Un’altra Tesla va a fuoco

| Questa volta a bordo c’era Michael Morris, regista marito dell’attrice Mary McCormack, che ha diffuso un video. L’ennesimo caso di un’anomalia che è già costata qualche vita

+ Miei preferiti
Il 5 gennaio 2016, una “Tesla Model S” prende fuoco a Brokelandsheia, a 200 km da Oslo, mentre era collegata ad una colonnina di ricarica. Fortunatamente a bordo non c’era nessuno. Il 16 agosto dello stesso anno, un’altra Tesla prende fuoco a Biarritz, in Francia, durante il test drive di un cliente: a bordo c’erano tre persone, che sono riuscite a sfuggire alle fiamme. Poco prima di essere avvolti dalle fiamme ricordano l’accensione di una spia che indicava un’anomalia nel sistema di ricarica delle batterie. Il 23 marzo di quest’anno, un uomo è morto a causa delle ferite riportate dall’incendio improvviso della sua “Tesla Model X”: stava percorrendo la Highway 101 a Mountain View, in California. Due mesi dopo, lo scorso maggio, in Svizzera, a poca distanza dal confine con l’Italia, l’ennesima Tesla ha preso fuoco all’improvviso mentre un automobilista percorreva un tratto autostradale: anche questa volta, l’incidente è costato la vita al conducente.

A questi inquietanti episodi, che gettano una luce sinistra sulle vetture nate dalla fantasia dell’imprenditore Elon Musk, vanno aggiunti dei precedenti risalenti al 2013, anno funestato da ben tre incendi di altrettanti modelli Tesla accaduti nei dintorni di Washington, a Toronto e in Norvegia.

Per concludere l’elenco - ma si teme solo per adesso - arrivano le immagini di una Tesla che un paio di giorni fa ha preso fuoco all’improvviso sul Santa Monica Boulevard, a Los Angeles. Alla guida dell’auto c’era Michael Morris, registra britannico marito di Mary McCormack, attrice conosciuta per aver partecipato a “E.R., medici in prima linea” e in numerose pellicole di successo. È stata proprio lei, a diffondere un Tweet raccontando che il marito era nel traffico quando dalla sua auto ha iniziato a uscire fumo. Per fortuna alcuni passanti se ne sono accorti e hanno avvisato Morris, che è riuscito ad accostare e ad allontanarsi prima che la Tesla prendesse fuoco. “Questo è quello che è successo a mio marito: grazie a chi lo ha avvisato per tempo, e grazie a Dio anche perché le nostre tre figlie non erano con lui”.

Video
Auto & moto
«500e», il new deal della vecchia, cara Fiat
«500e», il new deal della vecchia, cara Fiat
Debutto in grande stile per il modello full-electric che anticipa la rinascita del marchio torinese e mette in mostra il sofisticato know-how poco prima della nascita del gruppo «Stellantis»
Annullato il Salone dell’Auto di Ginevra
Annullato il Salone dell’Auto di Ginevra
Dopo il Mobile World Congress di Barcellona, è il secondo grande evento europeo a subire le conseguenze del dilagare del coronavirus
Il “Back to the Future” della DeLorean
Il “Back to the Future” della DeLorean
La leggendaria auto protagonista del film sarebbe pronta a tornare in un piccola serie, grazie ad una nuova legge americana che consente il ritorno di modelli storici
Il ritorno dell’Hummer (elettrico)
Il ritorno dell’Hummer (elettrico)
Da simbolo del sogno americano più opulento a quint’essenza della cafonaggine che ammorbava il mondo. La parabola del Suv più esagerato della storia sembra pronta per un altro capitolo
Tesla Cybertruck, “la cosa” è tra noi
Tesla Cybertruck, “la cosa” è tra noi
Difficile da racchiudere in una definizione, per Elon Musk è un super pick-up o giù di lì. A forme così brutte da sembrare piacevoli abbina autonomia record (800 km), capacità di carico da furgonato e riprese rabbiose. Atterrerà nel 2022
Tesla, the european invasion
Tesla, the european invasion
Elon Musk in persona ha annunciato la nascita a Berlino della quarta Giga-factory dedicata a produzione, progettazione e design. Dopo la Cina, parte la conquista della vecchia Europa
Più colonnine elettriche che pompe di benzina
Più colonnine elettriche che pompe di benzina
Storico sorpasso in UK, ora le stazioni di ricarica elettrica superano di 1000 unità i distributori di carburante. Sono 9300 colonnine contro 8400 impianti tradizionali
Furbetti togli-km, con Diogene li smascheri
Furbetti togli-km, con Diogene li smascheri
Il programma italo-svizzero Diogene è in grado di accertare i reali km percorsi da qualsiasi auto, anche non recente. Adottato dai maggiori marchi mondiali. Il fenomeno delle truffe altera il mercato auto
883 o 338? Ecco la mini Harley Davidson made in China
883 o 338? Ecco la mini Harley Davidson made in China
La casa USA sbarca in Asia per aumentare le vendite minacciate dall'età avanzata della sua clientela tradizionale. Moto di piccola cilindrata in collaborazione con Qianjiang Motorcycle Company. Sul mercato nel 2020
FCA, 'vendite di veicoli gonfiate': ritorsioni contro il manager che collabora con l'Fbi
FCA,
Il manager Ram, Reid Bigland, s'è visto tagliare lo stipendio di 2 milioni di dollari: "Una ritorsione perché ho collaborato con l'Fbi su come venivano gonfiati i dati". Replica: "Azienda ha agito secondo le norme"