Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto

| Un nome leggendario che dalla Ford era passato alla Chrysler salvandola dalla bancarotta. Di origini italiane, è stato l’incarnazione del sogno americano

+ Miei preferiti
A chi non è appassionato d’auto e motori, il nome di Lee Jacocca, morto questa mattina a 94 anni, dirà assai poco. Eppure, fra le poche leggende che non hanno avuto bisogno di immolarsi morendo in pista o vincendo gare su gare, il suo nome ha svettato, come un gigante.

Figli di immigrati italiani, ha perfettamente incarnato il “sogno americano” rivestendo per decenni il ruolo di eminenza grigia dell’automobilismo mondiale, che significa avere un peso specifico enorme anche sulle scelte del resto del mondo. Negli anni d’oro Detroit era ai suoi piedi: prima alla Ford, poi alla Chrysler avviata bancarotta, che riuscì a salvare. Ma per chi ama le quattro ruote, il nome di Iacocca sarà per sempre legato alla “Mustang”, uno dei modelli più iconici di sempre ed uno dei più venduti nell’ultracentenaria storia dell’automobile.

Lido Anthony Iacocca era nato nel 1924 ad Allentown, in Pennsylvania, da Nicola Iacocca e Antonietta Perrotta, entrambi originari di San Marco dei Cavoti, in provincia di Benevento. Dopo aver lavorato nelle acciaierie della Pennsylvania i due erano riusciti ad aprire lo “Yocco’s Hot Dog”, un fast-food che avrebbe almeno permesso qualche3 agio in più, come risparmiare al piccolo Lee un futuro nelle acciaierie. Va esattamente così: il loro primogenito si diploma e prende la laurea in ingegneria alla “Lehigh University”, vincendo subito dopo una borsa di studio che gli apre le porte della prestigiosa “Princetown University”.Nel 1946 entra alla Ford come ingegnere, passando poco tempo dopo al settore commerciale e quindi allo sviluppo prodotto. Il suo nome diventa una leggenda degli uffici marketing: inventa dal nulla la campagna “56 for 56” in cui batte palmo a palmo la zona che gli è stata assegnata vendendo auto del 1956 a rate di 56 dollari al mese. È un successo di tale portata che stupisce perfino i piani alti della Ford, che lo richiamano nominandolo presidente nel 1964. È iacocca a volere la “Mustang”, la muscle-car democratica, nata per accontentare i “Baby boomes” nati dopo la fine della guerra che non potevano permettersi altro che i sogni. Sua anche la più popolare “Fiesta”, altro successo mondiale e la creazione del marchio di lusso “Mercury”, ben prima di quanto abbiano fatto in tempi recenti quasi tutti i marchi. Finito in contrasto con Henry Ford II, nel 1978 viene clamorosamente licenziato: ad approfittarne è la Chrysler, che dopo un lungo corteggiamento ottiene il via libera da Iacocca, a cui affida un compito disperato: salvare l’azienda dalla bancarotta. La cura di Lee è drastica: riduce gli operai, svende la divisione europea a Peugeot e porta in dote un progetto che aveva pronto per la Ford, quello del “Mini Max”, che si traduce nella nascita di “Dodge Caravan” e “Plymouth Voyager”, due modelli che tracciano la strada inaugurando segmenti fino ad allora esplorati. Sono un successo, ma non basta ancora, e Lee Iacocca gioca il tutto per tutto: prende fiato e si rivolge direttamente al Congresso degli Stati Uniti, a cui chiede sovvenzioni e garanzie per i mutui. Era il 1979, e nessuno mai aveva osato tentare un’operazione simile: sulla spinta della minaccia della perdita di migliaia di posti di lavoro, il Congresso fa la sua parte, anche se ufficialmente si limita a fornire garanzie che ridanno fiato all’azienda.

Il nome di Lee Iacocca a quel punto valica i confini automobilistici per approdare ovunque come l’uomo delle imprese impossibili: nel 1982, Ronald Reagan lo vuole a capo della fondazione “Statue of Liberty-Ellis Island” che ha il compito di mettere insieme i fondi per ristrutturare “Miss Liberty”. Due anni dopo esce la sua autobiografia, “Iacocca: an Autobiography” che diventa un best-seller, le cui vendite sono destinate alla lotta al diabete, male che anni prima si era portato via sua moglie Darrien.

Tornato più volte in Italia, nel paese dei genitori, Iacocca dedica gli ultimi anni aprendo un sito che mette in evidenza le carenze del sistema americano, dalla sanità alle energie alternative, spiegando anche come valutare un candidato alla presidenza americana. “Mio padre era solito dire che se quando muori ti ritrovi con cinque veri amici, allora hai trascorso una grande vita”.

Galleria fotografica
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto - immagine 1
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto - immagine 2
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto - immagine 3
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto - immagine 4
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto - immagine 5
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto - immagine 6
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto - immagine 7
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto - immagine 8
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto - immagine 9
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto - immagine 10
Biografie - anniversari
Coppi, l’amante, il fratello e tutto quanto
Coppi, l’amante, il fratello e tutto quanto
La vita del campionissimo fu sfortunatamente breve ma intensa. Vinse ovunque, fece scandalo nella bigotta Italia degli anni Cinquanta, divise l’Italia per la rivalità con Bartali e perse un fratello, corridore come lui
Quel gran genio di mio marito, Lucio Battisti
Quel gran genio di mio marito, Lucio Battisti
Ricorre oggi l’anniversario della morte del grande cantante, che la moglie ha sempre cercato di proteggere da ogni speculazione tesa a sfruttare la sua opera. A volte in modo ritenuto eccessivo da amici, collaboratori e fan
Addio a Peter Fonda
Addio a Peter Fonda
Il leggendario interprete di Esay Rider si è spento a Los Angeles a 79 anni. Era malato da tempo
La bionda che riuscì a non invecchiare
La bionda che riuscì a non invecchiare
Con la morte del 5 agosto 1962, Marilyn Monroe è entrata nella leggenda. Ufficialmente la causa del decesso è il suicidio con barbiturici ma sono numerosi i sospetti che indicano responsabilità della mafia o dei servizi segreti
Strage di Bologna, la verità è ancora lontana
Strage di Bologna, la verità è ancora lontana
L'ex Nar Paolo Bellini, prosciolto nel '92, forse era nella stazione. Il frammento di un film lo inquadrerebbe nell'atrio dopo lo scoppio. Il ruolo di Gilberto Cavallini. Esumato il corpo della vittima più vicina all'esplosione
Addio a Luciano de Crescenzo
Addio a Luciano de Crescenzo
Scrittore e filosofo corredato da una forte dose di ironia, aveva trovato il modo di rendere piacevoli a tutti perfino i più temuti mattoni culturali. Personaggio a tutto tondo, aveva lavorato anche per il cinema e la televisione
È morto Andrea Camilleri
È morto Andrea Camilleri
Il grande scrittore, padre del commissario Montalbano, si è spento a Roma, dov’era stato ricoverato d’urgenza per problemi cardiorespiratori. Aveva 92 anni, e si preparava al debutto alle Terme di Caracalla
La morte (inutile?) di un 'eroe borghese'
La morte (inutile?) di un
10 anni senza Michael Jackson
10 anni senza Michael Jackson
Un anniversario silenzioso per via delle recenti accuse di pedofilia che hanno offuscato il suo talento immenso. La storia e la fine di uno dei più grandi artisti di sempre
Hurricane, vent'anni in prigione innocente
Hurricane, vent
Sono passati 53 anni dalla sparatoria al "Lafayette Bar &Grill", due bianchi vennero uccisi e Rubin Carter, pugile destinato a diventare campione del mondo, fu condannato all'ergastolo da una giuria di bianchi