Il sacrificio di Marco Biagi

| Temeva per la propria incolumità, ma gli era stata tolta la scorta. Aveva ragione: 17 anni fa, i terroristi delle BR lo aspettavano sotto casa, per punire il suo impegno di riformatore

+ Miei preferiti
Alle 20:15 del 19 marzo 2002, Marco Biagi muore fra le braccia degli operatori del 118, chiamati in via Valdonica, nel centro di Bologna, dove qualcuno gli aveva appena sparato mentre rientrava a casa in bicicletta, come ogni sera. Aveva 52 anni, due figli, una moglie.

Le Nuove Brigate Rosse, quella stessa notte, rivendicano l’attentato contro quello che considerano uno degli uomini dello Stato che più si è battuto per la ristrutturazione del mondo del lavoro, firmando il "Libro Bianco", la sua eredità. Biagi era un uomo tranquillo, nato nel novembre del 1950 a Bologna: dopo la maturità classica si iscrive a giurisprudenza e a 22 anni esce con una laurea accompagnata dal massimo dei voti. Il mondo del lavoro è quello che lo affascina di più: si specializza, insegna, vince cattedre e concorsi, scrive libri e trattati. Lavora per la Commissione europea e per i ministeri italiani, fino ad essere chiamato a Roma, come consigliere dell’allora premier Romano Prodi. Ma è nel 1999, quando è tra i firmatari del “Patto Milano Lavoro”, una sperimentazione concertata con le parti sociali per dare uno scossone al mondo del lavoro nelle fasce a rischio emarginazione, che Biagi entra negli obiettivi del terrorismo. Riceve diverse minacce e finisce sotto scorta, che gli viene tolta alla fine del 2001. Cinzia Banelli, terrorista pentita, ammetterà durante il processo che se Biagi avesse avuto la scorta non sarebbero riusciti a ucciderlo: “Non eravamo abituati ai conflitti a fuoco”.

Marco Biagi temeva per la propria vita: poco prima dell’agguato aveva scritto cinque lettere, indirizzate al presidente della Camera Pier Ferdinando Casini, al ministro Maroni, al sottosegretario al lavoro Maurizio Sacconi, al prefetto di Bologna e la direttore generale di Confindustria Stefano Parisi, in cui palesava la preoccupazione per il modo in cui i suoi avversari criminalizzavano la sua figura.

La riforma del mercato del lavoro di Marco Biagi sarà emanata dal governo Berlusconi il 14 febbraio 2003, un anno dopo i sei colpi di pistola della sera del 19 marzo 2002. Per il suo omicidio sono stati condannati all’ergastolo i brigatisti Nadia Desdemona Lioce, Roberto Morandi, Marco Mezzasalma, Diana Blefari Melazzi, 21 anni a Simone Boccaccini.

Biografie - anniversari
Da quando Senna non corre più
Da quando Senna non corre più
25 anni fa, il campione brasiliano moriva a Imola, alla curva del Tamburello. Di lui in questo tempo si è detto tutto, analizzandone lo stile di guida, l’impeto e la timidezza che l’hanno reso una leggenda
25 anni senza Kurt
25 anni senza Kurt
È passato un quarto di secolo da quando il leader dei “Nirvana” si toglie la vita nel garage della sua abitazione. Era finito in una spirale di depressione ed eroina, e niente è riuscito a salvarlo
Buon compleanno Pac-Man!
Buon compleanno Pac-Man!
Uno strano bottoncino giallo molto affamato va a caccia di puntini in un labirinto, inseguito da fantasmi che se lo vogliono mangiare. Inventato il 3 aprile 1980, è il videogioco più conosciuto al mondo
Addio a Mario Marenco
Addio a Mario Marenco
Uno dei più conosciuti compagni della banda di Renzo Arbore è morto a 85 anni. Architetto di professione, nella carriera nel mondo dello spettacolo era riuscito a creare una galleria di personaggi surreali
Non solo Barbie
Non solo Barbie
La ricerca forsennata di notizie da urlare in poche righe che non mettano in cattiva luce e che non obblighino a faticose riflessioni e prese di posizione: ecco la realtà in cui fretta e superficialità ci stanno conducendo
Addio a Luke Perry
Addio a Luke Perry
Il celebre Dylan McKay di Beverly Hills 90210 è morto a causa dell’ictus che l’aveva colpito giorni fa in modo “devastante”. Aveva appena finito di girare alcune scene per il nuovo film di Quentin Tarantino
Petri, quel poliziotto che morì da eroe
Petri, quel poliziotto che morì da eroe
Emanuele Petri, il 2 marzo 2003, fu ucciso dal brigatista rosso Mario Galesi, a sua volta abbattuto da un altro agente. Il terrorista ferì un modo grave anche un terzo collega. E la sua complice fu arrestata.
Addio all’uomo che ha inventato Ibiza
Addio all’uomo che ha inventato Ibiza
Tony Pike era una leggenda, un’icona, il cuore di Ibiza, l’isola delle Baleari che ha saputo trasformare in una delle località più in voga da decenni
15 anni senza il Pirata
15 anni senza il Pirata
La sera di San Valentino del 2004, Marco Pantani veniva ritrovato morto nella stanza di un hotel di Rimini. Era la fine della vita clamorosa e difficile di uno dei più grandi campioni del ciclismo
Jan Palach, il fuoco eterno
Jan Palach, il fuoco eterno
Cinquant’anni fa un giovane studente sceglie di darsi alle fiamme nel cuore di Praga: una protesa estrema contro la rassegnazione in cui stava piombando il suo paese