Perché l’Ecuador ha mollato Assange

| Ore dopo l’arresto del fondatore di WikiLeaks dal suo rifugio diplomatico, l’Ecuador ha pubblicato una lista di presunte trasgressioni che ha irritato il governo di Quino

+ Miei preferiti
Sul caso di Julian Assange, il fondatore di “WikiLeaks” che dopo sette anni di reclusione nell’ambasciata ecuadoriana di Londra è stato espulso e di conseguenza arrestato, il mondo intero continua a farsi una sola domanda: perché? Cos’è cambiato nei confronti di un uomo su cui pendono diversi mandati di cattura internazionali e accuse di spionaggio che potrebbero portarlo al carcere a vita?

Domande che in qualche modo hanno finito per fare pressione sul governo ecuadoriano, che inizia a fornire spiegazioni attraverso il ministro degli esteri José Valencia e quello degli Interni María Paula Romo: entrambi accusano Assange di comportamenti inopportuni all’interno dell’ambasciata, “dove usava spesso uno scooter nei corridoi, insultava il personale e per spregio spalmava le sue feci sui muri”.

Ma mentre l’Ecuador era senza dubbio stanco dell’ospite, le motivazioni per privare Assange dell’asilo politico e permettere l’ingresso di ufficiali di Scotland Yard sono probabilmente più complesse. WikiLeaks stuzzicava le autorità ecuadoriane da tempo: per mesi, Assange ha portato avanti un’azione legale contro il governo ecuadoriano, accusandolo di violare i suoi diritti introducendo nuove e severe regole all’interno dell’ambasciata. Accuse che lo scorso ottobre un giudice ecuadoriano ha respinto ritenendole del tutto infondate.

Il governo di Quito era anche irritato dal pieno sostegno di Assange al movimento per l’indipendenza catalano: il Ministero degli Esteri aveva più volte ammonito del giornalista di origini australiane di astenersi dal rilasciare dichiarazioni che avrebbe potuto compromettere le relazioni dell’Ecuador con altri paesi, compresa la Spagna.

Ma WikiLeaks non ha mai mollato, scegliendo perfino di alzare la posta: il 25 marzo, il sito dell’organizzazione ha postato un tweet riguardante un’indagine di corruzione contro il presidente ecuadoriano Lenin Moreno. A corredo della rivelazione sono stati divulgate email, messaggi di testo e documenti relativi alla vita privata di Moreno. Ad inasprire i rapporti le accuse del governo ecuadoriano nei confronti di WikiLeaks anche la divulgazione degli “INA Papers”, un fascicolo di documenti che dimostrerebbe la fuga di capitali del presidente verso paradisi fiscali. Proprio questo, secondo WikiLeaks e i suoi sostenitori, è stato il pretesto per mettere la parole fine all’asilo di Assange.

Le relazioni si sono ulteriormente deteriorate mercoledì scorso, quando WikiLeaks ha convocato una conferenza stampa affermando di aver scoperto un’operazione di spionaggio contro Assange all’interno dell’ambasciata. Parlando ai giornalisti a Londra, Kristinn Hrafnsson, attuale direttore di WikiLeaks, ha affermato che l’Ecuador avrebbe fatto registrazioni video e audio di Assange all’interno dell’ambasciata, compresi un esame medico e diversi incontri con i suoi legali. Meno di 24 ore dopo, la cittadinanza ecuadoriana e l’asilo politico di Assange sono state revocate, concedendo addirittura a Scotland Yard il privilegio di rimuoverlo con la forza.

Ma la battaglia contro WikiLeaks non si combatteva solo a Londra: il Ministero dell’Interno giorni fa ha annunciato l’arresto di Ola Bini, esperto svedese di software considerato uno “stretto collaboratore” di Assange, bloccato all’aeroporto di Quito mentre si preparava a volare in Giappone. L’accusa è di collaborare con Ricardo Patiño, ministro degli esteri durante il governo dell’ex presidente Rafael Correa, colui che aveva concesso asilo ad Assange, che nei giorni scorsi aveva commentato la decisione del suo successore di revocare lo status di asilo di Assange “Il più grande tradimento nella storia dell’America Latina”. Probabilmente un’esagerazione, ma qualunque sia la verità, la storia dei turbolenti 2.488 giorni di Assange nell’ambasciata ecuadoriana non è ancora finita.

Attualità
Brunei: lapidare i gay è giusto
Brunei: lapidare i gay è giusto
In una lettera inviata alla UE, il ricchissimo sultano del paese del Borneo difende l’entrata in vigore delle regole della sharia che prevedono pesanti punizioni corporali per omosessuali e adulteri
No-vax, vegani e la pappa del gatto
No-vax, vegani e la pappa del gatto
La legge inglese punisce chi obbliga i propri animali domestici carnivori a una dieta senza carne, ma ancora non si è espressa contro chi obbliga i propri figli ad ammalarsi perché rifiutano i vaccini
Il drone di Gatwick manovrato dall’aeroporto
Il drone di Gatwick manovrato dall’aeroporto
Sarebbe l’inquietante conclusione a cui è giunta la commissione d’indagine incaricata di risolvere la misteriosa incursione che lo scorso dicembre creò enormi disservizi nell’aeroporto londinese
Notre-Drame
Notre-Drame
Così titola questa mattina “Liberation”: il nostro dramma. Ma non è vero: il rogo che ha semidistrutto la cattedrale parigina è una ferita al cuore del mondo intero
L’arma totale dei marines: la meditazione
L’arma totale dei marines: la meditazione
Sperimentata con successo anche in Iraq, la Mindfulness aiuta a trovare concentrazione nei momenti di grande tensione su campi di battaglia. A breve sarà adottata anche dalla Nato
Lorenzo Cutugno, vittima dimenticata
Lorenzo Cutugno, vittima dimenticata
Nella cerimonia che ricorda il 41esimo anniversario dell’omicidio dell’agente di custodia, assenti le autorità della Polizia Penitenziaria e quelle del Comune. La protesta dell’Osapp
Volo ET302: non fu errore umano
Volo ET302: non fu errore umano
Il ministro dei trasporti etiope anticipa i risultati dell’analisi delle scatole nere: l’unico vero responsabile è il sistema Mcas che ha impedito al pilota di riprendere il controllo
L’Everest restituisce i morti
L’Everest restituisce i morti
Lo scioglimento dei ghiacci riporta alla luce i corpi di alpinisti rimasti sulle cime himalayane. Un lavoro costoso, delicato e impegnativo
Non gilet gialli, ma rapinatori
Non gilet gialli, ma rapinatori
Mescolata all’enorme caos scatenato dalla manifestazione sugli Champs Élysée, una banda di professionisti ha razziato la boutique Bulgari. Ore dopo è emersa la verità: non è stato vandalismo, ma un piano perfetto
Il Boeing etiope era troppo veloce
Il Boeing etiope era troppo veloce
Nell’attesa dei riscontri delle scatole nere, è saltata fuori una comunicazione via radio fra il pilota e la torre di controllo