McLaren GT, la supercar quotidiana

| Guardatela bene: anche se non sembra, nasce per un uso cittadino e per lunghi spostamenti. Offre 570 litri di bagagliaio e un V8 4 litri biturbo che aiuta ad arrivare molto prima degli altri

+ Miei preferiti
La novità sta tutta nelle due lettere “GT”: al secolo Gran Turismo, definizione adottata in tutto il mondo per definire una vettura dalle prestazioni elevate ma adatta anche alle lunghe percorrenze. Per la prima volta nella sua storia, il marchio di Woking si cimenta in un segmento per lei inedito, provando a riscriverne i parametri girovagando intorno al concetto di partenza: una vettura che possa coprire lunghe distanze senza provocare la sciatica e permettendo ai passeggeri di portarsi qualcosa che sia più di un pareo e un paio di infradito. La risposta sono i 570 litri complessivi di bagagliaio, che non significa poter svuotare l’armadio ma comunque una piacevole concessione, visto che fra un vano anteriore ed uno posteriore in vetro, una sacca da golf o due paia di sci, scarponi e qualche bagaglio ci stanno.

È l’indizio più evidente della “McLaren GT”, che alla faccia delle apparenze nasce esattamente con l’idea di diventare un’auto per tutti i giorni, per quanto sia improbabile pensarla in coda al centro commerciale o in doppia fila davanti all’asilo. Ma la sfida, volendo, è adatta a questi tempi in cui la provocazione è infrangere le convenzioni e uscire dal coro. Ideologie a parte, la GT è un sapiente mix di design, materiali e dinamiche di guida che non possono mancare, parlando di una McLaren. Sterzo idraulico con diverse mappature software (Comfort, Sport e Track) e impianto frenante sono stati rivisti per rispondere adeguatamente anche alle basse velocità, così come l’altezza da terra, che tiene conto dei dissuasori con cui sono disseminate le città.

La carrozzeria, come per le gamme “Sports”, “Super” e “Ultimate Series”, sono 4,7 metri di fibra di carbonio, con un peso totale di 1.530 kg spinti verso l’infinito e oltre dal nuovo V8 4 litri bi-turbo con 620 CV e 630 Nm di coppia massima. Sì, perché quando finalmente si esce dalla città, ad una McLaren si chiede emozione, e 326 km/h sono pronti ad offrirla, insieme a uno scatto 0-100 da coprire in appena 3,2 secondi. I pneumatici sono una particolare versione dei “Pirelli P Zero” con cerchi in lega da 21” al posteriore e da 20” davanti, mentre il cambio è un automatico SSG a 7 rapporti.

All’interno fra pelle, Alcantara (o cachemire, a richiesta), inserti in alluminio zigrinato e paddle al volante, uno schermo da 12,3” TFT con grafica di tipo aeronautico e un raffinato sistema infotainment “Bowers & Wilkins” con 12 casse, subwoofer e navigatore “Here” che informa in tempo reale sul traffico. Fra le opzioni il tetto elettrocromatico che cambia l’intensità con un pulsante.

La McLaren GT è già ordinabile in tutto il mondo, con prezzi (optional esclusi) che partono da 203mila euro. Bisognerà però attendere la fine dell’anno per la consegna. Accidenti.

Galleria fotografica
McLaren GT, la supercar quotidiana - immagine 1
McLaren GT, la supercar quotidiana - immagine 2
McLaren GT, la supercar quotidiana - immagine 3
McLaren GT, la supercar quotidiana - immagine 4
McLaren GT, la supercar quotidiana - immagine 5
McLaren GT, la supercar quotidiana - immagine 6
McLaren GT, la supercar quotidiana - immagine 7
McLaren GT, la supercar quotidiana - immagine 8
McLaren GT, la supercar quotidiana - immagine 9
McLaren GT, la supercar quotidiana - immagine 10
McLaren GT, la supercar quotidiana - immagine 11
McLaren GT, la supercar quotidiana - immagine 12
McLaren GT, la supercar quotidiana - immagine 13
McLaren GT, la supercar quotidiana - immagine 14
McLaren GT, la supercar quotidiana - immagine 15
McLaren GT, la supercar quotidiana - immagine 16
McLaren GT, la supercar quotidiana - immagine 17
Auto & moto
Annullato il Salone dell’Auto di Ginevra
Annullato il Salone dell’Auto di Ginevra
Dopo il Mobile World Congress di Barcellona, è il secondo grande evento europeo a subire le conseguenze del dilagare del coronavirus
Il “Back to the Future” della DeLorean
Il “Back to the Future” della DeLorean
La leggendaria auto protagonista del film sarebbe pronta a tornare in un piccola serie, grazie ad una nuova legge americana che consente il ritorno di modelli storici
Il ritorno dell’Hummer (elettrico)
Il ritorno dell’Hummer (elettrico)
Da simbolo del sogno americano più opulento a quint’essenza della cafonaggine che ammorbava il mondo. La parabola del Suv più esagerato della storia sembra pronta per un altro capitolo
Tesla Cybertruck, “la cosa” è tra noi
Tesla Cybertruck, “la cosa” è tra noi
Difficile da racchiudere in una definizione, per Elon Musk è un super pick-up o giù di lì. A forme così brutte da sembrare piacevoli abbina autonomia record (800 km), capacità di carico da furgonato e riprese rabbiose. Atterrerà nel 2022
Tesla, the european invasion
Tesla, the european invasion
Elon Musk in persona ha annunciato la nascita a Berlino della quarta Giga-factory dedicata a produzione, progettazione e design. Dopo la Cina, parte la conquista della vecchia Europa
Più colonnine elettriche che pompe di benzina
Più colonnine elettriche che pompe di benzina
Storico sorpasso in UK, ora le stazioni di ricarica elettrica superano di 1000 unità i distributori di carburante. Sono 9300 colonnine contro 8400 impianti tradizionali
Furbetti togli-km, con Diogene li smascheri
Furbetti togli-km, con Diogene li smascheri
Il programma italo-svizzero Diogene è in grado di accertare i reali km percorsi da qualsiasi auto, anche non recente. Adottato dai maggiori marchi mondiali. Il fenomeno delle truffe altera il mercato auto
883 o 338? Ecco la mini Harley Davidson made in China
883 o 338? Ecco la mini Harley Davidson made in China
La casa USA sbarca in Asia per aumentare le vendite minacciate dall'età avanzata della sua clientela tradizionale. Moto di piccola cilindrata in collaborazione con Qianjiang Motorcycle Company. Sul mercato nel 2020
FCA, 'vendite di veicoli gonfiate': ritorsioni contro il manager che collabora con l'Fbi
FCA,
Il manager Ram, Reid Bigland, s'è visto tagliare lo stipendio di 2 milioni di dollari: "Una ritorsione perché ho collaborato con l'Fbi su come venivano gonfiati i dati". Replica: "Azienda ha agito secondo le norme"
Red and Green
Red and Green
La nuova Ferrari SF90 Stradale, ovvero la prima supercar ibrida pensate in “verde” nella dinastia delle “Rosse”. Soluzioni e tecnologie di prim’ordine, per una potenza netta di 1.000 CV