse. WikiLeaks stuzzicava le autorità ecuadoriane da tempo: per mesi, Assange ha portato avanti un’azione legale contro il governo ecuadoriano, accusandolo di violare i suoi diritti introducendo nuove e severe regole all’interno dell’ambasciata. Accuse che lo scorso ottobre un giudice ecuadoriano ha respinto ritenendole del tutto infondate.

Il governo di Quito era anche irritato dal pieno sostegno di Assange al movimento per l’indipendenza catalano: il Ministero degli Esteri aveva più volte ammonito del giornalista di origini australiane di astenersi dal rilasciare dichiarazioni che avrebbe potuto compromettere le relazioni dell’Ecuador con altri paesi, compresa la Spagna.

Ma WikiLeaks non ha mai mollato, scegliendo perfino di alzare la posta: il 25 marzo, il sito dell’organizzazione ha postato un tweet riguardante un’indagine di corruzione contro il presidente ecuadoriano Lenin Moreno. A corredo della rivelazione sono stati divulgate email, messaggi di testo e documenti relativi alla vita privata di Moreno. Ad inasprire i rapporti le accuse del governo ecuadoriano nei confronti di WikiLeaks anche la divulgazione degli “INA Papers”, un fascicolo di documenti che dimostrerebbe la fuga di capitali del presidente verso paradisi fiscali. Proprio questo, secondo WikiLeaks e i suoi sostenitori, è stato il pretesto per mettere la parole fine all’asilo di Assange.

Le relazioni si sono ulteriormente deteriorate mercoledì scorso, quando WikiLeaks ha convocato una conferenza stampa affermando di aver scoperto un’operazione di spionaggio contro Assange all’interno dell’ambasciata. Parlando ai giornalisti a Londra, Kristinn Hrafnsson, attuale direttore di WikiLeaks, ha affermato che l’Ecuador avrebbe fatto registrazioni video e audio di Assange all’interno dell’ambasciata, compresi un esame medico e diversi incontri con i suoi legali. Meno di 24 ore dopo, la cittadinanza ecuadoriana e l’asilo politico di Assange sono state revocate, concedendo addirittura a Scotland Yard il privilegio di rimuoverlo con la forza.

Ma la battaglia contro WikiLeaks non si combatteva solo a Londra: il Ministero dell’Interno giorni fa ha annunciato l’arresto di Ola Bini, esperto svedese di software considerato uno “stretto collaboratore” di Assange, bloccato all’aeroporto di Quito mentre si preparava a volare in Giappone. L’accusa è di collaborare con Ricardo Patiño, ministro degli esteri durante il governo dell’ex presidente Rafael Correa, colui che aveva concesso asilo ad Assange, che nei giorni scorsi aveva commentato la decisione del suo successore di revocare lo status di asilo di Assange “Il più grande tradimento nella storia dell’America Latina”. Probabilmente un’esagerazione, ma qualunque sia la verità, la storia dei turbolenti 2.488 giorni di Assange nell’ambasciata ecuadoriana non è ancora finita.

Attualità
Ritrovata la tomba di Cleopatra?
Ritrovata la tomba di Cleopatra?
Un’archeologa sudamericana è convinta di aver individuato il luogo dove riposa l’ultima regina d’Egitto. Si troverebbe in tempio di Alessandria, insieme a Marco Antonio
L’anno del #MeToo
L’anno del #MeToo
Il movimento scatenato dal caso Weinstein ha subito un paio di contraccolpi che sembravano averne minato la bontà, ma gli esperti concordano: le accuse si stanno trasformando in processi, e le aziende cambiano le loro politiche interne
Joker, un successo pericoloso
Joker, un successo pericoloso
La straordinaria interpretazione di Joaquin Phenix minacciata da una lettera dei familiari delle vittime del cinema di Aurora e da un allarme lanciato dall’FBI per possibili attentati
La US Navy ammette tre fenomeni aerei non identificati
La US Navy ammette tre fenomeni aerei non identificati
Non è l’ammissione dell’esistenza di visitatori di altri pianeti, ma semplicemente l’impossibilità – al momento – di trovare una risposta scientifica ai fenomeni
E se domani salisse al potere Caligola?
E se domani salisse al potere Caligola?
Le confuse e violente successioni degli imperatori romani sembrano quanto più di distante possibile dalla nostra moderna democrazia. In realtà, senza ricorrere a veleni e pugnali, ancora oggi la politica utilizza i metodi di allora
Barcellona, boom di furti ai turisti
Barcellona, boom di furti ai turisti
Il capoluogo della Catalogna si sta guadagnando la fama di città fra le più violente e insicure al mondo: quasi 15mila fra furti e scippi ogni anno, e i cittadini si mobilitano
Notte di paura per un Bigfoot
Notte di paura per un Bigfoot
Una giovane coppia di fidanzati in campeggio nel Kentucky coinvolti nell’avvistamento della mostruosa creatura: un campeggiatore ha aperto il fuoco, ma loro non hanno visto nulla
Bravi da morire
Bravi da morire
Il passato turbolento di Finnegan Lee Elder e Gabriel Christian Natale-Hjorth, gli assassini del vice-brigadiere Cerciello Rega, ricostruito dal “San Francisco Chronicle”
Il viaggio della bottiglia per una vittima di Manchester
Il viaggio della bottiglia per una vittima di Manchester
Partita dalle coste inglesi, una bottiglia contenente pensieri e messaggi su una ragazzina morta nella strage, è stata ritrovata lungo le spiagge del Salento
Muore la regina del wrestling
Muore la regina del wrestling
Ashley Massaro, Dirty Diva, è morta in un ospedale di New York: la polizia sospetta un’overdose. Potente sul ring ma anche bella, aveva conquistato diverse copertine, compresa quella di Playboy