Addio a Pinketts, il re del noir milanese

| Lo scrittore si è spento a 57 anni all’ospedale Niguarda di Milano. Una vita avventurosa e sempre sopra le righe, la scoperta del genere noir e alla fine il male che lui riusciva anche a prendere in giro

+ Miei preferiti
“Non desiderare la donna d’altri: prendila”. Andrea G. Pinketts era fatto così, ovunque andasse amava giocare col suo personaggio sopra le righe, perennemente confuso fra un panama calcato sulla testa, il fumo ingombrante di un sigaro e le sue camice sgargianti.

Si chiamava Andrea Giovanni Pinchetti, cognome troppo banale e troppo milanese per lui: perfino Giovanni, nel suo pseudonimo, diventa l’iniziale di “Genius”. Classe 1961, figlio benestante della Milano da bere, faccia da calamita per le cattive compagnie e le notti in bianco fra locali che per tutti gli altri erano “equivoci”, bazzicava la zona della Darsena e quella di piazza Wagner, odiava i social e al computer preferiva una Montblanc, un foglio di carta e il giorno di Ognissanti, l’unico dell’anno in cui iniziava i suoi romanzi.

Ma prima di dedicarsi ai “noir” era stato pugile, fotomodello, attore (nel 1987, ha una parte in “Via Montenapoleone” di Carlo Vanzina), e per finire opinionista televisivo, uno di quelli che potevi essere certo che avrebbe scatenato una mezza rissa in diretta, perché Pinketts non le mandava a dire.

L’esordio nel 1992, con “Lazzaro, vieni fuori”, l’occasione in cui crea la figura di Lazzaro Santandrea, investigatore improvvisato e un po’ grottesco, ma capace ugualmente di risolvere i misteri di omicidi inquietanti. Un personaggio che diventerà il suo perfetto alter ego: anche lui pugile, fotomodello, attore, amante della donne, della birra Guinness e dell’antico toscano.

Da quel momento, Pinketts diventa un personaggio, o meglio, è il pubblico ad accorgersene, perché lui non cambia e non sa fingere: davanti o dietro ad una telecamera è fatto così. Vince premi letterari, scrive per riviste come “Esquire”, “Panorama” e “Playboy”, e con le sue inchieste aiuta a dare una svolta alle indagini sulla setta dei “Bambini di Satana” e descrive il profilo di Luigi Chiatti, il “mostro di Foligno”. Incapace di fermarsi, la sua attività diventa frenetica: nel 2004 scrive “Orco Loco”, un musical che affida a Francesco Baccini, due anni dopo è nella giuria de “La pupa e il secchione”, come degno sostituto di Vittorio Sgarbi. Nel 2011 e l’anno successivo, con Daniele Bossari, Marco Berry, Raz Degan e Melissa P., conduce due edizioni di “Mistero”. Dal 2016 è l’ospite fisso di “AGNoir”, un festival estivo ospitato ad Andora, in provincia di Savona, interamente dedicato a incontri con autori, giornalisti e criminologi, performance teatrali e proiezioni di film. Sul cartellone dell’edizione 2019 la sua presenza era già annunciato, ancora una volta, ma Andrea Pinketts non ci sarà. Se n’è andato oggi: da una decina di giorni di giorni era ricoverato presso l’Hospice dell’ospedale Niguarda di Milano. Lottava da tempo contro un brutto male che l’aveva colpito alla gola, ma non aveva perso la forza e l’ironia. Qualche giorno fa, in una delle ultime interviste, era riuscito a prendere a pugni anche il male: “Siamo diventati quasi amici: lo corteggio, lo ignoro e ci lotto: cerca di impossessarsi di me, ma con scarsi risultati”.

Biografie - anniversari
Addio a Suor Germana, la cuoca di Dio
Addio a Suor Germana, la cuoca di Dio
Molto prima dell’invasione di chef e cooking-show, era diventata un personaggio televisivo e la prolifica autrice di oltre 40 volumi di ricette venduti in milioni di copie
Addio a Danny Aiello, simbolo degli italoamericani
Addio a Danny Aiello, simbolo degli italoamericani
Figlio di operai di origini italiane, era diventato uno dei caratteristi più apprezzati di Hollywood: a lui toccava spesso il ruolo di mafioso, buttafuori, tassista o agente di polizia
Quel che resta del Muro
Quel che resta del Muro
30 anni fa, i berlinesi davano l’assalto a “Die Mauer”, il muro che li aveva divisi per quasi un trentennio. Oggi, celebrazioni e malinconie a parte, quel che resta è un’attrazione per turisti
Coppi, l’amante, il fratello e tutto quanto
Coppi, l’amante, il fratello e tutto quanto
La vita del campionissimo fu sfortunatamente breve ma intensa. Vinse ovunque, fece scandalo nella bigotta Italia degli anni Cinquanta, divise l’Italia per la rivalità con Bartali e perse un fratello, corridore come lui
Quel gran genio di mio marito, Lucio Battisti
Quel gran genio di mio marito, Lucio Battisti
Ricorre oggi l’anniversario della morte del grande cantante, che la moglie ha sempre cercato di proteggere da ogni speculazione tesa a sfruttare la sua opera. A volte in modo ritenuto eccessivo da amici, collaboratori e fan
Addio a Peter Fonda
Addio a Peter Fonda
Il leggendario interprete di Esay Rider si è spento a Los Angeles a 79 anni. Era malato da tempo
La bionda che riuscì a non invecchiare
La bionda che riuscì a non invecchiare
Con la morte del 5 agosto 1962, Marilyn Monroe è entrata nella leggenda. Ufficialmente la causa del decesso è il suicidio con barbiturici ma sono numerosi i sospetti che indicano responsabilità della mafia o dei servizi segreti
Strage di Bologna, la verità è ancora lontana
Strage di Bologna, la verità è ancora lontana
L'ex Nar Paolo Bellini, prosciolto nel '92, forse era nella stazione. Il frammento di un film lo inquadrerebbe nell'atrio dopo lo scoppio. Il ruolo di Gilberto Cavallini. Esumato il corpo della vittima più vicina all'esplosione
Addio a Luciano de Crescenzo
Addio a Luciano de Crescenzo
Scrittore e filosofo corredato da una forte dose di ironia, aveva trovato il modo di rendere piacevoli a tutti perfino i più temuti mattoni culturali. Personaggio a tutto tondo, aveva lavorato anche per il cinema e la televisione
È morto Andrea Camilleri
È morto Andrea Camilleri
Il grande scrittore, padre del commissario Montalbano, si è spento a Roma, dov’era stato ricoverato d’urgenza per problemi cardiorespiratori. Aveva 92 anni, e si preparava al debutto alle Terme di Caracalla