11 settembre 2001, la timeline di una tragedia

| Minuto per minuto, la sequenza del peggior attentato della storia: dall’imbarco dei dirottatori al crollo delle due torri gemelle del World Trade Center

+ Miei preferiti
05:33: Mohammed Atta e Abd al-Aziz al-Umari lasciano il “Comfort Inn” di South Portland, nel Maine, e a bordo di una Nissan Altima si dirigono verso l’aeroporto internazionale di Portland.

06:00: Atta ed Al-Omari partono con il volo “Colgan Air 5930” con destinazione Boston.

06:52: Marwan al-Shehhi, dirottatore del volo “United Airlines 175”, chiama Atta per confermare l'inizio delle operazioni.

07:00: Atta, al-ʿOmari, Satam al-Suwami, Walid al-Shihri e Wa’il al-Shihri si imbarcano sul solo “American Airlines 11”. Al-Suqami e i due fratelli al-Shehri superano un controllo più accurato del loro bagaglio a mano. In un altro gate dello stesso aeroporto, al-Shehhi, Fayez Banihammad, Mohand al-Shihri, Hamza al-Gahmdi e Ahmed al-Ghamdi si imbarcano sul volo “United Airlines 175”.

07:15: Hani Hanjour, Khalid al-Mihdhar, Majed Moqed, Nawaf al-Hazmi e Salem al-Hazmi iniziano le procedure per l’imbarco sul solo “American Airline 77”.

07:30: Zijad Jarrah, Ahmed al-Nami, Sa’id al-Ghamdi e Ahmed al-Haznawi si imbarcano sul volo “United Airlines 93”.

07:59: Il volo AA11, parte con 14 minuti di ritardo dall’aeroporto internazionale “Logan” di Boston con destinazione Los Angeles. A bordo 81 passeggeri e 11 membri dell’equipaggio.

08:13: Il volo AA11 non risponde più ai comandi del Centro della “Federal Aviation Administration” di Boston. I dirottatori entrano in azione probabilmente in quel momento. Intorno a quest’ora viene ucciso Daniel Lewin, ex capitano del “Sayeret Matkel”, le forze speciali antiterrorismo israeliane, nel tentativo di bloccare i dirottatori.

08:14: Il volo UA175 parte dall'aeroporto di Boston anch’esso alla volta di Los Angeles. A bordo 56 passeggeri e 9 membri dell’equipaggio.

08:19: Betty Ong, assistente del volo AA11, contatta la American Airlines per avvertire la compagnia del dirottamento. Secondo i suoi racconti, tre persone, un passeggero della business class e due assistenti di volo, sono state accoltellate.

08:20: Il volo AA77 decolla dall’aeroporto internazionale di Washington “Dulles” con destinazione Los Angeles. A bordo 58 passeggeri e 6 membri dell'equipaggio.

08:21: il transponder del volo AA11 viene disattivato. L’aereo sparisce dai monitor dei controllori di volo.

08:24: Il Centro FAA di Boston riceve una comunicazione dal volo AA11. Un uomo afferma: “Abbiamo alcuni aerei. State tranquilli e andrà tutto bene. Stiamo tornando all’aeroporto”. Circa 20 secondi dopo, un’altra comunicazione, questa volta destinata ai passeggeri: “Nessuno si muova, tutto andrà bene. Se cercate di reagire, metterete in pericolo voi stessi e il velivolo. State tranquilli”. I controllori di volo allertano i superiori.

08:25: L’assistente del volo AA11 Madeline Amy Sweeney contatta Michael Woodward, manager della American Airline, permettendo di identificare i tre dirottatori: al-Omari, Atta e al-Suqami.

08:28: Il Centro FAA di Boston notifica al Centro FAA di Hendon, in Virginia, che il volo AA11 è stato dirottato e che sta punta su New York.

08:33: Dal volo AA11 arriva un’altra comunicazione: “Nessuno si muova, per favore. Stiamo ritornando all’aeroporto. Non cercate di fare mosse stupide”.

08:37: Il centro FAA di Boston avverte i controllori del Northeast Air Defense Sector del dirottamento del volo AA11, richiedendo l’aiuto dei militari per intercettare il velivolo.

08:40: Nella base aerea di Otis, in Massachussets, due F-15 della “US Air Force” si preparano a partire: hanno l’ordine di intercettare il volo AA11 in mano ai terroristi. In quegli stessi istanti, il volo AA11 entra nello spazio aereo di New York.

08:42: Il volo UA93 decolla dall’aeroporto internazionale di Newark alla volta di San Francisco: ha oltre 40 minuti di ritardo. A bordo 37 passeggeri e 7 membri dell'equipaggio. 08:44: I terroristi prendono il controllo del volo UA175, uccidono i piloti e accoltellano alcuni assistenti di volo.

08:46: I due F-15 della base di Otis decollano, tuttavia, essendo il transponder dell’aereo spento, i piloti ricevono l'ordine di portarsi in una zona di cielo nei pressi di Long Island e attendre ulteriori istruzioni.

08:46:30:]Il volo American Airlines 11 si schianta alla velocità 790 km/h fra il 93º e il 99º piano della Torre Nord del Wolrd Trade Center. Il velivolo entra quasi all’interno della Torre, tagliando letteralmente in due i sostegni di tutte e tre le trombe delle scale dell’edificio. Una terribile onda d’urto scuote la Torre, mentre scoppia un violento incendio alimentato dal carburante che fuoriesce dai serbatoi dell’aereo. La forza dell'urto è così devastante che alcuni rottami trapassano da parte a parte il grattacielo. 

08:48 - 08:56: il servizio di sicurezza della Torre Nord ordina la completa evacuazione del grattacielo. Iniziano ad accorrere i vigili del fuoco, la polizia e le prime ambulanze.

08:4610:28: Circa 200 persone,]intrappolate nei piani alti, tentano disperatamente di salvarsi gettandosi nel vuoto. A causa del fumo troppo denso, non è possibile approntare alcun tentativo di salvataggio con gli elicotteri.

08:49: radio e televisione trasmettono le prime contrastanti notizie su un’esplosione o un probabile incidente al WTC. È la CNN la prima ad interrompere la normale programmazione, parlando di “disastro al World Trade Center”. Poco più tardi il vicepresidente della CNN Sean Murtagh, cita per primo un aereo passeggeri.

08:51: Il Centro FAA di New York si accorge che il codice emesso dal transponder del volo UA175 è cambiato. Il Centro comunica all’aereo il codice corretto, ma non ottiene risposta. Il Centro tenta ripetutamente di contattare il velivolo, quindi fa deviare gli altri aerei in volo per tenerli lontani dalla rotta del volo, che ha virato in direzione di New York. Risalgono più o meno a quest’ora diverse telefonate dei passeggeri, che avvisano i propri congiunti del dirottamento.

08:52:  Alcuni ufficiali dichiarano che la Torre Sud del WTC è “sicura” e tutti possono tornare nei loro uffici.

08:55: Il Presidente George W. Bush entra in una classe della Scuola elementare “Emma E. Booker” di Sarasota, in Florida per una visita. Karl Rove, membro del suo staff, lo avverte dello schianto di un “piccolo aereo” contro la Torre Nord del WTC. La Consigliera per la Sicurezza Nazionale Condoleeza Rice parla di un velivolo commerciale. A causa delle notizie frammentarie, Bush e il suo staff sottovalutano laccaduto e decidono di continuare con il programma prestabilito.

08:56: Il transponder del volo AA77 viene disattivato. Il Centro FAA di Indianapolis tenta ripetutamente di contattare via radio il velivolo, mentre questo ha completamente invertito la rotta. I controllori pensano ad un problema di natura tecnica o elettrica, essendo totalmente all'oscuro di quanto già avvenuto al volo AA11.

09:00: I Centri Operativi della United Airlines e della American Airlines vengono informati del dirottamento del volo UA175 e della perdita dei contatti con il volo AA77. Quest'ultimo è ormai chiaramente diretto verso Washington.

09:02: Il Centro FAA di New York avvista il volo UA175. In un primo momento, i controllori pensano ad un aereo in difficoltà, ma pochi istanti dopo, si rendono conto che l’aereo intende schiantarsi da qualche parte.

09:03:11: Il volo United Airlines 175 si schianta ad una velocità di circa 950 km/h fra il 78º e l'84º piano della Torre Sud del World Trade Center. Lo schianto è ripreso da diverse troupetelevisive, che trasmettono le immagini in diretta a milioni di persone in tutto il mondo. Frammenti dell’aereo atterrano fino a sei isolati di distanza. Inizia un’evacuazione di massa dei piani sottostanti alla zona di impatto. Molte persone salgono verso il tetto, nella vana speranza di essere salvati per via aerea. La CNN titola: “Un secondo aereo si schianta nel World Trade Center”.

09:05: La FAA dispone l’ATC Zero, il divieto assoluto di atterraggio e di sorvolo nelle aree di New York, Boston, Cleveland e Washington.

09:06: Andrew Card si avvicina al Presidente Bush e gli sussurra che “Un secondo aereo ha colpito il Worlr Trade Center: l’America è sotto attacco”.]La scena viene ripresa da diverse telecamere: Bush per alcuni minuti continua ad ascoltare gli alunni della scuola, facendo finta di nulla e ignorando le richieste dei servizi segreti di abbandonare immediatamente l’edificio.

09:07: Viene diramato l’ordine a tutti gli aerei di bloccare le porte delle cabine di pilotaggio.

09:10: La American e la United decidono di bloccare le procedure di decollo dei propri aerei su tutto il territorio degli Stati Uniti.

09:13: I due F-15 in attesa su Long Island ottengono l’autorizzazione per portarsi nei cieli di Manhattan a difesa della città di New York.

09:15: Il Presidente Bush si apparta con lo staff in una sala privata della scuola in cui si trova, mettendosi in contatto con il Vicepresidente Dick Cheney, il Consigliere per la Sicurezza Nazionale Condoleeza Rice, il governatore di New York George Pataki e il Direttore dell’FBI Robert Mueller.

09:19: Il Centro FAA di Boston invia al volo Delta 1989 l’ordine di bloccare ogni accesso alla cabina di pilotaggio, temendo che possa essere dirottato. L’aereo sarà costretto ad atterrare a Cleveland e sarà sottoposto a particolari controlli di sicurezza, che daranno esito negativo.

09:20: Barbara Olson, passeggera del volo AA77 e moglie del procuratore Ted Olson, chiama il marito e lo avverte del dirottamento. Il Procuratore informa immediatamente il Dipartimento della Giustizia. La CNN annuncia che fonti dell’FBI parlano di “probabili dirottamenti”.

09:23: Il volo UA93 riceve una comunicazione da parte della United Airlines: “Prestare attenzione alle intrusioni in cabina di pilotaggio. Due velivoli hanno colpito il World Trade Center”.

09:24: Dalla base aerea di Langley, in Virginia, decollano due F-16 con l'ordine di presidiare l’area di Baltimora per interporsi fra Washington e il volo AA11.

09:25: Il Centro FAA di Herndon ordina il “ground stop”, il divieto totale di decollo per qualsiasi aereo su tutto il territorio nazionale.

09:28: I terroristi entrano in azione anche sul volo UA93 ed ingaggiano una colluttazione con il pilota e il primo ufficiale, che lanciano il “mayday”. Qualche secondo più tardi giunge una nuova comunicazione, in cui qualcuno urla: “Ehi! Fuori di qui! Fuori di qui! Fuori di qui!”. I controllori del Centro FAA di Cleveland ascoltano e osservano una perdita di quota dell’aereo.

09:30: Il consigliere anti-terrorismo Richard Clarke ordina la chiusura immediata di tutte le Ambasciate statunitensi nel mondo, l’innalzamento del livello di allerta in tutte le basi militari e l’immediato imbarco del Presidente Bush sull’Air Force One. Contemporaneamente, il Presidente tiene una breve conferenza stampa presso la scuola Booker di fronte a circa 200 persone, dichiarando di dover tornare a Washington per “Una tragedia nazionale in corso”.

09:32: Dal volo UA93 giunge una comunicazione radio. Ziyad Jarrah, pensando di rivolgersi ai passeggeri, afferma: “Signore e signori, qui è il comandante. Per piacere, state seduti. Abbiamo una bomba a bordo”.

09:33: Un supervisore dell’aeroporto di Washington avvisa la Casa Bianca che “Un aereosta venendo verso di voi e noi non riusciamo a contattarlo”, riferendosi al volo AA77.

09:34: Il volo AA77, a 5 miglia dal Pentagono, inizia la virata di 330 gradi che lo porta in soli due minuti e mezzo da una quota di 7.000 ad una di 2.200 piedi.

09:35: Viene ordinata l'immediata evacuazione dell’aeroporto nazionale di Washington Ronald Reagan e del Congresso.

09:36: Il volo UA93 cambia rotta e punta verso Est. Contemporaneamente, un assistente di volo riesce a mettersi in contatto con gli uffici della United Airlines di San Francisco, spiegando che l’aereo è stato dirottato, che i dirottatori affermano di avere una bomba, che sono armati con coltelli e che hanno ucciso un assistente di volo.

09:37:46: Il lo American Airlines 77 si schianta contro la facciata ovest del Pentagono a una velocità di circa 850 km/h. L’aereo penetra a livello del piano terra e del primo piano e attraversa due anelli della struttura.

09:41: Il transponder del volo UA93 viene spento, ma l’aereo continua ad essere strettamente monitorato dal centro FAA di Cleveland.

09:4509:55: Si susseguono varie telefonate dal volo UA93 da parte di passeggeri ed assistenti di volo. Filtrano le prime intenzioni da parte dei passeggeri di “fare qualcosa” per bloccare i dirottatori. Più o meno tutte le comunicazioni si interrompono intorno alle 09:55, pochi istanti prima della reazione dei passeggeri.

09:53: La CNN conferma la notizia dello schianto di un aereo contro il Pentagono.

09:55: Un corrispondente della CNN nomina per la prima volta Osama bin Laden.

09:57: I passeggeri del volo UA93 danno inizio alla rivolta contro i dirottatori.

9:59: Dale Watson, Responsabile della sezione antiterrorismo dell’FBI, avverte il Consigliere anti-terrorismo Richard Clarke che alcuni dei nominativi presenti sulle liste passeggeri degli aerei dirottati risultano legati ad al Qauida. 09:59:04: La Torre Sud del World Trade Center crolla su sé stessa in diretta televisiva mondiale. Sono passati circa 56 minuti dall’impatto del volo UA175. I primi cedimenti nella struttura risalgono almeno alle 09:54. In un primo momento si pensa ad una nuova esplosione o ad un nuovo impatto. Moltissime persone che si trovano nell'area circostante vengono investite da una immensa nuvola di detriti e polvere. Quando la nuvola scompare, la torre è ridotta ad un cumulo di macerie.

10:03:11: Il volo United Airlines 93 si schianta a Shanksille, in Pennsylvania, a sud-est di Pittsburgh. In base a quanto ricostruito dalla scatola nera, lo schianto sarebbe da attribuire ai dirottatori stessi: per evitare che i passeggeri riuscissero a entrare nella cabina di pilotaggio, i quattro terroristi hanno deciso deliberatamente di lanciare in picchiata il velivolo. Lobiettivo, sempre in base alle ricostruzioni, avrebbe dovuto la Casa Bianca o il Copngresso.

10:10: L’ala ovest del Pentagono crolla.

10:1010:18: Il cielo di Washington è protetto da una pattuglia di caccia intercettori. Il vicepresidente Dick Cheney dà l’ordine, su autorizzazione verbale del Presidente Bush, di abbattere qualunque aereo civile dirottato diretto verso la capitale.

10:13: Il Palazzo di Vetro di new York, sede delle Nazioni Unite, viene evacuato. Circa 11.000 persone lasciano l’edificio.

10:28:31: Anche la Torre Nord del WTC crolla su se stessa. Sono passati un’ora e 42 minuti dall’impatto del volo AA11. Nessuno degli occupanti della Torre al di sopra del 98º piano riesce a salvarsi. Nel crollo perdono la vita anche 343 vigili del fuoco e 60 poliziotti. Anche il Marriott Hotel, che si trovava alla base delle due torri, viene totalmente distrutto.

10:3010:40: Giungono nuovi allarmi di altri aerei dirottati in avvicinamento a Washington, rivelatisi successivamente infondati.

10:37: La CNN riporta per prima la notizia, al momento non confermata, che il volo UA93 è precipitato.

11:18: La American Airlines conferma definitivamente di aver perso i voli AA11 ed AA77.

11:26: La United Airlines conferma la perdita del volo UA93 ed esprime “profonda preoccupazione” per il volo UA175.

12:04: l’aeroporto internazionale di Los Angeles viene precauzionalmente evacuato e chiuso: era la destinazione dei voli AA11, AA77 e UA175.

13:04: Il Presidente Bush dichiara lo stato di massima allerta per tutte le basi militari statunitensi in patria e all’estero.

13:44: Le portaerei USS WashingtonUSS Kennedylasciano il porto di Norfolk insieme a cinque unità da combattimento lanciamissili, con lo scopo di schierarsi a protezione della costa orientale degli Stati Uniti.

14:49: Durante una conferenza stampa, il sindaco Giuliani afferma che le vittime del WTC sono “molte di più di quanto chiunque di noi possa sopportare”.

16:00: Tutte le maggiori emittenti considerano Osama bin Laden il sospettato numero uno.

17:21:10: Il WTC7, un edificio di 47 piani posizionato vicino alle Twin Towers, crolla completamente a causa dei danni strutturali subiti durante il crollo delle torri e a causa degli incendi che divampano da ore. 

19:00: Continuano gli sforzi per individuare e trarre in salvo eventuali sopravvissuti dalle macerie delle due torri. Parecchie ambulanze stazionano nell'area in attesa di feriti, mentre centinaia di vigili del fuoco, poliziotti e volontari continuano le operazioni.

20:30: Il Presidente Bush appare in televisione per un messaggio alla nazione dalla Casa Bianca.

Articoli correlati
Galleria fotografica
11 settembre 2001, la timeline di una tragedia - immagine 1
11 settembre 2001, la timeline di una tragedia - immagine 2
11 settembre 2001, la timeline di una tragedia - immagine 3
11 settembre 2001, la timeline di una tragedia - immagine 4
11 settembre 2001, la timeline di una tragedia - immagine 5
Biografie - anniversari
Addio a Peter Fonda
Addio a Peter Fonda
Il leggendario interprete di Esay Rider si è spento a Los Angeles a 79 anni. Era malato da tempo
La bionda che riuscì a non invecchiare
La bionda che riuscì a non invecchiare
Con la morte del 5 agosto 1962, Marilyn Monroe è entrata nella leggenda. Ufficialmente la causa del decesso è il suicidio con barbiturici ma sono numerosi i sospetti che indicano responsabilità della mafia o dei servizi segreti
Strage di Bologna, la verità è ancora lontana
Strage di Bologna, la verità è ancora lontana
L'ex Nar Paolo Bellini, prosciolto nel '92, forse era nella stazione. Il frammento di un film lo inquadrerebbe nell'atrio dopo lo scoppio. Il ruolo di Gilberto Cavallini. Esumato il corpo della vittima più vicina all'esplosione
Addio a Luciano de Crescenzo
Addio a Luciano de Crescenzo
Scrittore e filosofo corredato da una forte dose di ironia, aveva trovato il modo di rendere piacevoli a tutti perfino i più temuti mattoni culturali. Personaggio a tutto tondo, aveva lavorato anche per il cinema e la televisione
È morto Andrea Camilleri
È morto Andrea Camilleri
Il grande scrittore, padre del commissario Montalbano, si è spento a Roma, dov’era stato ricoverato d’urgenza per problemi cardiorespiratori. Aveva 92 anni, e si preparava al debutto alle Terme di Caracalla
La morte (inutile?) di un 'eroe borghese'
La morte (inutile?) di un
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto
Un nome leggendario che dalla Ford era passato alla Chrysler salvandola dalla bancarotta. Di origini italiane, è stato l’incarnazione del sogno americano
10 anni senza Michael Jackson
10 anni senza Michael Jackson
Un anniversario silenzioso per via delle recenti accuse di pedofilia che hanno offuscato il suo talento immenso. La storia e la fine di uno dei più grandi artisti di sempre
Hurricane, vent'anni in prigione innocente
Hurricane, vent
Sono passati 53 anni dalla sparatoria al "Lafayette Bar &Grill", due bianchi vennero uccisi e Rubin Carter, pugile destinato a diventare campione del mondo, fu condannato all'ergastolo da una giuria di bianchi
L’ultima corsa di Gabe Grunewald
L’ultima corsa di Gabe Grunewald
La coraggiosa mezzofondista americana diventata simbolo della lotta al cancro, si è arresa. Dieci anni di battaglie contro quattro diversi tumori che l’hanno aggredita ovunque, a cui lei ha sempre risposto tornando ogni volta in pista