I segreti di una scoperta eccezionale Lamborghini Aventador S Roadster

| 350 km/h, quattro ruote motrici con le posteriori sterzanti: la roadster più estrema ha tutti i numeri che contano per entrare nel cassetto dei sogni del pianeta

+ Miei preferiti

A scoprirsi sono capaci tutti, o quasi, ma togliere il tetto e strappare il titolo di roadster più veloce del globo è roba per pochi, pochissimi. Ci è riuscita Lamborghini, che sotto le luci di Francoforte porta il risultato di cotanto lavoro ingegneristico: la Aventador S Roadster, ovvero la variante spider della coupé che ha debuttato un anno fa, a sua volta parente stretta della Aventador uscita nel 2011.

Da qui in poi, arriva quello che conta: il cuore è un 6,5 litri V12 aspirato da 740 CV in posizione centrale posteriore capace di spingere fino a 350 km/h orari, coprendo la leggendaria distanza 0-100 in tre secondi netti. Realizzata dando fondo a un'aerodinamica sofisticata e una tecnologia di prim'ordine, la nuova scoperta di Sant'Agata Bolognese vanta sospensioni attive, sistema infotelematico compatibile con Apple Car Play, quattro ruote motrici, cambio automatico a sette rapporti ISR, freni carboceramici e ruote posteriore sterzanti, capaci di ottimizzare l'efficacia del proprio lavoro in base alla velocità. Quattro le modalità di guida: Strada, Sport, Corsa ed Ego, l'ultima, quella che lascia libero spazio a fantasia e voglia di esagerare, con impostazioni di sterzo, assetto, trasmissione e taratura del motore.

Chicca finale per il tettuccio in fibra di carbonio diviso in due elementi facilmente removibili. Infinito l'elenco di colori, finiture e materiali offerto dal pacchetto "Ad Personam", creato da Lamborghini per anticipare ogni possibile sogno, capriccio e desiderio.

Inutile affrettarsi: per averla bisogna attendere il febbraio del prossimo anno. Tempo sufficiente per mettere da parte i 314 mila euro (tasse escluse) che chiedono poco prima di consegnare le chiavi.

Biografie - anniversari
Addio a Luciano de Crescenzo
Addio a Luciano de Crescenzo
Scrittore e filosofo corredato da una forte dose di ironia, aveva trovato il modo di rendere piacevoli a tutti perfino i più temuti mattoni culturali. Personaggio a tutto tondo, aveva lavorato anche per il cinema e la televisione
È morto Andrea Camilleri
È morto Andrea Camilleri
Il grande scrittore, padre del commissario Montalbano, si è spento a Roma, dov’era stato ricoverato d’urgenza per problemi cardiorespiratori. Aveva 92 anni, e si preparava al debutto alle Terme di Caracalla
La morte (inutile?) di un 'eroe borghese'
La morte (inutile?) di un
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto
Un nome leggendario che dalla Ford era passato alla Chrysler salvandola dalla bancarotta. Di origini italiane, è stato l’incarnazione del sogno americano
10 anni senza Michael Jackson
10 anni senza Michael Jackson
Un anniversario silenzioso per via delle recenti accuse di pedofilia che hanno offuscato il suo talento immenso. La storia e la fine di uno dei più grandi artisti di sempre
Hurricane, vent'anni in prigione innocente
Hurricane, vent
Sono passati 53 anni dalla sparatoria al "Lafayette Bar &Grill", due bianchi vennero uccisi e Rubin Carter, pugile destinato a diventare campione del mondo, fu condannato all'ergastolo da una giuria di bianchi
L’ultima corsa di Gabe Grunewald
L’ultima corsa di Gabe Grunewald
La coraggiosa mezzofondista americana diventata simbolo della lotta al cancro, si è arresa. Dieci anni di battaglie contro quattro diversi tumori che l’hanno aggredita ovunque, a cui lei ha sempre risposto tornando ogni volta in pista
Addio a Vittorio Zucconi
Addio a Vittorio Zucconi
Grande firma del giornalismo italiano, da tempo americano d’adozione, non aveva mai perso il contatto con la realtà italiana. La sua è stata una carriera di altissimo livello
Apollo 10: ultimo test per la Luna
Apollo 10: ultimo test per la Luna
Cinquant’anni fa veniva lanciata la quarta missione del programma Apollo, una sorta di prova generale di quella che avrebbe consentito il primo sbarco di esseri umani sulla superficie del nostro satellite. Ma c’è chi crede che…
Da quando Senna non corre più
Da quando Senna non corre più
25 anni fa, il campione brasiliano moriva a Imola, alla curva del Tamburello. Di lui in questo tempo si è detto tutto, analizzandone lo stile di guida, l’impeto e la timidezza che l’hanno reso una leggenda