Baby rock

| Arriva sul mercato la Audi A1 Citycarver, sfiziosa versione crossover del modello più piccolo nella gamma di Ingolstadt. Non le manca nulla, tranne la trazione integrale

+ Miei preferiti
È quel non so che, una voglia che attraversa coloro che ancora decidono di comprare un’auto nuova, a patto che sia qualcosa che sia, o almeno ricordi, un Suv, un crossover, un'integrale. I costruttori l’hanno capito e assecondano, spedendo sul mercato versioni simil-avventurose di modelli in gamma. La A1, come spiega a sufficienza la cifra, è il modello più piccolo del mondo Audi: una berlina compatta a due volumi di segmento B, ma Premium. È arrivata per la prima volta nel 2010, per arginare l’avanzata delle truppe d’assalto della concorrenza, Mini in prima fila. Da lì si è moltiplicata nelle varianti Quattro, Sportback ed S1, con un restyling risalente al 2015 a cui ormai serviva una spintarella per resistere nelle classifiche. L’aiutino da casa è la “Citycarver”, una potente strizzata d’occhio all’universo vincente delle urban crossover che da Ingolsadt definiscono una “all terrain da città”.

Di una offroad ha quasi tutto: assetto rialzato di 4 cm, cerchi in lega rock-style, protezioni metalliche sui paraurti, inserti nero lucido su minigonne, passaruota e griglia frontale ispirata alla famiglia “Q”, spoiler posteriore e gruppi ottici Full-Led. Nove colori disponibili, abbinabili al tetto “Mythos” in versione black o grey, e per chi non si accontenta, oltre all’allestimento “S”, la possibilità di un pack opzionale per rendere più cattivi dettagli d’immagine, mentre all’interno la possibilità di giocare con finiture a contrasto scegliendo fra rame, arancione o argento. All’appello manca solo la definizione madre, allroad, visto che di trazione integrale non ne parla. In compenso, di serie Adaptive Cruise Control, Park Assist, Audi Pre Sense Front, Lane Departure Warning, Audi Virtual Cockpit e sistema di infotainment MMI con display da 10,1” dotato di navigatore di serie.

Debutta con la speciale versione “Edition One”, con cerchi da 18”, tinta esterna Arrow Gray o Pulse Oragne, griglie nero lucido, gruppi ottici bruniti e interni S Line a contrasto.

Non sono ancora stati annunciate le motorizzazioni e i prezzi, ma la Citycarver è ordinabile dal mese di agosto, con le prime consegne previste per la fine dell’anno.

Galleria fotografica
Baby rock - immagine 1
Baby rock - immagine 2
Baby rock - immagine 3
Baby rock - immagine 4
Baby rock - immagine 5
Baby rock - immagine 6
Baby rock - immagine 7
Baby rock - immagine 8
Baby rock - immagine 9
Auto & moto
«500e», il new deal della vecchia, cara Fiat
«500e», il new deal della vecchia, cara Fiat
Debutto in grande stile per il modello full-electric che anticipa la rinascita del marchio torinese e mette in mostra il sofisticato know-how poco prima della nascita del gruppo «Stellantis»
Annullato il Salone dell’Auto di Ginevra
Annullato il Salone dell’Auto di Ginevra
Dopo il Mobile World Congress di Barcellona, è il secondo grande evento europeo a subire le conseguenze del dilagare del coronavirus
Il “Back to the Future” della DeLorean
Il “Back to the Future” della DeLorean
La leggendaria auto protagonista del film sarebbe pronta a tornare in un piccola serie, grazie ad una nuova legge americana che consente il ritorno di modelli storici
Il ritorno dell’Hummer (elettrico)
Il ritorno dell’Hummer (elettrico)
Da simbolo del sogno americano più opulento a quint’essenza della cafonaggine che ammorbava il mondo. La parabola del Suv più esagerato della storia sembra pronta per un altro capitolo
Tesla Cybertruck, “la cosa” è tra noi
Tesla Cybertruck, “la cosa” è tra noi
Difficile da racchiudere in una definizione, per Elon Musk è un super pick-up o giù di lì. A forme così brutte da sembrare piacevoli abbina autonomia record (800 km), capacità di carico da furgonato e riprese rabbiose. Atterrerà nel 2022
Tesla, the european invasion
Tesla, the european invasion
Elon Musk in persona ha annunciato la nascita a Berlino della quarta Giga-factory dedicata a produzione, progettazione e design. Dopo la Cina, parte la conquista della vecchia Europa
Più colonnine elettriche che pompe di benzina
Più colonnine elettriche che pompe di benzina
Storico sorpasso in UK, ora le stazioni di ricarica elettrica superano di 1000 unità i distributori di carburante. Sono 9300 colonnine contro 8400 impianti tradizionali
Furbetti togli-km, con Diogene li smascheri
Furbetti togli-km, con Diogene li smascheri
Il programma italo-svizzero Diogene è in grado di accertare i reali km percorsi da qualsiasi auto, anche non recente. Adottato dai maggiori marchi mondiali. Il fenomeno delle truffe altera il mercato auto
883 o 338? Ecco la mini Harley Davidson made in China
883 o 338? Ecco la mini Harley Davidson made in China
La casa USA sbarca in Asia per aumentare le vendite minacciate dall'età avanzata della sua clientela tradizionale. Moto di piccola cilindrata in collaborazione con Qianjiang Motorcycle Company. Sul mercato nel 2020
FCA, 'vendite di veicoli gonfiate': ritorsioni contro il manager che collabora con l'Fbi
FCA,
Il manager Ram, Reid Bigland, s'è visto tagliare lo stipendio di 2 milioni di dollari: "Una ritorsione perché ho collaborato con l'Fbi su come venivano gonfiati i dati". Replica: "Azienda ha agito secondo le norme"