25 anni senza Kurt

| È passato un quarto di secolo da quando il leader dei “Nirvana” si toglie la vita nel garage della sua abitazione. Era finito in una spirale di depressione ed eroina, e niente è riuscito a salvarlo

+ Miei preferiti
La mattina dell’8 aprile 1994, Gary Smith, un elettricista della “Vega Electric” incaricato di installare l’illuminazione di sicurezza nella serra di una casa sul lago Washington, intravede attraverso i vetri un corpo disteso a terra. È quello di Kurt Cobain, il leader dei Nirvana: sembrava dormisse, dichiarerà l’elettricista. Gli usciva un po’ di sangue dal naso e da un orecchio. Accanto al corpo un fucile Remington M-11 calibro 20 e una lettera di addio indirizza a “Boddah”, l’amico immaginario di quando era un bambino, che in un passaggio recitava: “È meglio bruciare in fretta che spegnersi lentamente”.

Fragile, disperato, inquieto, gracile: un angelo biondo che lottava da tempo contro la dipendenza dall’eroina ed era in lotta perenne con i media, che martellavano lui e sua moglie Courtney Love per lo stile di vita irriverente. Muore dimenticando del tutto di essere diventato un’icona vivente della musica grounge e un musicista capace di influenzare la musica e la cultura giovanile degli anni Novanta.

Kurt Donald Cobain era nato ad Aberdeen, Washington, figlio di un meccanico e di una barista. È un bambino tranquillo che dimostra un certo talento: disegna personaggi dei fumetti con cui tappezza la propria cameretta, ma soprattutto ha un orecchio musicale sorprendente. A quattro anni impara a suonare il pianoforte, ascolta i Ramones e i Beatles, ma subisce un profondo shock quando i genitori decidono di divorziare.

Nel 1987, insieme al bassista Krist Novoselic e il batterista Dave Grohl fonda i “Nirvana”, band destinata a diventare una delle più celebri in tutto il mondo: quattro anni dopo l’esordio pubblicano “Nevermind”, il loro capolavoro, un pilastro della musica rock che da solo vende 30 dei 75 milioni di album che i Nirvana venderanno nella loro breve e intensa storia.

Un successo che non basta a Kurt, minato dalla depressione e dal timore di aver perso per strada lo smalto che aveva dato la spinta propulsiva ai Nirvana. L’unica via di fuga è l’eroina, di cui fa un uso smodato per fuggire da tutto, anche dal rapporto con la moglie, ormai disseminato da litigi continui.

L’ultimo concerto il 1° marzo 1994 a Monaco, in Germania: da lì vola a Roma con la moglie e la figlia per una breve vacanza in cui spera di riprendersi da una bronchite e una laringite. Durante la notte all’Hotel Excelsion, Courtney si accorge che suo marito è in overdose: lo ricoverano al policlinico Umberto I, dove resta in coma farmacologico per una notte. Torna negli Stati Uniti, ma le cose non migliorano: l’idea che voglia farla finita è un tarlo nella mente di Courtney Love, che tenta di controllare il marito in ogni modo. Poi arriva la mattina dell’8 aprile 1994, quando Kurt ce l’ha fatta, entrando nel triste “club dei 27”. Gli artisti morti a soli 27 anni di età, con tutta una vita davanti, ma troppo dolore per credere che sia possibile.

Biografie - anniversari
Da quando Senna non corre più
Da quando Senna non corre più
25 anni fa, il campione brasiliano moriva a Imola, alla curva del Tamburello. Di lui in questo tempo si è detto tutto, analizzandone lo stile di guida, l’impeto e la timidezza che l’hanno reso una leggenda
Buon compleanno Pac-Man!
Buon compleanno Pac-Man!
Uno strano bottoncino giallo molto affamato va a caccia di puntini in un labirinto, inseguito da fantasmi che se lo vogliono mangiare. Inventato il 3 aprile 1980, è il videogioco più conosciuto al mondo
Il sacrificio di Marco Biagi
Il sacrificio di Marco Biagi
Temeva per la propria incolumità, ma gli era stata tolta la scorta. Aveva ragione: 17 anni fa, i terroristi delle BR lo aspettavano sotto casa, per punire il suo impegno di riformatore
Addio a Mario Marenco
Addio a Mario Marenco
Uno dei più conosciuti compagni della banda di Renzo Arbore è morto a 85 anni. Architetto di professione, nella carriera nel mondo dello spettacolo era riuscito a creare una galleria di personaggi surreali
Non solo Barbie
Non solo Barbie
La ricerca forsennata di notizie da urlare in poche righe che non mettano in cattiva luce e che non obblighino a faticose riflessioni e prese di posizione: ecco la realtà in cui fretta e superficialità ci stanno conducendo
Addio a Luke Perry
Addio a Luke Perry
Il celebre Dylan McKay di Beverly Hills 90210 è morto a causa dell’ictus che l’aveva colpito giorni fa in modo “devastante”. Aveva appena finito di girare alcune scene per il nuovo film di Quentin Tarantino
Petri, quel poliziotto che morì da eroe
Petri, quel poliziotto che morì da eroe
Emanuele Petri, il 2 marzo 2003, fu ucciso dal brigatista rosso Mario Galesi, a sua volta abbattuto da un altro agente. Il terrorista ferì un modo grave anche un terzo collega. E la sua complice fu arrestata.
Addio all’uomo che ha inventato Ibiza
Addio all’uomo che ha inventato Ibiza
Tony Pike era una leggenda, un’icona, il cuore di Ibiza, l’isola delle Baleari che ha saputo trasformare in una delle località più in voga da decenni
15 anni senza il Pirata
15 anni senza il Pirata
La sera di San Valentino del 2004, Marco Pantani veniva ritrovato morto nella stanza di un hotel di Rimini. Era la fine della vita clamorosa e difficile di uno dei più grandi campioni del ciclismo
Jan Palach, il fuoco eterno
Jan Palach, il fuoco eterno
Cinquant’anni fa un giovane studente sceglie di darsi alle fiamme nel cuore di Praga: una protesa estrema contro la rassegnazione in cui stava piombando il suo paese