Un uomo, una botte, un oceano

| Partito lo scorso dicembre dalle Canarie, Jean-Jacques Savin è arrivato ai Caraibi con la sua piccola “botte”. Si è affidato totalmente all’oceano: dalle correnti ai pesci che ha pescato per sopravvivere

+ Miei preferiti
Prima che partisse, l’avevano definito un “moderno Diogene”, perché la sua impresa ricordava quella del filosofo greco che aveva scelto di vivere in una botte. Ma quella di Jean-Jacques Savin, 71 anni, non era una follia, ma un’impresa condita da una ricerca medico-scientifica.

Savin è tutt’altro che un folle: ex paracadutista militare ed ex ranger in un parco africano, è un appassionato di sport estremi che in vita sua ha attraversato l’Atlantico quattro volte in barca a vela, nel 2015 ha scalato il Monte Bianco e due anni dopo è arrivato secondo al campionato francese di Triathlon. Ma questa volta voleva fare qualcosa di diverso e difficilmente omologabile: si è costruito da solo il suo “Le Vagabond”, un grosso barile lungo tre metri e largo poco più di due, con cui il 26 dicembre scorso si è fatto calare nelle acque dell’oceano Atlantico da El Hierro, nelle Canarie, con l’idea di affidarsi alle correnti. Quattro mesi dopo, è approdato a St. Eustatius, isola dei caraibi olandesi, dopo aver percorso 2.930 km in completa balia dell’oceano.



A bordo aveva tutto, o meglio, niente: un angolo cucina, un letto, una canna da pesca, un boccaporto superiore simile a quello dei sottomarini, quattro oblò per controllare l’esterno e in basso, giusto per dare un’occhiata ai pesci che avrebbe incrociato durante la traversata. Quindi una bottiglia di vino bianco per festeggiare il capodanno e una di rosso per ricordarsi del suo compleanno in completa solitudine. A bordo anche strumenti forniti dal “Wallerstein Medical Center” di Arès, la sua città natale, che attirati dall’idea solo all’apparenza strampalata hanno chiesto di monitorarlo per capire le reazioni del fisico in un ambiente angusto sottoposto a movimento continuo e ininterrotto.

Al suo arrivo, Jean-Jacques Savin è tato celebrato come un eroe, e pare che a qualcuno abbia confidato di avere già in mente la prossima avventura.

Galleria fotografica
Un uomo, una botte, un oceano - immagine 1
Un uomo, una botte, un oceano - immagine 2
Un uomo, una botte, un oceano - immagine 3
Un uomo, una botte, un oceano - immagine 4
Un uomo, una botte, un oceano - immagine 5
Auto & moto
Annullato il Salone dell’Auto di Ginevra
Annullato il Salone dell’Auto di Ginevra
Dopo il Mobile World Congress di Barcellona, è il secondo grande evento europeo a subire le conseguenze del dilagare del coronavirus
Il “Back to the Future” della DeLorean
Il “Back to the Future” della DeLorean
La leggendaria auto protagonista del film sarebbe pronta a tornare in un piccola serie, grazie ad una nuova legge americana che consente il ritorno di modelli storici
Il ritorno dell’Hummer (elettrico)
Il ritorno dell’Hummer (elettrico)
Da simbolo del sogno americano più opulento a quint’essenza della cafonaggine che ammorbava il mondo. La parabola del Suv più esagerato della storia sembra pronta per un altro capitolo
Tesla Cybertruck, “la cosa” è tra noi
Tesla Cybertruck, “la cosa” è tra noi
Difficile da racchiudere in una definizione, per Elon Musk è un super pick-up o giù di lì. A forme così brutte da sembrare piacevoli abbina autonomia record (800 km), capacità di carico da furgonato e riprese rabbiose. Atterrerà nel 2022
Tesla, the european invasion
Tesla, the european invasion
Elon Musk in persona ha annunciato la nascita a Berlino della quarta Giga-factory dedicata a produzione, progettazione e design. Dopo la Cina, parte la conquista della vecchia Europa
Più colonnine elettriche che pompe di benzina
Più colonnine elettriche che pompe di benzina
Storico sorpasso in UK, ora le stazioni di ricarica elettrica superano di 1000 unità i distributori di carburante. Sono 9300 colonnine contro 8400 impianti tradizionali
Furbetti togli-km, con Diogene li smascheri
Furbetti togli-km, con Diogene li smascheri
Il programma italo-svizzero Diogene è in grado di accertare i reali km percorsi da qualsiasi auto, anche non recente. Adottato dai maggiori marchi mondiali. Il fenomeno delle truffe altera il mercato auto
883 o 338? Ecco la mini Harley Davidson made in China
883 o 338? Ecco la mini Harley Davidson made in China
La casa USA sbarca in Asia per aumentare le vendite minacciate dall'età avanzata della sua clientela tradizionale. Moto di piccola cilindrata in collaborazione con Qianjiang Motorcycle Company. Sul mercato nel 2020
FCA, 'vendite di veicoli gonfiate': ritorsioni contro il manager che collabora con l'Fbi
FCA,
Il manager Ram, Reid Bigland, s'è visto tagliare lo stipendio di 2 milioni di dollari: "Una ritorsione perché ho collaborato con l'Fbi su come venivano gonfiati i dati". Replica: "Azienda ha agito secondo le norme"
Red and Green
Red and Green
La nuova Ferrari SF90 Stradale, ovvero la prima supercar ibrida pensate in “verde” nella dinastia delle “Rosse”. Soluzioni e tecnologie di prim’ordine, per una potenza netta di 1.000 CV