FCA, 'vendite di veicoli gonfiate': ritorsioni contro il manager che collabora con l'Fbi

| Il manager Ram, Reid Bigland, s'è visto tagliare lo stipendio di 2 milioni di dollari: "Una ritorsione perché ho collaborato con l'Fbi su come venivano gonfiati i dati". Replica: "Azienda ha agito secondo le norme"

+ Miei preferiti

MICHAEL O'BRIEN

Costa caro rivelare i segreti della propria azienda, specie quelli - apparentemente - non inspirati a quella correttezza che sarebbe auspicabile, sempre. Ammesso che i termini di questa storia, poco diffusa in Italia siano del tutto veri, perchè la replica tenta di smontare una per una le pesanti accuse. Il Detroit News racconta le presunte traversie dell’ex capo delle vendite negli Stati Uniti per Fiat Chrysler Automobiles NV, Reid Bigland (nella foto) che ora ha presentato una causa federale, nelle veste di whistleblower, collaboratore (occulto) della giustizia contro la casa automobilistica italo-americana. Sostiene che è stato trasformato in un capro espiatorio per le pratiche usate per gonfiare il numero di vendite di veicoli, caso ora  sotto inchiesta da parte degli agenti federali.

Reid Bigland supervisiona il marchio Ram, tra le divisioni Fiat Chrysler più redditizie in tutto il mondo. Egli sostiene che i dirigenti della FCA hanno reagito contro di lui perchè aveva collaborato con l'indagine e hanno tagliato la sua retribuzione di oltre il 90 per cento, secondo la causa. Bigland ha perso milioni di dollari e i dirigenti di Fiat Chrysler prevedono di utilizzare il risarcimento trattenuto per pagare le multe o gli accordi transattivi raggiunti con la Securities and Exchange Commission, secondo la causa promosso da una flotta di avvocati. La reazione della casa automobilistica costerà a Bigland più di 1,8 milioni di dollari, sempre secondo le carte della causa. L'azione legale contro il presunto whistleblower  apre uno squarcio di luce all'interno di un'indagine federale in corso ed espone una spaccatura tra uno dei dirigenti della casa automobilistica e il suo datore di lavoro. Separatamente, gli agenti dell'FBI e l'ufficio del procuratore degli Stati Uniti stanno indagando sulla corruzione all'interno dell'industria automobilistica statunitense e, come si dice, hanno portato a casa già otto condanne, tra cui l'ex vice presidente della Fiat Chrysler Alphons Iacobelli. "Hanno avuto la più grande crescita nelle vendite al dettaglio in 17 anni l'anno scorso e si rifiuta di pagarlo", ha detto Deborah Gordon, avvocato di Bigland, ha detto a The Detroit News. "Perché è così? Perché ha partecipato all'indagine della SEC e a loro non piace quello che ha detto".

Bigland dice di aver cooperato con l'indagine della SEC, testimoniando "a lungo" sul rapporto sulle vendite di Fiat Chrysler, che, secondo la causa, è stato a lungo precedente alla sua nomina a capo delle vendite negli Stati Uniti. "Alla fine del 2018, presumibilmente come un modo per concludere la loro indagine con qualche risultato, la SEC ha suggerito al querelante di ammettere di aver commesso qualche torto per quanto riguarda il resoconto mensile delle vendite dei veicoli", ha scritto l'avvocato di Bigland nella causa. "La SEC ha anche suggerito alla FCA una risoluzione che comportava qualche sanzione. Poiché (Bigland) non aveva commesso alcun illecito, e non c'era alcun illecito, ha rifiutato di farlo".

Alla fine dell'anno scorso, Bigland ha scritto una lettera agli investigatori federali per illustrare le pratiche di reporting sulle vendite della Fiat Chrysler, che ha detto di aver ereditato, secondo la causa. La metodologia di vendita era ben nota in tutta l'azienda, compreso il defunto CEO Sergio Marchionne, secondo la causa.  La lettera ha rivelato l'intera portata della partecipazione di Bigland all'indagine governativa e ha riassunto che non aveva manipolato impropriamente la metodologia usata da Fiat Chrysler nel segnalare le vendite, ha detto l'avvocato del dirigente d'auto. Bigland ha inviato il documento alla SEC e al suo datore di lavoro, secondo la causa. Le ritorsioni seguirono presto. "La riluttanza (di Bigland) ad agire come capro espiatorio per i 30 anni di pratica degli imputati che lo hanno preceduto, e la sua franchezza per quanto riguarda la conoscenza di questa pratica da parte degli imputati prima e durante il suo mandato come capo degli Stati Uniti, ha causato la ritorsione di FCA contro il suo manager meno di 2 mesi dopo, trattenendo il suo compenso", ha scritto l'avvocato di Bigland.

"La sua idoneità alla retribuzione extra nella veste di incentivo - come quella di tutti i funzionari aziendali - è soggetta alla determinazione da parte del comitato per la retribuzione del Consiglio di amministrazione per aver soddisfatto le condizioni aziendali e di performance personali applicabili", ha detto FCA in una dichiarazione inviata via e-mail a The News. "L'idoneità del signor Bigland per il suo premio rimane soggetta a tale determinazione e al completamento di una valutazione a livello di consiglio di amministrazione delle questioni che sono oggetto di indagini governative (come precedentemente rivelato da FCA) in cui FCA continua a cooperare. Oltre a ciò, sarebbe inopportuno commentare le controversie in corso o i processi di compensazione interna".   

Fiat Chrysler ha anche reagito perché l'anno scorso Bigland ha venduto le sue azioni della società, "il che, secondo la querela, ha "molto irritato" la casa automobilistica. L'indennizzo di Bigland consiste in uno stipendio base e un bonus annuale e il pagamento delle azioni che riceve tipicamente a marzo. L'8 marzo, il capo delle risorse umane globali di Fiat Chrysler Global Human Resources Chief Linda Knoll ha informato Bigland il pagamento delle azioni e il bonus sono stati trattenuti a tempo indeterminato, secondo il deposito. I dirigenti di Fiat Chrysler hanno citato una "indagine interna" che coinvolge questioni oggetto di indagine da parte della SEC, ha detto l'avvocato di Bigland. I dirigenti della casa automobilistica ha anche ammesso di essere arrabbiato per aver recentemente venduto le sue azioni di proprietà della Fiat Chrysler. La mossa di Fiat Chrysler di trattenere il pagamento delle azioni di Bigland e il bonus gli costerà circa 1,8 milioni di dollari, secondo la causa. I dirigenti della Fiat Chrysler "intendono trattenere questi pagamenti ..... e invece offrire loro, in parte, come multe o transazioni alla SEC a spese dirette (della Bigland), e/o suggerire alla SEC che dovrebbero essere esonerati da ulteriori responsabilità.....", ha scritto l'avvocato di Bigland puntano ad ottenere uno stop delle misure decida FCA contro il manager Ram.

Auto & moto
883 o 338? Ecco la mini Harley Davidson made in China
883 o 338? Ecco la mini Harley Davidson made in China
La casa USA sbarca in Asia per aumentare le vendite minacciate dall'età avanzata della sua clientela tradizionale. Moto di piccola cilindrata in collaborazione con Qianjiang Motorcycle Company. Sul mercato nel 2020
Red and Green
Red and Green
La nuova Ferrari SF90 Stradale, ovvero la prima supercar ibrida pensate in “verde” nella dinastia delle “Rosse”. Soluzioni e tecnologie di prim’ordine, per una potenza netta di 1.000 CV
Bolla Tesla, terrore a Wall Street
Bolla Tesla, terrore a Wall Street
Conti in rosso e vendite in calo per le auto elettriche. La guerra dei dazi aggrava la crisi dell'impero di Musk. Bruciati 22 miliardi di dollari in pochi mesi, azionisti pronti a liberarsi di azioni e bond. Rischio titoli spazzatura
Caro carburanti? Ecco chi sta peggio di noi
Caro carburanti? Ecco chi sta peggio di noi
Guai a far benzina nei Paesi Bassi, il paese europeo più caro. Sconsigliato anche in Danimarca e vietatissimo in Cina, dove servono 2,22 euro al litro
Ferrari P80/C, a gentile richiesta
Ferrari P80/C, a gentile richiesta
La nuova one-off marchiata con il Cavallino Rampante, realizzata su precise indicazioni di un facoltoso collezionista che l’ha battezzata “Rosso Vero”
GM, come muore una fabbrica
GM, come muore una fabbrica
Rabbia e commozione tra i 1700 operai e impiegati della GM di Lordstown in Ohio, quando l'ultima "Cruze" è scesa dalla catena di montaggio. L'azienda vuole licenziare altri 14mila dipendenti: "Stiamo ristrutturando"
V8 celebration
V8 celebration
La Ferrari F8 Tributo, la nuova creatura cresciuta negli orti di Maranello, celebra il premiatissimo V8, uno dei motori Ferrari di serie più potenti di sempre
Ecobonus o Ecomalus?
Tutte le auto premiate e le bocciate
Ecobonus o Ecomalus?<br>Tutte le auto premiate e le bocciate
Domani dovrebbero entrare in vigore i bonus per le auto meno inquinanti e gli aggravi per le altre. Sorpresa: tra le "punite" (dai grillini) anche le utilitarie e le medie più diffuse. Mazzata finale per l'automotive italiano
C38, la nuova monoposto del Biscione
C38, la nuova monoposto del Biscione
Presentata la nuova livrea della vettura che correrà con i colori della Alfa Romeo Racing. I sogni di gloria affidati a Kimi Raikkonen e all’italiano Antonio Giovinazzi
Ecco NERA, moto elettrica stampata in 3d
Ecco NERA, moto elettrica stampata in 3d
Rivoluzionario progetto di una azienda tedesca già in grado di produrre il prototipo di una moto completamente realizzata dalle stampanti. Costo basso, pesi contenuti, emissioni zero. Cambia la mobilità del futuro