Caro carburanti? Ecco chi sta peggio di noi

| Guai a far benzina nei Paesi Bassi, il paese europeo più caro. Sconsigliato anche in Danimarca e vietatissimo in Cina, dove servono 2,22 euro al litro

+ Miei preferiti
Dovrebbe essere una domanda dei quiz ministeriali per la patente: sei certo e sicuro di voler diventare una spugna da spremere? Perché quella è l’unica certezza degli automobilisti, categoria fra le più massacrate da sempre, che paga di tasca propria qualsiasi guerra, litigio, crisi o capriccio di borsa. In questo momento, fra il peso delle accise (che promettono tutti di togliere e non leva mai nessuno), gli scambi di cortesie fra Stati Uniti e Iran e la guerra in Libia, non abbiamo di che lamentarci: il prezzo del carburante, in autostrada, supera abbondantemente i 2 euro al litro, mentre in città si oscilla fra 1,80 euro al litro per la benzina e 1,6 per il gasolio. Un piccolo regalino di Pasqua e per il lungo ponte, occasione che da sempre rappresenta la gioia pure dei petrolieri, che danno la colpa al prezzo del barile, ormai prossimo ai 66 dollari, come non succedeva da tempo, dicono loro, anche se nessuno se n’era accorto.

Le associazioni dei consumatori hanno dissotterrato l’ascia di guerra, presentando esposti in 104 procure in tutt’Italia per capire se si profila il reato di aggiotaggio, ovvero “il rialzo fraudolento dei prezzi sul pubblico mercato”.

Ma questo non è ancora nulla, come ricordano le stesse associazioni: se l’Iva aumentasse – o meglio – quando l’Iva aumenterà, i prezzi schizzeranno verso l’alto in modo esponenziale, dando un’altra mazzata ai consumi di un’Italia che zoppica.

A parziale consolazione, può servire sapere che non siamo nemmeno quelli messi peggio: ci sono paesi in cui fare benzina (o gasolio) significa rischiare l’infarto.

Lo racconta il sito globalpetrolprices.com, che divide in fasce di spesa al litro i paesi europei: fra 1 euro e 1,50 si assestano Slovenia (1,20), Austria (1,23), Spagna (1,34) e Irlanda (1,43). Superano gli 1,50 Germania (1,51), Finlandia (1,58) Francia (1,59) e Grecia (1,69). Per finire con i peggiori della lista: Danimarca (1,77) e Paesi Bassi (1,83), al momento il più caro paese europeo. ma anche gli olandesi possono consolarsi: a Hong Kong servono l’equivalente di 2,22 euro per acquistare un litro di carburante. E darsi fuoco da soli.

Auto & moto
«500e», il new deal della vecchia, cara Fiat
«500e», il new deal della vecchia, cara Fiat
Debutto in grande stile per il modello full-electric che anticipa la rinascita del marchio torinese e mette in mostra il sofisticato know-how poco prima della nascita del gruppo «Stellantis»
Annullato il Salone dell’Auto di Ginevra
Annullato il Salone dell’Auto di Ginevra
Dopo il Mobile World Congress di Barcellona, è il secondo grande evento europeo a subire le conseguenze del dilagare del coronavirus
Il “Back to the Future” della DeLorean
Il “Back to the Future” della DeLorean
La leggendaria auto protagonista del film sarebbe pronta a tornare in un piccola serie, grazie ad una nuova legge americana che consente il ritorno di modelli storici
Il ritorno dell’Hummer (elettrico)
Il ritorno dell’Hummer (elettrico)
Da simbolo del sogno americano più opulento a quint’essenza della cafonaggine che ammorbava il mondo. La parabola del Suv più esagerato della storia sembra pronta per un altro capitolo
Tesla Cybertruck, “la cosa” è tra noi
Tesla Cybertruck, “la cosa” è tra noi
Difficile da racchiudere in una definizione, per Elon Musk è un super pick-up o giù di lì. A forme così brutte da sembrare piacevoli abbina autonomia record (800 km), capacità di carico da furgonato e riprese rabbiose. Atterrerà nel 2022
Tesla, the european invasion
Tesla, the european invasion
Elon Musk in persona ha annunciato la nascita a Berlino della quarta Giga-factory dedicata a produzione, progettazione e design. Dopo la Cina, parte la conquista della vecchia Europa
Più colonnine elettriche che pompe di benzina
Più colonnine elettriche che pompe di benzina
Storico sorpasso in UK, ora le stazioni di ricarica elettrica superano di 1000 unità i distributori di carburante. Sono 9300 colonnine contro 8400 impianti tradizionali
Furbetti togli-km, con Diogene li smascheri
Furbetti togli-km, con Diogene li smascheri
Il programma italo-svizzero Diogene è in grado di accertare i reali km percorsi da qualsiasi auto, anche non recente. Adottato dai maggiori marchi mondiali. Il fenomeno delle truffe altera il mercato auto
883 o 338? Ecco la mini Harley Davidson made in China
883 o 338? Ecco la mini Harley Davidson made in China
La casa USA sbarca in Asia per aumentare le vendite minacciate dall'età avanzata della sua clientela tradizionale. Moto di piccola cilindrata in collaborazione con Qianjiang Motorcycle Company. Sul mercato nel 2020
FCA, 'vendite di veicoli gonfiate': ritorsioni contro il manager che collabora con l'Fbi
FCA,
Il manager Ram, Reid Bigland, s'è visto tagliare lo stipendio di 2 milioni di dollari: "Una ritorsione perché ho collaborato con l'Fbi su come venivano gonfiati i dati". Replica: "Azienda ha agito secondo le norme"