Il sacrificio di Marco Biagi

| Temeva per la propria incolumità, ma gli era stata tolta la scorta. Aveva ragione: 17 anni fa, i terroristi delle BR lo aspettavano sotto casa, per punire il suo impegno di riformatore

+ Miei preferiti
Alle 20:15 del 19 marzo 2002, Marco Biagi muore fra le braccia degli operatori del 118, chiamati in via Valdonica, nel centro di Bologna, dove qualcuno gli aveva appena sparato mentre rientrava a casa in bicicletta, come ogni sera. Aveva 52 anni, due figli, una moglie.

Le Nuove Brigate Rosse, quella stessa notte, rivendicano l’attentato contro quello che considerano uno degli uomini dello Stato che più si è battuto per la ristrutturazione del mondo del lavoro, firmando il "Libro Bianco", la sua eredità. Biagi era un uomo tranquillo, nato nel novembre del 1950 a Bologna: dopo la maturità classica si iscrive a giurisprudenza e a 22 anni esce con una laurea accompagnata dal massimo dei voti. Il mondo del lavoro è quello che lo affascina di più: si specializza, insegna, vince cattedre e concorsi, scrive libri e trattati. Lavora per la Commissione europea e per i ministeri italiani, fino ad essere chiamato a Roma, come consigliere dell’allora premier Romano Prodi. Ma è nel 1999, quando è tra i firmatari del “Patto Milano Lavoro”, una sperimentazione concertata con le parti sociali per dare uno scossone al mondo del lavoro nelle fasce a rischio emarginazione, che Biagi entra negli obiettivi del terrorismo. Riceve diverse minacce e finisce sotto scorta, che gli viene tolta alla fine del 2001. Cinzia Banelli, terrorista pentita, ammetterà durante il processo che se Biagi avesse avuto la scorta non sarebbero riusciti a ucciderlo: “Non eravamo abituati ai conflitti a fuoco”.

Marco Biagi temeva per la propria vita: poco prima dell’agguato aveva scritto cinque lettere, indirizzate al presidente della Camera Pier Ferdinando Casini, al ministro Maroni, al sottosegretario al lavoro Maurizio Sacconi, al prefetto di Bologna e la direttore generale di Confindustria Stefano Parisi, in cui palesava la preoccupazione per il modo in cui i suoi avversari criminalizzavano la sua figura.

La riforma del mercato del lavoro di Marco Biagi sarà emanata dal governo Berlusconi il 14 febbraio 2003, un anno dopo i sei colpi di pistola della sera del 19 marzo 2002. Per il suo omicidio sono stati condannati all’ergastolo i brigatisti Nadia Desdemona Lioce, Roberto Morandi, Marco Mezzasalma, Diana Blefari Melazzi, 21 anni a Simone Boccaccini.

Biografie - anniversari
Coppi, l’amante, il fratello e tutto quanto
Coppi, l’amante, il fratello e tutto quanto
La vita del campionissimo fu sfortunatamente breve ma intensa. Vinse ovunque, fece scandalo nella bigotta Italia degli anni Cinquanta, divise l’Italia per la rivalità con Bartali e perse un fratello, corridore come lui
Quel gran genio di mio marito, Lucio Battisti
Quel gran genio di mio marito, Lucio Battisti
Ricorre oggi l’anniversario della morte del grande cantante, che la moglie ha sempre cercato di proteggere da ogni speculazione tesa a sfruttare la sua opera. A volte in modo ritenuto eccessivo da amici, collaboratori e fan
Addio a Peter Fonda
Addio a Peter Fonda
Il leggendario interprete di Esay Rider si è spento a Los Angeles a 79 anni. Era malato da tempo
La bionda che riuscì a non invecchiare
La bionda che riuscì a non invecchiare
Con la morte del 5 agosto 1962, Marilyn Monroe è entrata nella leggenda. Ufficialmente la causa del decesso è il suicidio con barbiturici ma sono numerosi i sospetti che indicano responsabilità della mafia o dei servizi segreti
Strage di Bologna, la verità è ancora lontana
Strage di Bologna, la verità è ancora lontana
L'ex Nar Paolo Bellini, prosciolto nel '92, forse era nella stazione. Il frammento di un film lo inquadrerebbe nell'atrio dopo lo scoppio. Il ruolo di Gilberto Cavallini. Esumato il corpo della vittima più vicina all'esplosione
Addio a Luciano de Crescenzo
Addio a Luciano de Crescenzo
Scrittore e filosofo corredato da una forte dose di ironia, aveva trovato il modo di rendere piacevoli a tutti perfino i più temuti mattoni culturali. Personaggio a tutto tondo, aveva lavorato anche per il cinema e la televisione
È morto Andrea Camilleri
È morto Andrea Camilleri
Il grande scrittore, padre del commissario Montalbano, si è spento a Roma, dov’era stato ricoverato d’urgenza per problemi cardiorespiratori. Aveva 92 anni, e si preparava al debutto alle Terme di Caracalla
La morte (inutile?) di un 'eroe borghese'
La morte (inutile?) di un
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto
Un nome leggendario che dalla Ford era passato alla Chrysler salvandola dalla bancarotta. Di origini italiane, è stato l’incarnazione del sogno americano
10 anni senza Michael Jackson
10 anni senza Michael Jackson
Un anniversario silenzioso per via delle recenti accuse di pedofilia che hanno offuscato il suo talento immenso. La storia e la fine di uno dei più grandi artisti di sempre