Volo ET302: non fu errore umano

| Il ministro dei trasporti etiope anticipa i risultati dell’analisi delle scatole nere: l’unico vero responsabile è il sistema Mcas che ha impedito al pilota di riprendere il controllo

+ Miei preferiti
Dagmawit Moges, ministro dei trasporti etiope, ha scelto di anticipare i risultati delle analisi delle scatole nere del volo ET302 della “Ethiopian Airlines” precipitato il 10 marzo scorso causando la morte di 157 persone, fra cui 8 italiani.

Secondo quanto emerge dalla lettura dei dati, che saranno resi noti fra quasi un mese (anche se per il rapporto definitivo sarà necessario attendere un anno), “è da escludere l’errore umano: si tratta di un difetto del software. Il pilota ha tentato più volte di disattivare il controllo automatico, che ha spinto l’aereo in picchiata pochi minuti dopo il decollo dall’aeroporto di Addis Abeba”. Mentre le fasi del decollo sono definite “normali e adeguate”, nei momenti successivi “il pilota ha effettuato diversi tentativi di riprendere il controllo del velivolo, ma l’attivazione del comando di picchiata del sistema antistallo ‘Mcas’ si inseriva in automatico”. Una notizia che confermerebbe i sospetti lanciati nelle ore immediatamente successive alla tragedia, ma che soprattutto inchioderebbero la Boeing alle proprie responsabilità.

Il sistema, creato per impedire agli aerei di continuare a prendere quota, è finito sotto inchiesta negli Stati Uniti perché considerato responsabile anche dello schianto del volo “Lion Air” in Indonesia dell’ottobre dello scorso anno, costato la vita a 189 persone.

Fra le ipotesi escluse quelle della scarsa professionalità dell’equipaggio, definito “con tutte le qualifiche e le certificazioni necessarie”, parole a cui si sono aggiunte quelle di Tewolde Gebremariam, amministratore delegato della compagnia aerea etiope: “Siamo molto orgogliosi delle prestazioni e dell’alto livello dimostrato dall’equipaggio”.

 

Attualità
Joker, un successo pericoloso
Joker, un successo pericoloso
La straordinaria interpretazione di Joaquin Phenix minacciata da una lettera dei familiari delle vittime del cinema di Aurora e da un allarme lanciato dall’FBI per possibili attentati
La US Navy ammette tre fenomeni aerei non identificati
La US Navy ammette tre fenomeni aerei non identificati
Non è l’ammissione dell’esistenza di visitatori di altri pianeti, ma semplicemente l’impossibilità – al momento – di trovare una risposta scientifica ai fenomeni
E se domani salisse al potere Caligola?
E se domani salisse al potere Caligola?
Le confuse e violente successioni degli imperatori romani sembrano quanto più di distante possibile dalla nostra moderna democrazia. In realtà, senza ricorrere a veleni e pugnali, ancora oggi la politica utilizza i metodi di allora
Barcellona, boom di furti ai turisti
Barcellona, boom di furti ai turisti
Il capoluogo della Catalogna si sta guadagnando la fama di città fra le più violente e insicure al mondo: quasi 15mila fra furti e scippi ogni anno, e i cittadini si mobilitano
Notte di paura per un Bigfoot
Notte di paura per un Bigfoot
Una giovane coppia di fidanzati in campeggio nel Kentucky coinvolti nell’avvistamento della mostruosa creatura: un campeggiatore ha aperto il fuoco, ma loro non hanno visto nulla
Bravi da morire
Bravi da morire
Il passato turbolento di Finnegan Lee Elder e Gabriel Christian Natale-Hjorth, gli assassini del vice-brigadiere Cerciello Rega, ricostruito dal “San Francisco Chronicle”
Il viaggio della bottiglia per una vittima di Manchester
Il viaggio della bottiglia per una vittima di Manchester
Partita dalle coste inglesi, una bottiglia contenente pensieri e messaggi su una ragazzina morta nella strage, è stata ritrovata lungo le spiagge del Salento
Muore la regina del wrestling
Muore la regina del wrestling
Ashley Massaro, Dirty Diva, è morta in un ospedale di New York: la polizia sospetta un’overdose. Potente sul ring ma anche bella, aveva conquistato diverse copertine, compresa quella di Playboy
"Suicida perché era un pedofilo"
"Suicida perché era un pedofilo"
La moglie del suicida dopo un programma tv esulta sui social per la sua morte: "L'ho lasciato perché era un pedofilo, basta pietismo". Era andato in trasmissione per dimostrare alla nuova fidanzata che non l'aveva tradita
I piloti dei 737 Max contro la Boeing
I piloti dei 737 Max contro la Boeing
Un audio diffuso dai media americani, registrato poco dopo l’incidente del volo Lion Air, rivela un furioso incontro fra alcuni piloti e i responsabili della Boeing