Il sacrificio di Marco Biagi

| Temeva per la propria incolumità, ma gli era stata tolta la scorta. Aveva ragione: 17 anni fa, i terroristi delle BR lo aspettavano sotto casa, per punire il suo impegno di riformatore

+ Miei preferiti
Alle 20:15 del 19 marzo 2002, Marco Biagi muore fra le braccia degli operatori del 118, chiamati in via Valdonica, nel centro di Bologna, dove qualcuno gli aveva appena sparato mentre rientrava a casa in bicicletta, come ogni sera. Aveva 52 anni, due figli, una moglie.

Le Nuove Brigate Rosse, quella stessa notte, rivendicano l’attentato contro quello che considerano uno degli uomini dello Stato che più si è battuto per la ristrutturazione del mondo del lavoro, firmando il "Libro Bianco", la sua eredità. Biagi era un uomo tranquillo, nato nel novembre del 1950 a Bologna: dopo la maturità classica si iscrive a giurisprudenza e a 22 anni esce con una laurea accompagnata dal massimo dei voti. Il mondo del lavoro è quello che lo affascina di più: si specializza, insegna, vince cattedre e concorsi, scrive libri e trattati. Lavora per la Commissione europea e per i ministeri italiani, fino ad essere chiamato a Roma, come consigliere dell’allora premier Romano Prodi. Ma è nel 1999, quando è tra i firmatari del “Patto Milano Lavoro”, una sperimentazione concertata con le parti sociali per dare uno scossone al mondo del lavoro nelle fasce a rischio emarginazione, che Biagi entra negli obiettivi del terrorismo. Riceve diverse minacce e finisce sotto scorta, che gli viene tolta alla fine del 2001. Cinzia Banelli, terrorista pentita, ammetterà durante il processo che se Biagi avesse avuto la scorta non sarebbero riusciti a ucciderlo: “Non eravamo abituati ai conflitti a fuoco”.

Marco Biagi temeva per la propria vita: poco prima dell’agguato aveva scritto cinque lettere, indirizzate al presidente della Camera Pier Ferdinando Casini, al ministro Maroni, al sottosegretario al lavoro Maurizio Sacconi, al prefetto di Bologna e la direttore generale di Confindustria Stefano Parisi, in cui palesava la preoccupazione per il modo in cui i suoi avversari criminalizzavano la sua figura.

La riforma del mercato del lavoro di Marco Biagi sarà emanata dal governo Berlusconi il 14 febbraio 2003, un anno dopo i sei colpi di pistola della sera del 19 marzo 2002. Per il suo omicidio sono stati condannati all’ergastolo i brigatisti Nadia Desdemona Lioce, Roberto Morandi, Marco Mezzasalma, Diana Blefari Melazzi, 21 anni a Simone Boccaccini.

Biografie - anniversari
Il principe un passo indietro
Il principe un passo indietro
L’amore e la devozione con cui per 73 anni, Filippo di Edimburgo ha accettato di seguire e sorreggere la moglie. Fondamentale il suo ruolo dietro le quinte nei momenti migliori e peggiori della monarchia
Ricordando Massimo
Ricordando Massimo
Addio a Lawrence Ferlinghetti, il padre del Beat
Addio a Lawrence Ferlinghetti, il padre del Beat
Fondatore della City Lights di San Francisco, libreria e casa editrice che aveva pubblicato volumi considerati così scomodi da costargli una condanna. L’ultimo anno era stato guastato dalle difficoltà economiche figlie della pandemia
Addio a Larry Flynt, il bad-boy del porno
Addio a Larry Flynt, il bad-boy del porno
Nato poverissimo nelle campagne del Kentucky, aveva iniziato riempiendo un bar di ballerine nude. Nel 1974 fonda “Hustler”, la rivista che diventerà l’icona dell’impero
Il mondo dice addio a 007
Il mondo dice addio a 007
A 90 anni, Sean Connery si è spento nella sua residenza alle Bahamas. Nel 2005 aveva annunciato il ritiro dalle scene, dopo una carriera lunga e ricca di soddisfazioni. Per cinque volte aveva vestito i panni di James Bond
Addio a Ennio Morricone
Addio a Ennio Morricone
Il grande compositore si è spento a 93 anni in una clinica dov'era ricoverato da qualche giorno
Addio a Luis Sepúlveda
Addio a Luis Sepúlveda
Lo scrittore cileno si è spento in un ospedale di Oviedo, in Spagna, dove era ricoverato da più di un mese e mezzo per coronavirus
Addio a Stirling Moss, l’eterno secondo
Addio a Stirling Moss, l’eterno secondo
Il leggendario pilota inglese si è spento a Londra a 90 anni dopo una lunga malattia. Nella sua lunga carriera un solo rammarico: non aver mai vinto un mondiale, per colpa di Fangio
Addio a Suor Germana, la cuoca di Dio
Addio a Suor Germana, la cuoca di Dio
Molto prima dell’invasione di chef e cooking-show, era diventata un personaggio televisivo e la prolifica autrice di oltre 40 volumi di ricette venduti in milioni di copie
Addio a Danny Aiello, simbolo degli italoamericani
Addio a Danny Aiello, simbolo degli italoamericani
Figlio di operai di origini italiane, era diventato uno dei caratteristi più apprezzati di Hollywood: a lui toccava spesso il ruolo di mafioso, buttafuori, tassista o agente di polizia