A caccia di asfalto

| Due esemplari della famiglia "McLaren Super Series", una più affascinante dell'altra: la nuova scoperta e una supercar che coniuga lusso e velocità

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

570S Spider

Variante scoperta della supercar made in Woking dopo Coupé e GT, la 570s Spider ha un sinuoso monoscocca in fibra di carbonio disposto a coniugarsi in tre varianti diverse di colori creati appositamente per lei: Blue Curacao, Giallo Sicilia e Blue Vega.

Rispetto alla coupé, la presenza dell'hard top a due elementi a scomparsa (si apre e chiude in 15 secondi fino a 40 km/h) e del frangivento azionabile con un pulsante, costringe ad un aumento di peso contenuto in 46 kg - per 1.359 kg totali – mentre nulla cambia per il V8 turbo da 3.8 litri in posizione centrale con 570 CV e 600 Nm di coppia in grado di arrivare ai 328 km/h di velocità massima (315 con tetto aperto), con scatto 0-100 in 3,2 secondi. Cambio automatico-sequenziale a doppia frizione con sette rapporti.

Definita "the convertible without compromise", è una delle scoperte più veloci al mondo.

 

720S

Non nuova (ha debuttato a Ginevra nel marzo scorso), la seconda creatura della "Super Series" vola, letteralmente, sulla spinta di un 4 litri V8 biturbo che si scatena in 720 CV e 770 Nm di coppia, con accelerazione 0-100 in meno di tre secondi.

Una sportiva di lusso e selvaggia, al peso di 1.419 kg, con telaio monoscocca in fibra di carbonio e finiture che spaziano attraverso tessuti e pellame pregiato. In opzione dettagli che non possono mancare, portafogli premettendo: splitter anteriore, sedili racing in carbonio e terminale di scarico sportivo.

Biografie - anniversari
Hurricane, vent'anni in prigione innocente
Hurricane, vent
Sono passati 53 anni dalla sparatoria al "Lafayette Bar &Grill", due bianchi vennero uccisi e Rubin Carter, pugile destinato a diventare campione del mondo, fu condannato all'ergastolo da una giuria di bianchi
L’ultima corsa di Gabe Grunewald
L’ultima corsa di Gabe Grunewald
La coraggiosa mezzofondista americana diventata simbolo della lotta al cancro, si è arresa. Dieci anni di battaglie contro quattro diversi tumori che l’hanno aggredita ovunque, a cui lei ha sempre risposto tornando ogni volta in pista
Addio a Vittorio Zucconi
Addio a Vittorio Zucconi
Grande firma del giornalismo italiano, da tempo americano d’adozione, non aveva mai perso il contatto con la realtà italiana. La sua è stata una carriera di altissimo livello
Apollo 10: ultimo test per la Luna
Apollo 10: ultimo test per la Luna
Cinquant’anni fa veniva lanciata la quarta missione del programma Apollo, una sorta di prova generale di quella che avrebbe consentito il primo sbarco di esseri umani sulla superficie del nostro satellite. Ma c’è chi crede che…
Da quando Senna non corre più
Da quando Senna non corre più
25 anni fa, il campione brasiliano moriva a Imola, alla curva del Tamburello. Di lui in questo tempo si è detto tutto, analizzandone lo stile di guida, l’impeto e la timidezza che l’hanno reso una leggenda
25 anni senza Kurt
25 anni senza Kurt
È passato un quarto di secolo da quando il leader dei “Nirvana” si toglie la vita nel garage della sua abitazione. Era finito in una spirale di depressione ed eroina, e niente è riuscito a salvarlo
Buon compleanno Pac-Man!
Buon compleanno Pac-Man!
Uno strano bottoncino giallo molto affamato va a caccia di puntini in un labirinto, inseguito da fantasmi che se lo vogliono mangiare. Inventato il 3 aprile 1980, è il videogioco più conosciuto al mondo
Il sacrificio di Marco Biagi
Il sacrificio di Marco Biagi
Temeva per la propria incolumità, ma gli era stata tolta la scorta. Aveva ragione: 17 anni fa, i terroristi delle BR lo aspettavano sotto casa, per punire il suo impegno di riformatore
Addio a Mario Marenco
Addio a Mario Marenco
Uno dei più conosciuti compagni della banda di Renzo Arbore è morto a 85 anni. Architetto di professione, nella carriera nel mondo dello spettacolo era riuscito a creare una galleria di personaggi surreali
Non solo Barbie
Non solo Barbie
La ricerca forsennata di notizie da urlare in poche righe che non mettano in cattiva luce e che non obblighino a faticose riflessioni e prese di posizione: ecco la realtà in cui fretta e superficialità ci stanno conducendo