Brivido ibrido

| La Yaris testata al Nürburgring, il crossover CH-R in variante Hy-Power e un inedito allestimento per la Auris: tre mosse Toyota per riconquistare il trono mondiale

+ Miei preferiti

CH-R Hy-Power Concept

È forse il crossover più innovativo in circolazione, e visto che l'ibrido è per il 75% la versione più richiesta, Toyota rilancia sviluppando una variante Hy-Power sviluppata dal studio ED2 che rappresenta l'anteprima di una nuova scelta stilistica, fatta di immagine e sostanza sportive. La versione portata a Francoforte offre tinta Dark Carbon, cerchi in lega da 20", tetto dalla tinta personalizzabile, materiali e finiture di pregio e una nuova trasmissione ibrida che aumenta i 122 CV disponibili.

 

Yaris GRMN

La sigla che accompagna questa versione in tiratura limitata a 350 esemplari è l'acronimo di "Gazoo Racing Masters of the Nürburgring", un team sportivo dell'orbita Toyota. Ma più che altro, svela quanto impegnativa sia stata la nascita della versione, provata e riprovata sull'infernale circuito tedesco.

A spingerla è il 1.8 benzina da 212 CV e 249 Nm con compressore volumetrico Magnussen Eaton, differenziale autobloccante meccanico e cambio manuale a 6 rapporti, per una velocità massima di 230 km/h limitata elettronicamente.

 

Auris Touring Sports Freestyle Edition

Inedito allestimento che rappresenta la versione model year 2018, declinata in variante benzina, diesel e full hybrid. La Freestyle Edition porta in dote passaruota e minigonne nere, protezioni sottoscocca alluminio, vetri posteriori oscurati, retrovisori argentati e cerchi in lega a cinque razze da 17".

Biografie - anniversari
Quel che resta del Muro
Quel che resta del Muro
30 anni fa, i berlinesi davano l’assalto a “Die Mauer”, il muro che li aveva divisi per quasi un trentennio. Oggi, celebrazioni e malinconie a parte, quel che resta è un’attrazione per turisti
Coppi, l’amante, il fratello e tutto quanto
Coppi, l’amante, il fratello e tutto quanto
La vita del campionissimo fu sfortunatamente breve ma intensa. Vinse ovunque, fece scandalo nella bigotta Italia degli anni Cinquanta, divise l’Italia per la rivalità con Bartali e perse un fratello, corridore come lui
Quel gran genio di mio marito, Lucio Battisti
Quel gran genio di mio marito, Lucio Battisti
Ricorre oggi l’anniversario della morte del grande cantante, che la moglie ha sempre cercato di proteggere da ogni speculazione tesa a sfruttare la sua opera. A volte in modo ritenuto eccessivo da amici, collaboratori e fan
Addio a Peter Fonda
Addio a Peter Fonda
Il leggendario interprete di Esay Rider si è spento a Los Angeles a 79 anni. Era malato da tempo
La bionda che riuscì a non invecchiare
La bionda che riuscì a non invecchiare
Con la morte del 5 agosto 1962, Marilyn Monroe è entrata nella leggenda. Ufficialmente la causa del decesso è il suicidio con barbiturici ma sono numerosi i sospetti che indicano responsabilità della mafia o dei servizi segreti
Strage di Bologna, la verità è ancora lontana
Strage di Bologna, la verità è ancora lontana
L'ex Nar Paolo Bellini, prosciolto nel '92, forse era nella stazione. Il frammento di un film lo inquadrerebbe nell'atrio dopo lo scoppio. Il ruolo di Gilberto Cavallini. Esumato il corpo della vittima più vicina all'esplosione
Addio a Luciano de Crescenzo
Addio a Luciano de Crescenzo
Scrittore e filosofo corredato da una forte dose di ironia, aveva trovato il modo di rendere piacevoli a tutti perfino i più temuti mattoni culturali. Personaggio a tutto tondo, aveva lavorato anche per il cinema e la televisione
È morto Andrea Camilleri
È morto Andrea Camilleri
Il grande scrittore, padre del commissario Montalbano, si è spento a Roma, dov’era stato ricoverato d’urgenza per problemi cardiorespiratori. Aveva 92 anni, e si preparava al debutto alle Terme di Caracalla
La morte (inutile?) di un 'eroe borghese'
La morte (inutile?) di un
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto
Un nome leggendario che dalla Ford era passato alla Chrysler salvandola dalla bancarotta. Di origini italiane, è stato l’incarnazione del sogno americano