I segreti di una scoperta eccezionale Lamborghini Aventador S Roadster

| 350 km/h, quattro ruote motrici con le posteriori sterzanti: la roadster più estrema ha tutti i numeri che contano per entrare nel cassetto dei sogni del pianeta

+ Miei preferiti

A scoprirsi sono capaci tutti, o quasi, ma togliere il tetto e strappare il titolo di roadster più veloce del globo è roba per pochi, pochissimi. Ci è riuscita Lamborghini, che sotto le luci di Francoforte porta il risultato di cotanto lavoro ingegneristico: la Aventador S Roadster, ovvero la variante spider della coupé che ha debuttato un anno fa, a sua volta parente stretta della Aventador uscita nel 2011.

Da qui in poi, arriva quello che conta: il cuore è un 6,5 litri V12 aspirato da 740 CV in posizione centrale posteriore capace di spingere fino a 350 km/h orari, coprendo la leggendaria distanza 0-100 in tre secondi netti. Realizzata dando fondo a un'aerodinamica sofisticata e una tecnologia di prim'ordine, la nuova scoperta di Sant'Agata Bolognese vanta sospensioni attive, sistema infotelematico compatibile con Apple Car Play, quattro ruote motrici, cambio automatico a sette rapporti ISR, freni carboceramici e ruote posteriore sterzanti, capaci di ottimizzare l'efficacia del proprio lavoro in base alla velocità. Quattro le modalità di guida: Strada, Sport, Corsa ed Ego, l'ultima, quella che lascia libero spazio a fantasia e voglia di esagerare, con impostazioni di sterzo, assetto, trasmissione e taratura del motore.

Chicca finale per il tettuccio in fibra di carbonio diviso in due elementi facilmente removibili. Infinito l'elenco di colori, finiture e materiali offerto dal pacchetto "Ad Personam", creato da Lamborghini per anticipare ogni possibile sogno, capriccio e desiderio.

Inutile affrettarsi: per averla bisogna attendere il febbraio del prossimo anno. Tempo sufficiente per mettere da parte i 314 mila euro (tasse escluse) che chiedono poco prima di consegnare le chiavi.

Biografie - anniversari
Quel che resta del Muro
Quel che resta del Muro
30 anni fa, i berlinesi davano l’assalto a “Die Mauer”, il muro che li aveva divisi per quasi un trentennio. Oggi, celebrazioni e malinconie a parte, quel che resta è un’attrazione per turisti
Coppi, l’amante, il fratello e tutto quanto
Coppi, l’amante, il fratello e tutto quanto
La vita del campionissimo fu sfortunatamente breve ma intensa. Vinse ovunque, fece scandalo nella bigotta Italia degli anni Cinquanta, divise l’Italia per la rivalità con Bartali e perse un fratello, corridore come lui
Quel gran genio di mio marito, Lucio Battisti
Quel gran genio di mio marito, Lucio Battisti
Ricorre oggi l’anniversario della morte del grande cantante, che la moglie ha sempre cercato di proteggere da ogni speculazione tesa a sfruttare la sua opera. A volte in modo ritenuto eccessivo da amici, collaboratori e fan
Addio a Peter Fonda
Addio a Peter Fonda
Il leggendario interprete di Esay Rider si è spento a Los Angeles a 79 anni. Era malato da tempo
La bionda che riuscì a non invecchiare
La bionda che riuscì a non invecchiare
Con la morte del 5 agosto 1962, Marilyn Monroe è entrata nella leggenda. Ufficialmente la causa del decesso è il suicidio con barbiturici ma sono numerosi i sospetti che indicano responsabilità della mafia o dei servizi segreti
Strage di Bologna, la verità è ancora lontana
Strage di Bologna, la verità è ancora lontana
L'ex Nar Paolo Bellini, prosciolto nel '92, forse era nella stazione. Il frammento di un film lo inquadrerebbe nell'atrio dopo lo scoppio. Il ruolo di Gilberto Cavallini. Esumato il corpo della vittima più vicina all'esplosione
Addio a Luciano de Crescenzo
Addio a Luciano de Crescenzo
Scrittore e filosofo corredato da una forte dose di ironia, aveva trovato il modo di rendere piacevoli a tutti perfino i più temuti mattoni culturali. Personaggio a tutto tondo, aveva lavorato anche per il cinema e la televisione
È morto Andrea Camilleri
È morto Andrea Camilleri
Il grande scrittore, padre del commissario Montalbano, si è spento a Roma, dov’era stato ricoverato d’urgenza per problemi cardiorespiratori. Aveva 92 anni, e si preparava al debutto alle Terme di Caracalla
La morte (inutile?) di un 'eroe borghese'
La morte (inutile?) di un
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto
Un nome leggendario che dalla Ford era passato alla Chrysler salvandola dalla bancarotta. Di origini italiane, è stato l’incarnazione del sogno americano