American amarcord
il ritorno del Bronco

| Un Suv marchiato Ford uscito nel 1966 e rimasto impigliato nella memoria di un allestitore che è pronto a farlo rinascere: in edizione limitata e chiaramente carissima

+ Miei preferiti
Nel 1966, quando il Ford “Bronco” è comparso per la prima volta, il termine Suv non esisteva. John Lennon definisce i Beatles “più popolari di Gesù Cristo”, i “Doors” salgono per l’ultima volta sul palco, mentre se ne va Walt Disney, il papà di Topolino. C’è voglia di novità, di un qualcosa che non si sa cosa sia: ci prova la Ford, che proprio nel 1966 lancia un sasso nello stagno e aspetta i centri concerchici. Si chiama “Bronco”, non è un vero fuoristrada e neanche un duro mezzo militare, è più o meno un urban Suv, ma nessuno sa definirlo con precisione. Lungo 3 metri e 84, nasce dalla fantasia di Donald Nelson Frey, padre della leggendaria “Mustang” diventata il sogno su ruote dell’America libera.

Il primissimo Bronco regge sui mercati, mettendo insieme una carriera lunga 11 anni con momenti in cui riesce a impensierire perfino la Jeep. Nel 1978 arriva un restyling: spedito a vedersela con i nuovi modelli Chevrolet cresce di misure perdendo un po’ dell’identità iniziale.

È il caso di O.J. Simpson, nel 1994, a dare un’inaspettata popolarità al Ford Bronco: nella sua fuga ripresa in diretta da decine di televisioni, inseguito dalla polizia, O.J. usa proprio un Bronco di proprietà di un amico.

Due anni dopo, la Ford annuncia la fine della produzione: l’ultimo esemplare esce dalle catene di montaggio di Wayne, in Michigan, il 12 giugno 1996.

Ora, 22 anni dopo, Jonathan Ward, proprietario della “Icon”, si è messo in testa di riportare sulle strade i Ford Bronco “Old School”, il primo della serie. Ai suoi designer, un obbligo: rispettare quanto più possibile proporzioni e look, da sistemare su un telaio “Art Morrison” personalizzato. Una produzione limitata a pochi esemplari, destinati a nostalgici disposti a sborsare 150mila dollari, tanto per cominciare. Sotto il cofano il Ford Coyote V8 da 5,0 litri con 426 CV.

Articoli correlati
Galleria fotografica
American amarcord<br>il ritorno del Bronco - immagine 1
Auto & moto
Il “Back to the Future” della DeLorean
Il “Back to the Future” della DeLorean
La leggendaria auto protagonista del film sarebbe pronta a tornare in un piccola serie, grazie ad una nuova legge americana che consente il ritorno di modelli storici
Il ritorno dell’Hummer (elettrico)
Il ritorno dell’Hummer (elettrico)
Da simbolo del sogno americano più opulento a quint’essenza della cafonaggine che ammorbava il mondo. La parabola del Suv più esagerato della storia sembra pronta per un altro capitolo
Tesla Cybertruck, “la cosa” è tra noi
Tesla Cybertruck, “la cosa” è tra noi
Difficile da racchiudere in una definizione, per Elon Musk è un super pick-up o giù di lì. A forme così brutte da sembrare piacevoli abbina autonomia record (800 km), capacità di carico da furgonato e riprese rabbiose. Atterrerà nel 2022
Tesla, the european invasion
Tesla, the european invasion
Elon Musk in persona ha annunciato la nascita a Berlino della quarta Giga-factory dedicata a produzione, progettazione e design. Dopo la Cina, parte la conquista della vecchia Europa
Più colonnine elettriche che pompe di benzina
Più colonnine elettriche che pompe di benzina
Storico sorpasso in UK, ora le stazioni di ricarica elettrica superano di 1000 unità i distributori di carburante. Sono 9300 colonnine contro 8400 impianti tradizionali
Furbetti togli-km, con Diogene li smascheri
Furbetti togli-km, con Diogene li smascheri
Il programma italo-svizzero Diogene è in grado di accertare i reali km percorsi da qualsiasi auto, anche non recente. Adottato dai maggiori marchi mondiali. Il fenomeno delle truffe altera il mercato auto
883 o 338? Ecco la mini Harley Davidson made in China
883 o 338? Ecco la mini Harley Davidson made in China
La casa USA sbarca in Asia per aumentare le vendite minacciate dall'età avanzata della sua clientela tradizionale. Moto di piccola cilindrata in collaborazione con Qianjiang Motorcycle Company. Sul mercato nel 2020
FCA, 'vendite di veicoli gonfiate': ritorsioni contro il manager che collabora con l'Fbi
FCA,
Il manager Ram, Reid Bigland, s'è visto tagliare lo stipendio di 2 milioni di dollari: "Una ritorsione perché ho collaborato con l'Fbi su come venivano gonfiati i dati". Replica: "Azienda ha agito secondo le norme"
Red and Green
Red and Green
La nuova Ferrari SF90 Stradale, ovvero la prima supercar ibrida pensate in “verde” nella dinastia delle “Rosse”. Soluzioni e tecnologie di prim’ordine, per una potenza netta di 1.000 CV
Bolla Tesla, terrore a Wall Street
Bolla Tesla, terrore a Wall Street
Conti in rosso e vendite in calo per le auto elettriche. La guerra dei dazi aggrava la crisi dell'impero di Musk. Bruciati 22 miliardi di dollari in pochi mesi, azionisti pronti a liberarsi di azioni e bond. Rischio titoli spazzatura