Addio a Ennio Fantastichini

| Il popolare attore protagonista di numerosi film di successo, si è arreso alla leucemia

+ Miei preferiti
Un altro lutto per il cinema italiano: dopo Bernardo Bertolucci, se ne va Ennio Fantastichini, portato via a 63 anni dalle complicazioni di una leucemia contro cui lottava da tempo. Era ricoverato da due settimane in rianimazione al Policlinico dell’Ospedale Federico II di Napoli.

Nato a Gallese, in provincia di Viterbo, nel febbraio del 1955, era figlio di un maresciallo dei carabinieri: nel 1975 la famiglia si trasferisce a Fiuggi, dove il padre è chiamato a comandare la stazione dei carabinieri. Roma non è distante: Ennio si iscrive all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico” esordendo a 15 anni in un’opera di Samuel Beckett. Nel 1982 arriva il cinema, con “Fuori dal giorno”, seguito da una piccola parte ne “I soliti ignoti vent’anni dopo”, ideale sequel del film di Monicelli del 1958 interpretato da Totò.

Nel 1989 uno dei momenti più alti della sua carriera: interpreta Tommaso Scalia in “Porte Aperte”, di Gianni Amelio, conquistando premi internazionali che lo portano all’attenzione del pubblico e della critica.

Sanguigno, incisivo in ogni ruolo, presta il volto al romano arrogante in “Ferie d’agosto” (regia di Paolo Virzì, 1996), ed è fra i protagonisti di serie di successo come “La Piovra 7” e “Sacco e Vanzetti”. Diventa uno degli attori prediletti dal regista turco Ferzan Ozpetek, che lo vuole in “Saturno contro” e subito dopo in “Mine vaganti”, che a Fantastichini vale il David di Donatello.

In carriera recita in una cinquantina di film, compreso l’ultimo, “Cittadini del mondo”, diretto da Gianni di Gregorio. Altrettanti i ruoli interpretati per la televisione.

Fra i primi a esprimere il proprio dolore Ozpetek, “Se n’è andata la mia mina vagante: il cinema ha perso un grande attore, io un amico e un fratello”. Messaggi di cordoglio anche da Luca Bizzarri, Fabio Volo, Giovanni Veronesi, Daniele Vicari e Alessandro Gassman, che posta un mazzo di fiori e una sola frase: “Buon viaggio Ennio”.

Biografie - anniversari
Coppi, l’amante, il fratello e tutto quanto
Coppi, l’amante, il fratello e tutto quanto
La vita del campionissimo fu sfortunatamente breve ma intensa. Vinse ovunque, fece scandalo nella bigotta Italia degli anni Cinquanta, divise l’Italia per la rivalità con Bartali e perse un fratello, corridore come lui
Quel gran genio di mio marito, Lucio Battisti
Quel gran genio di mio marito, Lucio Battisti
Ricorre oggi l’anniversario della morte del grande cantante, che la moglie ha sempre cercato di proteggere da ogni speculazione tesa a sfruttare la sua opera. A volte in modo ritenuto eccessivo da amici, collaboratori e fan
Addio a Peter Fonda
Addio a Peter Fonda
Il leggendario interprete di Esay Rider si è spento a Los Angeles a 79 anni. Era malato da tempo
La bionda che riuscì a non invecchiare
La bionda che riuscì a non invecchiare
Con la morte del 5 agosto 1962, Marilyn Monroe è entrata nella leggenda. Ufficialmente la causa del decesso è il suicidio con barbiturici ma sono numerosi i sospetti che indicano responsabilità della mafia o dei servizi segreti
Strage di Bologna, la verità è ancora lontana
Strage di Bologna, la verità è ancora lontana
L'ex Nar Paolo Bellini, prosciolto nel '92, forse era nella stazione. Il frammento di un film lo inquadrerebbe nell'atrio dopo lo scoppio. Il ruolo di Gilberto Cavallini. Esumato il corpo della vittima più vicina all'esplosione
Addio a Luciano de Crescenzo
Addio a Luciano de Crescenzo
Scrittore e filosofo corredato da una forte dose di ironia, aveva trovato il modo di rendere piacevoli a tutti perfino i più temuti mattoni culturali. Personaggio a tutto tondo, aveva lavorato anche per il cinema e la televisione
È morto Andrea Camilleri
È morto Andrea Camilleri
Il grande scrittore, padre del commissario Montalbano, si è spento a Roma, dov’era stato ricoverato d’urgenza per problemi cardiorespiratori. Aveva 92 anni, e si preparava al debutto alle Terme di Caracalla
La morte (inutile?) di un 'eroe borghese'
La morte (inutile?) di un
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto
Un nome leggendario che dalla Ford era passato alla Chrysler salvandola dalla bancarotta. Di origini italiane, è stato l’incarnazione del sogno americano
10 anni senza Michael Jackson
10 anni senza Michael Jackson
Un anniversario silenzioso per via delle recenti accuse di pedofilia che hanno offuscato il suo talento immenso. La storia e la fine di uno dei più grandi artisti di sempre