Dacia Duster, il Suv low cost dall'aria premium

| Arriva la seconda generazione del suv franco-rumeno, irrobustito nell'immagine e con un lungo elenco di dettagli, fra quelli di serie e gli optional

+ Miei preferiti

Grandi attenzioni per il modello che ha un merito assoluto: l'aver portato all'attenzione del mondo intero il marchio Dacia, rumeno per natali ma con l'accento francese dopo l'adozione del gruppo Renault. Un compito a cui il crossover ha assolto talmente bene da trasformarsi in un vero e proprio best seller delle vendite.

La seconda generazione debutta proprio in queste ore a Francoforte, con un look che si rinnova conservando i tratti che hanno convinto migliaia di automobilisti a scegliere il più celebre dei crossover low-cost. Molto, a livello stilistico, si è giocato sull'idea di robustezza che strizza l'occhio al fuoristrada: parabrezza avanzato, nuova calandra, gruppi ottici a led, protezioni sottoscocca più vistose.

Perfino più profonda la rivisitazione degli interni, con una plancia tutta nuova dominata dallo schermo che ospita il sistema di infotainment "Medianav Evolution", nuovi sedili e finalmente i portaoggetti che prima mancavano un po'.

Fra dotazioni e optional si amplia la scelta dei sistemi di assistenza, come Multiview Camera, Blind Sport Warning, clima automatico, sistema keyless, sensori fari, servosterzo elettrico.

Disponibile anche con trazione integrale, la nuova Duster si declina nei benzina SCe da 115 CV e TCe da 125, mentre per i diesel dCi da 90 CV e dCi da 110. Già previsto l'arrivo di una versione Gpl.

Biografie - anniversari
Quel che resta del Muro
Quel che resta del Muro
30 anni fa, i berlinesi davano l’assalto a “Die Mauer”, il muro che li aveva divisi per quasi un trentennio. Oggi, celebrazioni e malinconie a parte, quel che resta è un’attrazione per turisti
Coppi, l’amante, il fratello e tutto quanto
Coppi, l’amante, il fratello e tutto quanto
La vita del campionissimo fu sfortunatamente breve ma intensa. Vinse ovunque, fece scandalo nella bigotta Italia degli anni Cinquanta, divise l’Italia per la rivalità con Bartali e perse un fratello, corridore come lui
Quel gran genio di mio marito, Lucio Battisti
Quel gran genio di mio marito, Lucio Battisti
Ricorre oggi l’anniversario della morte del grande cantante, che la moglie ha sempre cercato di proteggere da ogni speculazione tesa a sfruttare la sua opera. A volte in modo ritenuto eccessivo da amici, collaboratori e fan
Addio a Peter Fonda
Addio a Peter Fonda
Il leggendario interprete di Esay Rider si è spento a Los Angeles a 79 anni. Era malato da tempo
La bionda che riuscì a non invecchiare
La bionda che riuscì a non invecchiare
Con la morte del 5 agosto 1962, Marilyn Monroe è entrata nella leggenda. Ufficialmente la causa del decesso è il suicidio con barbiturici ma sono numerosi i sospetti che indicano responsabilità della mafia o dei servizi segreti
Strage di Bologna, la verità è ancora lontana
Strage di Bologna, la verità è ancora lontana
L'ex Nar Paolo Bellini, prosciolto nel '92, forse era nella stazione. Il frammento di un film lo inquadrerebbe nell'atrio dopo lo scoppio. Il ruolo di Gilberto Cavallini. Esumato il corpo della vittima più vicina all'esplosione
Addio a Luciano de Crescenzo
Addio a Luciano de Crescenzo
Scrittore e filosofo corredato da una forte dose di ironia, aveva trovato il modo di rendere piacevoli a tutti perfino i più temuti mattoni culturali. Personaggio a tutto tondo, aveva lavorato anche per il cinema e la televisione
È morto Andrea Camilleri
È morto Andrea Camilleri
Il grande scrittore, padre del commissario Montalbano, si è spento a Roma, dov’era stato ricoverato d’urgenza per problemi cardiorespiratori. Aveva 92 anni, e si preparava al debutto alle Terme di Caracalla
La morte (inutile?) di un 'eroe borghese'
La morte (inutile?) di un
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto
Un nome leggendario che dalla Ford era passato alla Chrysler salvandola dalla bancarotta. Di origini italiane, è stato l’incarnazione del sogno americano