Addio a Doris Day, la fidanzata d’America

| Una delle ultime stelle di un’epoca di Hollywood ormai tramontata per sempre, si è spenta a 97 anni. Da tempo si dedicava a proteggere gli animali

+ Miei preferiti
La chiamavano proprio così, la fidanzata d’America, perché meglio di decine di sue colleghe star di Hollywood, Doris Day non era mai troppo: troppo sfacciata, troppo volgare, troppo facile, troppo svestita. Anzi, Doris era uno dei volti più rassicuranti di un cinema e forse di un’America che non esistono più, e che lei stessa ha visto appassire negli anni, ritirandosi dalle scene per dedicare le forze a salvare gli animali.

Doris Day è morta nella sua residenza di Carmel, di California, per le conseguenze di una polmonite: il 3 aprile scorso aveva compiuto 97 anni ed era stata sommersa da auguri e omaggi dei tanti che non l'avevano mai dimenticata. Doris Marie Anne Kappelhof era nata in un sobborgo di Cincinnati nel 1922, terza figlia di un insegnante di musica e di una casalinga, a loro volta figli di immigrati tedeschi.

Ha 12 anni quando inizia a prendere lezioni di danza, e avrebbe anche talento, ma le speranze di carriera si fermano quando in un incidente stradale le procura una brutta frattura alla gamba. Con la stessa forza di volontà si getta a capofitto nel canto nella recitazione, diventando la voce solista di numerose orchestre, fra cui quella di “Barney Rapp”, che le suggerisce di cambiare il cognome tedesco, troppo duro, nel più dolce Day. Nel 1945 incide quello che è considerato il suo successo più grande, “Sentimental Journey”, brano che scala le classifiche restando al primo posto per diverse settimane. È durante un party a cui in realtà non voleva partecipare - e in cui la costringono addirittura a cantare - che due produttori restano impressionati al punto da volerla presentare al regista Michael Curtiz, che la fa mettere sotto contratto con la “Warner Bros”. Doris debutta nel 1947 in “Romance on the High Seas” (Amore sotto coperta), ma non perde mai i vista la musica: l’album “It’s magic” svetta nelle classifiche e Doris riscuote enorme successo anche come partner radiofonica di Bob Hope in un programma della “NBC”.

Con una carriera che ormai non sembra aver più limiti, Doris Day inizia a inanellare pellicole che la trascinano nell’olimpo di Hollywood: da “Young man with a Horn”, (Chimere, 1950), con Kirk Douglas e Lauren Bacall, ai film con Alfred Hitchcock, che la vuole come protagonista di “L’uomo che sapeva troppo”, in cui Doris canta un altro successo indelebile della sua carriera musicale: “Whatever will be (Que sera, sera)”. Alla metà degli anni Sessanta, non c’è attore o regista con cui Doris Day non abbia lavorato, ma inizia a sentire gli anni che passano e si permette il lusso di rifiutare il ruolo di Mrs Robinson ne “Il laureato”. A 46 anni, nel 1968, lascia ufficialmente il cinema per dedicarsi alla televisione, che per lei crea il “Doris Day Show”. Terry, il suo unico figlio, era il proprietario della villa in cui la banda di Charles Manson trucidò Sharon tate e i suoi amici. Quella sera, avrebbe dovuto esserci anche lui.

Galleria fotografica
Addio a Doris Day, la fidanzata d’America - immagine 1
Addio a Doris Day, la fidanzata d’America - immagine 2
Addio a Doris Day, la fidanzata d’America - immagine 3
Addio a Doris Day, la fidanzata d’America - immagine 4
Addio a Doris Day, la fidanzata d’America - immagine 5
Addio a Doris Day, la fidanzata d’America - immagine 6
Biografie - anniversari
Da quando Senna non corre più
Da quando Senna non corre più
25 anni fa, il campione brasiliano moriva a Imola, alla curva del Tamburello. Di lui in questo tempo si è detto tutto, analizzandone lo stile di guida, l’impeto e la timidezza che l’hanno reso una leggenda
25 anni senza Kurt
25 anni senza Kurt
È passato un quarto di secolo da quando il leader dei “Nirvana” si toglie la vita nel garage della sua abitazione. Era finito in una spirale di depressione ed eroina, e niente è riuscito a salvarlo
Buon compleanno Pac-Man!
Buon compleanno Pac-Man!
Uno strano bottoncino giallo molto affamato va a caccia di puntini in un labirinto, inseguito da fantasmi che se lo vogliono mangiare. Inventato il 3 aprile 1980, è il videogioco più conosciuto al mondo
Il sacrificio di Marco Biagi
Il sacrificio di Marco Biagi
Temeva per la propria incolumità, ma gli era stata tolta la scorta. Aveva ragione: 17 anni fa, i terroristi delle BR lo aspettavano sotto casa, per punire il suo impegno di riformatore
Addio a Mario Marenco
Addio a Mario Marenco
Uno dei più conosciuti compagni della banda di Renzo Arbore è morto a 85 anni. Architetto di professione, nella carriera nel mondo dello spettacolo era riuscito a creare una galleria di personaggi surreali
Non solo Barbie
Non solo Barbie
La ricerca forsennata di notizie da urlare in poche righe che non mettano in cattiva luce e che non obblighino a faticose riflessioni e prese di posizione: ecco la realtà in cui fretta e superficialità ci stanno conducendo
Addio a Luke Perry
Addio a Luke Perry
Il celebre Dylan McKay di Beverly Hills 90210 è morto a causa dell’ictus che l’aveva colpito giorni fa in modo “devastante”. Aveva appena finito di girare alcune scene per il nuovo film di Quentin Tarantino
Petri, quel poliziotto che morì da eroe
Petri, quel poliziotto che morì da eroe
Emanuele Petri, il 2 marzo 2003, fu ucciso dal brigatista rosso Mario Galesi, a sua volta abbattuto da un altro agente. Il terrorista ferì un modo grave anche un terzo collega. E la sua complice fu arrestata.
Addio all’uomo che ha inventato Ibiza
Addio all’uomo che ha inventato Ibiza
Tony Pike era una leggenda, un’icona, il cuore di Ibiza, l’isola delle Baleari che ha saputo trasformare in una delle località più in voga da decenni
15 anni senza il Pirata
15 anni senza il Pirata
La sera di San Valentino del 2004, Marco Pantani veniva ritrovato morto nella stanza di un hotel di Rimini. Era la fine della vita clamorosa e difficile di uno dei più grandi campioni del ciclismo