Addio a Luke Perry

| Il celebre Dylan McKay di Beverly Hills 90210 è morto a causa dell’ictus che l’aveva colpito giorni fa in modo “devastante”. Aveva appena finito di girare alcune scene per il nuovo film di Quentin Tarantino

+ Miei preferiti
Era scritto, ormai era solo questione di tempo: Luke Perry non ce l’ha fatta, l’icuts - definito “devastante” - che l’aveva colpito tre giorni fa, alla fine ha avuto la meglio. L’attore è morto senza mai riprendere conoscenza al “St. Joseph’s Hospital” di Burbanks, dove era stato ricoverato d’urgenza dopo essere riuscito ad avvisare lui stesso i soccorsi dalla sua abitazione di Sherman Oaks. Aveva due figli, Jack e Sophie, di 22 e 19 anni, nati dal matrimonio con Rachel Sharp, da cui si era separato nel 2003.

Luke era diventato un uomo di 52 anni che oggi interpretava il ruolo di padre, ma neanche il tempo era riuscito a cancellare il fascino che l’aveva reso celebre. Alla metà degli anni Novanta, non c’era ragazzina al mondo che non avesse perso la testa per lui, nel ruolo di Dylan McKay, il sex-symbol di “Beverly Hills 90210”, celebre teen-drama americano creato dai produttori Aaron Spelling e Darren Star che per la prima nella storia della televisione raccontava attraverso le storie di un gruppo di giovani rampolli di uno dei quartieri più ricchi di Los Angeles i problemi degli adolescenti di allora, social a parte non troppo diversi da quelli di oggi: droga, alcol, Aids e sessualità.

Dylan McKay è il ruolo che ha dato fama e celebrità a Luke Perry: allora, a renderle ancora più irresistibile il suo personaggio, oltre alla bellezza ispirata a James Dean, era la fama di bello e dannato ma anche l’indole da solitario e un’esistenza piena zeppa di problemi. In fondo era un po’ lo specchio dell’esistenza reale di Coy Luther Perry III, il suo vero nome, nato a Mansfield, nell’Ohio, l’11 ottobre del 1966. Orfano di padre da quando aveva 14 anni, si avvicina alla recitazione ottenendo piccole parti in soap opera come “Destini” e “Quando si ama”. La svolta arriva negli anni Novanta, quando uno dopo l’altro supera i casting ottenendo il ruolo di Dylan McKay e il lasciapassare per tutte le stagioni, dal 1990 al 2000. Il successo mondiale gli apre le porte del cinema, dove recita in pellicole come “Buffy – L’Ammazzavampiri” e “Il quinto elemento”, finendo anche come guest-star in “Vacanze di Natale ‘95”, con Boldi e De Sica. In realtà, il cinema gli nega lo stesso clamore che la televisione gli aveva regalato: nel 2017 conquista il ruolo di Fred Andrews in “Riverdale”, serie televisiva basata sui personaggi di fumetti della “Archie Comics”.

Per i fans di Beverly Hills 90210 di tutto il mondo, proprio questo doveva essere un anno da incorniciare: a quasi vent’anni di distanza, il reebot del telefilm di culto era stato annunciato come uno degli eventi più attesi della stagione. Luke Perry aveva annunciato che questa volta non sarebbe stato del cast, in compenso aveva appena finito di girare alcune scene del nuovo film di Quentin Tarantino, “Once upon a time in Hollywood”, c’era una volta ad Hollywood.

Al suo capezzale, scrive il sito “TMZ”, c’erano l’ex moglie, i figli, la madre, il patrigno, la sorella e il fratello.

Articoli correlati
Galleria fotografica
Addio a Luke Perry - immagine 1
Addio a Luke Perry - immagine 2
Addio a Luke Perry - immagine 3
Addio a Luke Perry - immagine 4
Addio a Luke Perry - immagine 5
Addio a Luke Perry - immagine 6
Addio a Luke Perry - immagine 7
Addio a Luke Perry - immagine 8
Biografie - anniversari
Da quando Senna non corre più
Da quando Senna non corre più
25 anni fa, il campione brasiliano moriva a Imola, alla curva del Tamburello. Di lui in questo tempo si è detto tutto, analizzandone lo stile di guida, l’impeto e la timidezza che l’hanno reso una leggenda
25 anni senza Kurt
25 anni senza Kurt
È passato un quarto di secolo da quando il leader dei “Nirvana” si toglie la vita nel garage della sua abitazione. Era finito in una spirale di depressione ed eroina, e niente è riuscito a salvarlo
Buon compleanno Pac-Man!
Buon compleanno Pac-Man!
Uno strano bottoncino giallo molto affamato va a caccia di puntini in un labirinto, inseguito da fantasmi che se lo vogliono mangiare. Inventato il 3 aprile 1980, è il videogioco più conosciuto al mondo
Il sacrificio di Marco Biagi
Il sacrificio di Marco Biagi
Temeva per la propria incolumità, ma gli era stata tolta la scorta. Aveva ragione: 17 anni fa, i terroristi delle BR lo aspettavano sotto casa, per punire il suo impegno di riformatore
Addio a Mario Marenco
Addio a Mario Marenco
Uno dei più conosciuti compagni della banda di Renzo Arbore è morto a 85 anni. Architetto di professione, nella carriera nel mondo dello spettacolo era riuscito a creare una galleria di personaggi surreali
Non solo Barbie
Non solo Barbie
La ricerca forsennata di notizie da urlare in poche righe che non mettano in cattiva luce e che non obblighino a faticose riflessioni e prese di posizione: ecco la realtà in cui fretta e superficialità ci stanno conducendo
Petri, quel poliziotto che morì da eroe
Petri, quel poliziotto che morì da eroe
Emanuele Petri, il 2 marzo 2003, fu ucciso dal brigatista rosso Mario Galesi, a sua volta abbattuto da un altro agente. Il terrorista ferì un modo grave anche un terzo collega. E la sua complice fu arrestata.
Addio all’uomo che ha inventato Ibiza
Addio all’uomo che ha inventato Ibiza
Tony Pike era una leggenda, un’icona, il cuore di Ibiza, l’isola delle Baleari che ha saputo trasformare in una delle località più in voga da decenni
15 anni senza il Pirata
15 anni senza il Pirata
La sera di San Valentino del 2004, Marco Pantani veniva ritrovato morto nella stanza di un hotel di Rimini. Era la fine della vita clamorosa e difficile di uno dei più grandi campioni del ciclismo
Jan Palach, il fuoco eterno
Jan Palach, il fuoco eterno
Cinquant’anni fa un giovane studente sceglie di darsi alle fiamme nel cuore di Praga: una protesa estrema contro la rassegnazione in cui stava piombando il suo paese