I am Paul Walker

| È il titolo di un toccante documentario dedicato ad un dei più amati protagonisti di “Fast and Furious”, morto nel 2013 in un drammatico incidente stradale a bordo di una Porsche

+ Miei preferiti
Il 30 novembre di cinque anni fa, la Porsche Carrera GT guidata da Roger Rodas si schianta a 150 km/h contro un lampione e prende fuoco. Sul sedile a fianco sedeva il suo amico Paul Walker, una star di Hollywood, reso celebre dalla saga “Fast and Furious”: per lui non c’è scampo.

Aveva 40 anni e adorava Meadow, la figlia avuta dalla ex, Rebecca Soteros: viveva a Santa Barbara, nella California dov’era nato, insieme ai suoi cani. Era un surfista, un appassionato di arti marziali e aveva creato la “Reach Out Wolrdwide”, un’associazione benefica con cui aveva portato aiuti concreti alla gente Cile colpita dal terremoto e alle popolazioni di Haiti. La notte dello schianto mortale, Paul e il suo amico tornavano a casa da un evento benefico per raccogliere fondi da destinare alle Filippine, colpite dal tifone Yolanda.

Per i compagni d’avventura di “Fast and Furious” è uno shock, ma lo è per tutto il mondo: Paul Walker diventa l’ennesima giovane vittima di Hollywood, portata via da un’esistenza presa a morsi per la fretta di vivere.

A cinque anni di distanza da quella notte, negli Stati Uniti esce un toccante documentario televisivo che attraverso filmati inediti e privati racconta la vita di Paul Walker. Prodotto dalla “Virgil Films” e già trasmesso in formato ridotto la scorsa estate sul canale Paramount, “I am Paul Walker” - diretto da Adrian Buitenhuis - conta su interviste e contributi di amici e familiari dell’attore, per raccontare la persona prima ancora del divo. Fra i tanti Cody, Caleb e Ashley Walker, i tre fratelli di Paul, Oakley Lehman, lo stunt che sul set lo sostituiva nelle scene più pericolose, il medico Michael Domejer e Tyrese Gibson, altro protagonista della saga.

Al momento della morte, Paul era impegnato nelle riprese del settimo capitolo “Fast and Furious” e per riuscire a completarlo, la produzione ha chiesto l’aiuto di Cody e Caleb, i due fratelli.

Paul William Walker IV era nato a Glendale, California, il 12 settembre del 1973: in gioventù suo padre era stato un pugile di buon livello, e la madre una modella, mentre il nonno un sopravvissuto dell’attacco di Pearl Harbor.

Ammiratore di Jaques Cousteau, Paul si dedica agli studi in biologia marina, anche se a 13 anni debutta nel mondo del cinema con una piccola parte in “Non aprite quell’armadio”. La celebrità arriva nel 2001 con “Fast and Furious”, in cui interpreta l’agente di polizia Brian O’Conner, che tenta di infiltrarsi in una banda specializzata negli assalti agli autotreni. È un successo che trasforma la pellicola in una vera e propria saga, in cui Paul Walker non manca più.

Oggi riposa al “Forest Lawn Memorial Park” di Hollywood Hills.

Video
Galleria fotografica
I am Paul Walker - immagine 1
I am Paul Walker - immagine 2
I am Paul Walker - immagine 3
I am Paul Walker - immagine 4
Biografie - anniversari
Addio a Luis Sepúlveda
Addio a Luis Sepúlveda
Lo scrittore cileno si è spento in un ospedale di Oviedo, in Spagna, dove era ricoverato da più di un mese e mezzo per coronavirus
Addio a Stirling Moss, l’eterno secondo
Addio a Stirling Moss, l’eterno secondo
Il leggendario pilota inglese si è spento a Londra a 90 anni dopo una lunga malattia. Nella sua lunga carriera un solo rammarico: non aver mai vinto un mondiale, per colpa di Fangio
Addio a Suor Germana, la cuoca di Dio
Addio a Suor Germana, la cuoca di Dio
Molto prima dell’invasione di chef e cooking-show, era diventata un personaggio televisivo e la prolifica autrice di oltre 40 volumi di ricette venduti in milioni di copie
Addio a Danny Aiello, simbolo degli italoamericani
Addio a Danny Aiello, simbolo degli italoamericani
Figlio di operai di origini italiane, era diventato uno dei caratteristi più apprezzati di Hollywood: a lui toccava spesso il ruolo di mafioso, buttafuori, tassista o agente di polizia
Quel che resta del Muro
Quel che resta del Muro
30 anni fa, i berlinesi davano l’assalto a “Die Mauer”, il muro che li aveva divisi per quasi un trentennio. Oggi, celebrazioni e malinconie a parte, quel che resta è un’attrazione per turisti
Coppi, l’amante, il fratello e tutto quanto
Coppi, l’amante, il fratello e tutto quanto
La vita del campionissimo fu sfortunatamente breve ma intensa. Vinse ovunque, fece scandalo nella bigotta Italia degli anni Cinquanta, divise l’Italia per la rivalità con Bartali e perse un fratello, corridore come lui
Quel gran genio di mio marito, Lucio Battisti
Quel gran genio di mio marito, Lucio Battisti
Ricorre oggi l’anniversario della morte del grande cantante, che la moglie ha sempre cercato di proteggere da ogni speculazione tesa a sfruttare la sua opera. A volte in modo ritenuto eccessivo da amici, collaboratori e fan
Addio a Peter Fonda
Addio a Peter Fonda
Il leggendario interprete di Esay Rider si è spento a Los Angeles a 79 anni. Era malato da tempo
La bionda che riuscì a non invecchiare
La bionda che riuscì a non invecchiare
Con la morte del 5 agosto 1962, Marilyn Monroe è entrata nella leggenda. Ufficialmente la causa del decesso è il suicidio con barbiturici ma sono numerosi i sospetti che indicano responsabilità della mafia o dei servizi segreti
Strage di Bologna, la verità è ancora lontana
Strage di Bologna, la verità è ancora lontana
L'ex Nar Paolo Bellini, prosciolto nel '92, forse era nella stazione. Il frammento di un film lo inquadrerebbe nell'atrio dopo lo scoppio. Il ruolo di Gilberto Cavallini. Esumato il corpo della vittima più vicina all'esplosione