Addio a Vittorio Zucconi

| Grande firma del giornalismo italiano, da tempo americano d’adozione, non aveva mai perso il contatto con la realtà italiana. La sua è stata una carriera di altissimo livello

+ Miei preferiti
Era un italiano in America, e un americano in Italia: la penna sottile e spesso ironica di Vittorio Zucconi sapeva poggiarsi sui limiti del paese in cui era nato - Bastiglia, nel modenese - e anche in quello in cui dal 1985 aveva scelto di vivere, gli Stati Uniti, a Washington. In mezzo, Vittorio Zucconi aveva messo insieme una carriera di prim’ordine da giornalista, opinionista e scrittore, iniziata seguendo le orme di Guglielmo, il padre, direttore della “Domenica del Corriere” e de “Il Giorno”, ma anche deputato nelle file della Democrazia Cristiana.

Dalla bassa emiliana la famiglia Zucconi si era trasferita a Milano, dove Vittorio inizia a poggiare la sua penna sulle pagine de “La Zanzara”, giornalino del Liceo Parini, insieme a Walter Tobagi, collega e amico che anni dopo sarebbe caduto sotto i colpi delle Brigate Rosse. La laurea in lettere, con una tesi sui movimenti anarchici italiani, gli apre le porte alla “nera” del quotidiano “La Notte”: nel 1969 lo vuole “La Stampa”, è lo stesso anno in cui sposa Alisa Tibaldi, da cui avrà due figli, Chiara e Guido, e più tardi sei nipoti. È l’inizio di una straordinaria carriera da corrispondente che lo porterà in giro per il mondo: Bruxelles, Mosca, Washington, Parigi, il Giappone. È lui a far scoppiare lo scandalo “Lockeed”, quello degli aerei C130 venduti all’Italia dietro un giro di tangenti che costringe alle dimissioni il presidente Giovanni Leone.

Direttore delle pagine web del quotidiano “la Repubblica” fino al 2015, ha diretto per tre anni la redazione dell’emittente “Radio Capital”, andando in onda due volte al giorno con le sue rubriche taglienti. È stato proprio il quotidiano “La Repubblica”, quello a cui era rimasto più legato, a dare la notizia: Vittorio Zucconi è morto a Washington, dopo una lunga malattia. Aveva 74 anni e ancora tanta voglia di raccontare questo mondo.

Biografie - anniversari
Il principe un passo indietro
Il principe un passo indietro
L’amore e la devozione con cui per 73 anni, Filippo di Edimburgo ha accettato di seguire e sorreggere la moglie. Fondamentale il suo ruolo dietro le quinte nei momenti migliori e peggiori della monarchia
Ricordando Massimo
Ricordando Massimo
Addio a Lawrence Ferlinghetti, il padre del Beat
Addio a Lawrence Ferlinghetti, il padre del Beat
Fondatore della City Lights di San Francisco, libreria e casa editrice che aveva pubblicato volumi considerati così scomodi da costargli una condanna. L’ultimo anno era stato guastato dalle difficoltà economiche figlie della pandemia
Addio a Larry Flynt, il bad-boy del porno
Addio a Larry Flynt, il bad-boy del porno
Nato poverissimo nelle campagne del Kentucky, aveva iniziato riempiendo un bar di ballerine nude. Nel 1974 fonda “Hustler”, la rivista che diventerà l’icona dell’impero
Il mondo dice addio a 007
Il mondo dice addio a 007
A 90 anni, Sean Connery si è spento nella sua residenza alle Bahamas. Nel 2005 aveva annunciato il ritiro dalle scene, dopo una carriera lunga e ricca di soddisfazioni. Per cinque volte aveva vestito i panni di James Bond
Addio a Ennio Morricone
Addio a Ennio Morricone
Il grande compositore si è spento a 93 anni in una clinica dov'era ricoverato da qualche giorno
Addio a Luis Sepúlveda
Addio a Luis Sepúlveda
Lo scrittore cileno si è spento in un ospedale di Oviedo, in Spagna, dove era ricoverato da più di un mese e mezzo per coronavirus
Addio a Stirling Moss, l’eterno secondo
Addio a Stirling Moss, l’eterno secondo
Il leggendario pilota inglese si è spento a Londra a 90 anni dopo una lunga malattia. Nella sua lunga carriera un solo rammarico: non aver mai vinto un mondiale, per colpa di Fangio
Addio a Suor Germana, la cuoca di Dio
Addio a Suor Germana, la cuoca di Dio
Molto prima dell’invasione di chef e cooking-show, era diventata un personaggio televisivo e la prolifica autrice di oltre 40 volumi di ricette venduti in milioni di copie
Addio a Danny Aiello, simbolo degli italoamericani
Addio a Danny Aiello, simbolo degli italoamericani
Figlio di operai di origini italiane, era diventato uno dei caratteristi più apprezzati di Hollywood: a lui toccava spesso il ruolo di mafioso, buttafuori, tassista o agente di polizia