SCC Boot, l’offroad che piacerebbe a Steve McQueen

| Un produttore cinematografico e appassionato ha voluto realizzare un piccola serie (in variante da gare e stradale), di un veicolo con cui il grande attore aveva partecipato alla Baja 1000

+ Miei preferiti
Nel 1968, con la complicità di Bud Eskin, Steve McQuenn annuncia la nascita del suo “Baja Boot”, un mezzo off-road estremo con 450 CV sotto il cofano e trazione integrale, con cui partecipa alla “Baja 1000”, un’estenuante e pericolosa competizione partita dal deserto intorno a Las Vegas. Dopo appena 237 miglia, il veicolo ha problemi alla trasmissione ed è costretto al ritiro, ma alla storia non importa: il Baja Boot diventa un altro capitolo nella leggenda di McQueen.

Ora, ben 51 anni dopo, la factory automobilistica americana “Scuderia Cameron Glickenhaus”, di proprietà dell’omonimo produttore cinematografico, regista e imprenditore, ha svelato una replica del Baja Boot, quello che se fosse ancora vivo avrebbe voluto Steve McQueen in persona, sfruttando le più moderne e sofisticate tecnologie. Prodotto in piccola serie, il “SCC Boot”, è stato presentato a “The Quail”, evento collaterale alla Monterey Motor Week, e ancora una volta debutterà il prossimo novembre alla “Baja 1000”.

Realizzato in versione racing e stradale, con passo corto e lungo, due porte e scelta fra tetto rigido o in tela, il Baja Boot stradale nasconde un feroce V8 a benzina General Motors da 460 Cv di potenza con sospensioni indipendenti, serbatoio da 170 litri e pneumatici da 17” Goodrich Mud-Terrain. Nella variante da gara la potenza sale a 650 CV e le sospensioni diventano regolabili.

Galleria fotografica
SCC Boot, l’offroad che piacerebbe a Steve McQueen - immagine 1
SCC Boot, l’offroad che piacerebbe a Steve McQueen - immagine 2
SCC Boot, l’offroad che piacerebbe a Steve McQueen - immagine 3
SCC Boot, l’offroad che piacerebbe a Steve McQueen - immagine 4
SCC Boot, l’offroad che piacerebbe a Steve McQueen - immagine 5
SCC Boot, l’offroad che piacerebbe a Steve McQueen - immagine 6
Auto & moto
«500e», il new deal della vecchia, cara Fiat
«500e», il new deal della vecchia, cara Fiat
Debutto in grande stile per il modello full-electric che anticipa la rinascita del marchio torinese e mette in mostra il sofisticato know-how poco prima della nascita del gruppo «Stellantis»
Annullato il Salone dell’Auto di Ginevra
Annullato il Salone dell’Auto di Ginevra
Dopo il Mobile World Congress di Barcellona, è il secondo grande evento europeo a subire le conseguenze del dilagare del coronavirus
Il “Back to the Future” della DeLorean
Il “Back to the Future” della DeLorean
La leggendaria auto protagonista del film sarebbe pronta a tornare in un piccola serie, grazie ad una nuova legge americana che consente il ritorno di modelli storici
Il ritorno dell’Hummer (elettrico)
Il ritorno dell’Hummer (elettrico)
Da simbolo del sogno americano più opulento a quint’essenza della cafonaggine che ammorbava il mondo. La parabola del Suv più esagerato della storia sembra pronta per un altro capitolo
Tesla Cybertruck, “la cosa” è tra noi
Tesla Cybertruck, “la cosa” è tra noi
Difficile da racchiudere in una definizione, per Elon Musk è un super pick-up o giù di lì. A forme così brutte da sembrare piacevoli abbina autonomia record (800 km), capacità di carico da furgonato e riprese rabbiose. Atterrerà nel 2022
Tesla, the european invasion
Tesla, the european invasion
Elon Musk in persona ha annunciato la nascita a Berlino della quarta Giga-factory dedicata a produzione, progettazione e design. Dopo la Cina, parte la conquista della vecchia Europa
Più colonnine elettriche che pompe di benzina
Più colonnine elettriche che pompe di benzina
Storico sorpasso in UK, ora le stazioni di ricarica elettrica superano di 1000 unità i distributori di carburante. Sono 9300 colonnine contro 8400 impianti tradizionali
Furbetti togli-km, con Diogene li smascheri
Furbetti togli-km, con Diogene li smascheri
Il programma italo-svizzero Diogene è in grado di accertare i reali km percorsi da qualsiasi auto, anche non recente. Adottato dai maggiori marchi mondiali. Il fenomeno delle truffe altera il mercato auto
883 o 338? Ecco la mini Harley Davidson made in China
883 o 338? Ecco la mini Harley Davidson made in China
La casa USA sbarca in Asia per aumentare le vendite minacciate dall'età avanzata della sua clientela tradizionale. Moto di piccola cilindrata in collaborazione con Qianjiang Motorcycle Company. Sul mercato nel 2020
FCA, 'vendite di veicoli gonfiate': ritorsioni contro il manager che collabora con l'Fbi
FCA,
Il manager Ram, Reid Bigland, s'è visto tagliare lo stipendio di 2 milioni di dollari: "Una ritorsione perché ho collaborato con l'Fbi su come venivano gonfiati i dati". Replica: "Azienda ha agito secondo le norme"