Addio a Luke Perry

| Il celebre Dylan McKay di Beverly Hills 90210 è morto a causa dell’ictus che l’aveva colpito giorni fa in modo “devastante”. Aveva appena finito di girare alcune scene per il nuovo film di Quentin Tarantino

+ Miei preferiti
Era scritto, ormai era solo questione di tempo: Luke Perry non ce l’ha fatta, l’icuts - definito “devastante” - che l’aveva colpito tre giorni fa, alla fine ha avuto la meglio. L’attore è morto senza mai riprendere conoscenza al “St. Joseph’s Hospital” di Burbanks, dove era stato ricoverato d’urgenza dopo essere riuscito ad avvisare lui stesso i soccorsi dalla sua abitazione di Sherman Oaks. Aveva due figli, Jack e Sophie, di 22 e 19 anni, nati dal matrimonio con Rachel Sharp, da cui si era separato nel 2003.

Luke era diventato un uomo di 52 anni che oggi interpretava il ruolo di padre, ma neanche il tempo era riuscito a cancellare il fascino che l’aveva reso celebre. Alla metà degli anni Novanta, non c’era ragazzina al mondo che non avesse perso la testa per lui, nel ruolo di Dylan McKay, il sex-symbol di “Beverly Hills 90210”, celebre teen-drama americano creato dai produttori Aaron Spelling e Darren Star che per la prima nella storia della televisione raccontava attraverso le storie di un gruppo di giovani rampolli di uno dei quartieri più ricchi di Los Angeles i problemi degli adolescenti di allora, social a parte non troppo diversi da quelli di oggi: droga, alcol, Aids e sessualità.

Dylan McKay è il ruolo che ha dato fama e celebrità a Luke Perry: allora, a renderle ancora più irresistibile il suo personaggio, oltre alla bellezza ispirata a James Dean, era la fama di bello e dannato ma anche l’indole da solitario e un’esistenza piena zeppa di problemi. In fondo era un po’ lo specchio dell’esistenza reale di Coy Luther Perry III, il suo vero nome, nato a Mansfield, nell’Ohio, l’11 ottobre del 1966. Orfano di padre da quando aveva 14 anni, si avvicina alla recitazione ottenendo piccole parti in soap opera come “Destini” e “Quando si ama”. La svolta arriva negli anni Novanta, quando uno dopo l’altro supera i casting ottenendo il ruolo di Dylan McKay e il lasciapassare per tutte le stagioni, dal 1990 al 2000. Il successo mondiale gli apre le porte del cinema, dove recita in pellicole come “Buffy – L’Ammazzavampiri” e “Il quinto elemento”, finendo anche come guest-star in “Vacanze di Natale ‘95”, con Boldi e De Sica. In realtà, il cinema gli nega lo stesso clamore che la televisione gli aveva regalato: nel 2017 conquista il ruolo di Fred Andrews in “Riverdale”, serie televisiva basata sui personaggi di fumetti della “Archie Comics”.

Per i fans di Beverly Hills 90210 di tutto il mondo, proprio questo doveva essere un anno da incorniciare: a quasi vent’anni di distanza, il reebot del telefilm di culto era stato annunciato come uno degli eventi più attesi della stagione. Luke Perry aveva annunciato che questa volta non sarebbe stato del cast, in compenso aveva appena finito di girare alcune scene del nuovo film di Quentin Tarantino, “Once upon a time in Hollywood”, c’era una volta ad Hollywood.

Al suo capezzale, scrive il sito “TMZ”, c’erano l’ex moglie, i figli, la madre, il patrigno, la sorella e il fratello.

Articoli correlati
Galleria fotografica
Addio a Luke Perry - immagine 1
Addio a Luke Perry - immagine 2
Addio a Luke Perry - immagine 3
Addio a Luke Perry - immagine 4
Addio a Luke Perry - immagine 5
Addio a Luke Perry - immagine 6
Addio a Luke Perry - immagine 7
Addio a Luke Perry - immagine 8
Biografie - anniversari
Coppi, l’amante, il fratello e tutto quanto
Coppi, l’amante, il fratello e tutto quanto
La vita del campionissimo fu sfortunatamente breve ma intensa. Vinse ovunque, fece scandalo nella bigotta Italia degli anni Cinquanta, divise l’Italia per la rivalità con Bartali e perse un fratello, corridore come lui
Quel gran genio di mio marito, Lucio Battisti
Quel gran genio di mio marito, Lucio Battisti
Ricorre oggi l’anniversario della morte del grande cantante, che la moglie ha sempre cercato di proteggere da ogni speculazione tesa a sfruttare la sua opera. A volte in modo ritenuto eccessivo da amici, collaboratori e fan
Addio a Peter Fonda
Addio a Peter Fonda
Il leggendario interprete di Esay Rider si è spento a Los Angeles a 79 anni. Era malato da tempo
La bionda che riuscì a non invecchiare
La bionda che riuscì a non invecchiare
Con la morte del 5 agosto 1962, Marilyn Monroe è entrata nella leggenda. Ufficialmente la causa del decesso è il suicidio con barbiturici ma sono numerosi i sospetti che indicano responsabilità della mafia o dei servizi segreti
Strage di Bologna, la verità è ancora lontana
Strage di Bologna, la verità è ancora lontana
L'ex Nar Paolo Bellini, prosciolto nel '92, forse era nella stazione. Il frammento di un film lo inquadrerebbe nell'atrio dopo lo scoppio. Il ruolo di Gilberto Cavallini. Esumato il corpo della vittima più vicina all'esplosione
Addio a Luciano de Crescenzo
Addio a Luciano de Crescenzo
Scrittore e filosofo corredato da una forte dose di ironia, aveva trovato il modo di rendere piacevoli a tutti perfino i più temuti mattoni culturali. Personaggio a tutto tondo, aveva lavorato anche per il cinema e la televisione
È morto Andrea Camilleri
È morto Andrea Camilleri
Il grande scrittore, padre del commissario Montalbano, si è spento a Roma, dov’era stato ricoverato d’urgenza per problemi cardiorespiratori. Aveva 92 anni, e si preparava al debutto alle Terme di Caracalla
La morte (inutile?) di un 'eroe borghese'
La morte (inutile?) di un
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto
Un nome leggendario che dalla Ford era passato alla Chrysler salvandola dalla bancarotta. Di origini italiane, è stato l’incarnazione del sogno americano
10 anni senza Michael Jackson
10 anni senza Michael Jackson
Un anniversario silenzioso per via delle recenti accuse di pedofilia che hanno offuscato il suo talento immenso. La storia e la fine di uno dei più grandi artisti di sempre