All you need is terrain

| Nasce la Discovery SVX, il fuoristrada che non si spaventa di fronte a nulla, neanche se si tratta di lusso, prestazioni ed eleganza

+ Miei preferiti
Di Germano Longo

Bisognerà abituarsi alla sigla "SVX", che da qui in avanti farà da spartiacque fra le versioni "off-road oriented" e i modelli Land Rover più urbanizzati. Ad aprire la dinastia selvaggia è la Discovery SVX, la variante più estrema mai prodotta dell'iconica fuoristrada, giunta alla quinta generazione lo scorso anno, e pensata con uno specifico obiettivo: saper affrontare come si deve qualsiasi dispetto del terreno.

Insieme a Range Rover Sport SVR e la SV Autobiography, Discovery SVX è il terzo progetto realizzato dalla SVO, la Special Vehicle Operations, sezione specializzata di Land Rover nata per esaltare le doti all-terrain senza dimenticare che andare in cerca di guadi e sterrati, non significa rifiutare lusso ed eleganza, anzi.

Disponibile con un solo motore, il 5 litri V8 Supercharged da 525 CV e 625 Nm di coppia massima, la Discovery SVX vanta scocca in alluminio, sospensioni idrauliche, ammortizzatori a corsa lunga, cerchi in alluminio forgiato e la novità dell'Hydraulic Active Roll Control (H-ARC), sistema che aumenta l'articolazione delle ruote e il controllo dinamico, migliora la trazione in off-road e, per finire, riduce il rollio. Un sistema che affianca la trazione Terrain Response 2 tarata in modo specifico, insieme alle calibrazioni del cambio automatico a otto rapporti, all'Hill Descent Control, l'Electronic Stability Control  All-Terrain Progress Control e servosterzo elettrico.

Anche il look, raggiunto prendendo ispirazione dai veicoli utilizzati nel "Camel Trophy" e nel "G4 Challenge", ha un'aria aggressiva e selvaggia: paraurti esclusivi, piastre di protezione, ganci traino in grado di sopportare sei tonnellate, cofano antiriflesso e verricello elettrico posteriore.

Biografie - anniversari
Addio a Peter Fonda
Addio a Peter Fonda
Il leggendario interprete di Esay Rider si è spento a Los Angeles a 79 anni. Era malato da tempo
La bionda che riuscì a non invecchiare
La bionda che riuscì a non invecchiare
Con la morte del 5 agosto 1962, Marilyn Monroe è entrata nella leggenda. Ufficialmente la causa del decesso è il suicidio con barbiturici ma sono numerosi i sospetti che indicano responsabilità della mafia o dei servizi segreti
Strage di Bologna, la verità è ancora lontana
Strage di Bologna, la verità è ancora lontana
L'ex Nar Paolo Bellini, prosciolto nel '92, forse era nella stazione. Il frammento di un film lo inquadrerebbe nell'atrio dopo lo scoppio. Il ruolo di Gilberto Cavallini. Esumato il corpo della vittima più vicina all'esplosione
Addio a Luciano de Crescenzo
Addio a Luciano de Crescenzo
Scrittore e filosofo corredato da una forte dose di ironia, aveva trovato il modo di rendere piacevoli a tutti perfino i più temuti mattoni culturali. Personaggio a tutto tondo, aveva lavorato anche per il cinema e la televisione
È morto Andrea Camilleri
È morto Andrea Camilleri
Il grande scrittore, padre del commissario Montalbano, si è spento a Roma, dov’era stato ricoverato d’urgenza per problemi cardiorespiratori. Aveva 92 anni, e si preparava al debutto alle Terme di Caracalla
La morte (inutile?) di un 'eroe borghese'
La morte (inutile?) di un
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto
Un nome leggendario che dalla Ford era passato alla Chrysler salvandola dalla bancarotta. Di origini italiane, è stato l’incarnazione del sogno americano
10 anni senza Michael Jackson
10 anni senza Michael Jackson
Un anniversario silenzioso per via delle recenti accuse di pedofilia che hanno offuscato il suo talento immenso. La storia e la fine di uno dei più grandi artisti di sempre
Hurricane, vent'anni in prigione innocente
Hurricane, vent
Sono passati 53 anni dalla sparatoria al "Lafayette Bar &Grill", due bianchi vennero uccisi e Rubin Carter, pugile destinato a diventare campione del mondo, fu condannato all'ergastolo da una giuria di bianchi
L’ultima corsa di Gabe Grunewald
L’ultima corsa di Gabe Grunewald
La coraggiosa mezzofondista americana diventata simbolo della lotta al cancro, si è arresa. Dieci anni di battaglie contro quattro diversi tumori che l’hanno aggredita ovunque, a cui lei ha sempre risposto tornando ogni volta in pista