Addio a Luke Perry

| Il celebre Dylan McKay di Beverly Hills 90210 è morto a causa dell’ictus che l’aveva colpito giorni fa in modo “devastante”. Aveva appena finito di girare alcune scene per il nuovo film di Quentin Tarantino

+ Miei preferiti
Era scritto, ormai era solo questione di tempo: Luke Perry non ce l’ha fatta, l’icuts - definito “devastante” - che l’aveva colpito tre giorni fa, alla fine ha avuto la meglio. L’attore è morto senza mai riprendere conoscenza al “St. Joseph’s Hospital” di Burbanks, dove era stato ricoverato d’urgenza dopo essere riuscito ad avvisare lui stesso i soccorsi dalla sua abitazione di Sherman Oaks. Aveva due figli, Jack e Sophie, di 22 e 19 anni, nati dal matrimonio con Rachel Sharp, da cui si era separato nel 2003.

Luke era diventato un uomo di 52 anni che oggi interpretava il ruolo di padre, ma neanche il tempo era riuscito a cancellare il fascino che l’aveva reso celebre. Alla metà degli anni Novanta, non c’era ragazzina al mondo che non avesse perso la testa per lui, nel ruolo di Dylan McKay, il sex-symbol di “Beverly Hills 90210”, celebre teen-drama americano creato dai produttori Aaron Spelling e Darren Star che per la prima nella storia della televisione raccontava attraverso le storie di un gruppo di giovani rampolli di uno dei quartieri più ricchi di Los Angeles i problemi degli adolescenti di allora, social a parte non troppo diversi da quelli di oggi: droga, alcol, Aids e sessualità.

Dylan McKay è il ruolo che ha dato fama e celebrità a Luke Perry: allora, a renderle ancora più irresistibile il suo personaggio, oltre alla bellezza ispirata a James Dean, era la fama di bello e dannato ma anche l’indole da solitario e un’esistenza piena zeppa di problemi. In fondo era un po’ lo specchio dell’esistenza reale di Coy Luther Perry III, il suo vero nome, nato a Mansfield, nell’Ohio, l’11 ottobre del 1966. Orfano di padre da quando aveva 14 anni, si avvicina alla recitazione ottenendo piccole parti in soap opera come “Destini” e “Quando si ama”. La svolta arriva negli anni Novanta, quando uno dopo l’altro supera i casting ottenendo il ruolo di Dylan McKay e il lasciapassare per tutte le stagioni, dal 1990 al 2000. Il successo mondiale gli apre le porte del cinema, dove recita in pellicole come “Buffy – L’Ammazzavampiri” e “Il quinto elemento”, finendo anche come guest-star in “Vacanze di Natale ‘95”, con Boldi e De Sica. In realtà, il cinema gli nega lo stesso clamore che la televisione gli aveva regalato: nel 2017 conquista il ruolo di Fred Andrews in “Riverdale”, serie televisiva basata sui personaggi di fumetti della “Archie Comics”.

Per i fans di Beverly Hills 90210 di tutto il mondo, proprio questo doveva essere un anno da incorniciare: a quasi vent’anni di distanza, il reebot del telefilm di culto era stato annunciato come uno degli eventi più attesi della stagione. Luke Perry aveva annunciato che questa volta non sarebbe stato del cast, in compenso aveva appena finito di girare alcune scene del nuovo film di Quentin Tarantino, “Once upon a time in Hollywood”, c’era una volta ad Hollywood.

Al suo capezzale, scrive il sito “TMZ”, c’erano l’ex moglie, i figli, la madre, il patrigno, la sorella e il fratello.

Articoli correlati
Galleria fotografica
Addio a Luke Perry - immagine 1
Addio a Luke Perry - immagine 2
Addio a Luke Perry - immagine 3
Addio a Luke Perry - immagine 4
Addio a Luke Perry - immagine 5
Addio a Luke Perry - immagine 6
Addio a Luke Perry - immagine 7
Addio a Luke Perry - immagine 8
Biografie - anniversari
Il principe un passo indietro
Il principe un passo indietro
L’amore e la devozione con cui per 73 anni, Filippo di Edimburgo ha accettato di seguire e sorreggere la moglie. Fondamentale il suo ruolo dietro le quinte nei momenti migliori e peggiori della monarchia
Ricordando Massimo
Ricordando Massimo
Addio a Lawrence Ferlinghetti, il padre del Beat
Addio a Lawrence Ferlinghetti, il padre del Beat
Fondatore della City Lights di San Francisco, libreria e casa editrice che aveva pubblicato volumi considerati così scomodi da costargli una condanna. L’ultimo anno era stato guastato dalle difficoltà economiche figlie della pandemia
Addio a Larry Flynt, il bad-boy del porno
Addio a Larry Flynt, il bad-boy del porno
Nato poverissimo nelle campagne del Kentucky, aveva iniziato riempiendo un bar di ballerine nude. Nel 1974 fonda “Hustler”, la rivista che diventerà l’icona dell’impero
Il mondo dice addio a 007
Il mondo dice addio a 007
A 90 anni, Sean Connery si è spento nella sua residenza alle Bahamas. Nel 2005 aveva annunciato il ritiro dalle scene, dopo una carriera lunga e ricca di soddisfazioni. Per cinque volte aveva vestito i panni di James Bond
Addio a Ennio Morricone
Addio a Ennio Morricone
Il grande compositore si è spento a 93 anni in una clinica dov'era ricoverato da qualche giorno
Addio a Luis Sepúlveda
Addio a Luis Sepúlveda
Lo scrittore cileno si è spento in un ospedale di Oviedo, in Spagna, dove era ricoverato da più di un mese e mezzo per coronavirus
Addio a Stirling Moss, l’eterno secondo
Addio a Stirling Moss, l’eterno secondo
Il leggendario pilota inglese si è spento a Londra a 90 anni dopo una lunga malattia. Nella sua lunga carriera un solo rammarico: non aver mai vinto un mondiale, per colpa di Fangio
Addio a Suor Germana, la cuoca di Dio
Addio a Suor Germana, la cuoca di Dio
Molto prima dell’invasione di chef e cooking-show, era diventata un personaggio televisivo e la prolifica autrice di oltre 40 volumi di ricette venduti in milioni di copie
Addio a Danny Aiello, simbolo degli italoamericani
Addio a Danny Aiello, simbolo degli italoamericani
Figlio di operai di origini italiane, era diventato uno dei caratteristi più apprezzati di Hollywood: a lui toccava spesso il ruolo di mafioso, buttafuori, tassista o agente di polizia