Addio a Vittorio Zucconi

| Grande firma del giornalismo italiano, da tempo americano d’adozione, non aveva mai perso il contatto con la realtà italiana. La sua è stata una carriera di altissimo livello

+ Miei preferiti
Era un italiano in America, e un americano in Italia: la penna sottile e spesso ironica di Vittorio Zucconi sapeva poggiarsi sui limiti del paese in cui era nato - Bastiglia, nel modenese - e anche in quello in cui dal 1985 aveva scelto di vivere, gli Stati Uniti, a Washington. In mezzo, Vittorio Zucconi aveva messo insieme una carriera di prim’ordine da giornalista, opinionista e scrittore, iniziata seguendo le orme di Guglielmo, il padre, direttore della “Domenica del Corriere” e de “Il Giorno”, ma anche deputato nelle file della Democrazia Cristiana.

Dalla bassa emiliana la famiglia Zucconi si era trasferita a Milano, dove Vittorio inizia a poggiare la sua penna sulle pagine de “La Zanzara”, giornalino del Liceo Parini, insieme a Walter Tobagi, collega e amico che anni dopo sarebbe caduto sotto i colpi delle Brigate Rosse. La laurea in lettere, con una tesi sui movimenti anarchici italiani, gli apre le porte alla “nera” del quotidiano “La Notte”: nel 1969 lo vuole “La Stampa”, è lo stesso anno in cui sposa Alisa Tibaldi, da cui avrà due figli, Chiara e Guido, e più tardi sei nipoti. È l’inizio di una straordinaria carriera da corrispondente che lo porterà in giro per il mondo: Bruxelles, Mosca, Washington, Parigi, il Giappone. È lui a far scoppiare lo scandalo “Lockeed”, quello degli aerei C130 venduti all’Italia dietro un giro di tangenti che costringe alle dimissioni il presidente Giovanni Leone.

Direttore delle pagine web del quotidiano “la Repubblica” fino al 2015, ha diretto per tre anni la redazione dell’emittente “Radio Capital”, andando in onda due volte al giorno con le sue rubriche taglienti. È stato proprio il quotidiano “La Repubblica”, quello a cui era rimasto più legato, a dare la notizia: Vittorio Zucconi è morto a Washington, dopo una lunga malattia. Aveva 74 anni e ancora tanta voglia di raccontare questo mondo.

Biografie - anniversari
Addio a Luciano de Crescenzo
Addio a Luciano de Crescenzo
Scrittore e filosofo corredato da una forte dose di ironia, aveva trovato il modo di rendere piacevoli a tutti perfino i più temuti mattoni culturali. Personaggio a tutto tondo, aveva lavorato anche per il cinema e la televisione
È morto Andrea Camilleri
È morto Andrea Camilleri
Il grande scrittore, padre del commissario Montalbano, si è spento a Roma, dov’era stato ricoverato d’urgenza per problemi cardiorespiratori. Aveva 92 anni, e si preparava al debutto alle Terme di Caracalla
La morte (inutile?) di un 'eroe borghese'
La morte (inutile?) di un
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto
Un nome leggendario che dalla Ford era passato alla Chrysler salvandola dalla bancarotta. Di origini italiane, è stato l’incarnazione del sogno americano
10 anni senza Michael Jackson
10 anni senza Michael Jackson
Un anniversario silenzioso per via delle recenti accuse di pedofilia che hanno offuscato il suo talento immenso. La storia e la fine di uno dei più grandi artisti di sempre
Hurricane, vent'anni in prigione innocente
Hurricane, vent
Sono passati 53 anni dalla sparatoria al "Lafayette Bar &Grill", due bianchi vennero uccisi e Rubin Carter, pugile destinato a diventare campione del mondo, fu condannato all'ergastolo da una giuria di bianchi
L’ultima corsa di Gabe Grunewald
L’ultima corsa di Gabe Grunewald
La coraggiosa mezzofondista americana diventata simbolo della lotta al cancro, si è arresa. Dieci anni di battaglie contro quattro diversi tumori che l’hanno aggredita ovunque, a cui lei ha sempre risposto tornando ogni volta in pista
Apollo 10: ultimo test per la Luna
Apollo 10: ultimo test per la Luna
Cinquant’anni fa veniva lanciata la quarta missione del programma Apollo, una sorta di prova generale di quella che avrebbe consentito il primo sbarco di esseri umani sulla superficie del nostro satellite. Ma c’è chi crede che…
Da quando Senna non corre più
Da quando Senna non corre più
25 anni fa, il campione brasiliano moriva a Imola, alla curva del Tamburello. Di lui in questo tempo si è detto tutto, analizzandone lo stile di guida, l’impeto e la timidezza che l’hanno reso una leggenda
25 anni senza Kurt
25 anni senza Kurt
È passato un quarto di secolo da quando il leader dei “Nirvana” si toglie la vita nel garage della sua abitazione. Era finito in una spirale di depressione ed eroina, e niente è riuscito a salvarlo