Il sacrificio di Marco Biagi

| Temeva per la propria incolumità, ma gli era stata tolta la scorta. Aveva ragione: 17 anni fa, i terroristi delle BR lo aspettavano sotto casa, per punire il suo impegno di riformatore

+ Miei preferiti
Alle 20:15 del 19 marzo 2002, Marco Biagi muore fra le braccia degli operatori del 118, chiamati in via Valdonica, nel centro di Bologna, dove qualcuno gli aveva appena sparato mentre rientrava a casa in bicicletta, come ogni sera. Aveva 52 anni, due figli, una moglie.

Le Nuove Brigate Rosse, quella stessa notte, rivendicano l’attentato contro quello che considerano uno degli uomini dello Stato che più si è battuto per la ristrutturazione del mondo del lavoro, firmando il "Libro Bianco", la sua eredità. Biagi era un uomo tranquillo, nato nel novembre del 1950 a Bologna: dopo la maturità classica si iscrive a giurisprudenza e a 22 anni esce con una laurea accompagnata dal massimo dei voti. Il mondo del lavoro è quello che lo affascina di più: si specializza, insegna, vince cattedre e concorsi, scrive libri e trattati. Lavora per la Commissione europea e per i ministeri italiani, fino ad essere chiamato a Roma, come consigliere dell’allora premier Romano Prodi. Ma è nel 1999, quando è tra i firmatari del “Patto Milano Lavoro”, una sperimentazione concertata con le parti sociali per dare uno scossone al mondo del lavoro nelle fasce a rischio emarginazione, che Biagi entra negli obiettivi del terrorismo. Riceve diverse minacce e finisce sotto scorta, che gli viene tolta alla fine del 2001. Cinzia Banelli, terrorista pentita, ammetterà durante il processo che se Biagi avesse avuto la scorta non sarebbero riusciti a ucciderlo: “Non eravamo abituati ai conflitti a fuoco”.

Marco Biagi temeva per la propria vita: poco prima dell’agguato aveva scritto cinque lettere, indirizzate al presidente della Camera Pier Ferdinando Casini, al ministro Maroni, al sottosegretario al lavoro Maurizio Sacconi, al prefetto di Bologna e la direttore generale di Confindustria Stefano Parisi, in cui palesava la preoccupazione per il modo in cui i suoi avversari criminalizzavano la sua figura.

La riforma del mercato del lavoro di Marco Biagi sarà emanata dal governo Berlusconi il 14 febbraio 2003, un anno dopo i sei colpi di pistola della sera del 19 marzo 2002. Per il suo omicidio sono stati condannati all’ergastolo i brigatisti Nadia Desdemona Lioce, Roberto Morandi, Marco Mezzasalma, Diana Blefari Melazzi, 21 anni a Simone Boccaccini.

Biografie - anniversari
Addio a Luciano de Crescenzo
Addio a Luciano de Crescenzo
Scrittore e filosofo corredato da una forte dose di ironia, aveva trovato il modo di rendere piacevoli a tutti perfino i più temuti mattoni culturali. Personaggio a tutto tondo, aveva lavorato anche per il cinema e la televisione
È morto Andrea Camilleri
È morto Andrea Camilleri
Il grande scrittore, padre del commissario Montalbano, si è spento a Roma, dov’era stato ricoverato d’urgenza per problemi cardiorespiratori. Aveva 92 anni, e si preparava al debutto alle Terme di Caracalla
La morte (inutile?) di un 'eroe borghese'
La morte (inutile?) di un
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto
Un nome leggendario che dalla Ford era passato alla Chrysler salvandola dalla bancarotta. Di origini italiane, è stato l’incarnazione del sogno americano
10 anni senza Michael Jackson
10 anni senza Michael Jackson
Un anniversario silenzioso per via delle recenti accuse di pedofilia che hanno offuscato il suo talento immenso. La storia e la fine di uno dei più grandi artisti di sempre
Hurricane, vent'anni in prigione innocente
Hurricane, vent
Sono passati 53 anni dalla sparatoria al "Lafayette Bar &Grill", due bianchi vennero uccisi e Rubin Carter, pugile destinato a diventare campione del mondo, fu condannato all'ergastolo da una giuria di bianchi
L’ultima corsa di Gabe Grunewald
L’ultima corsa di Gabe Grunewald
La coraggiosa mezzofondista americana diventata simbolo della lotta al cancro, si è arresa. Dieci anni di battaglie contro quattro diversi tumori che l’hanno aggredita ovunque, a cui lei ha sempre risposto tornando ogni volta in pista
Addio a Vittorio Zucconi
Addio a Vittorio Zucconi
Grande firma del giornalismo italiano, da tempo americano d’adozione, non aveva mai perso il contatto con la realtà italiana. La sua è stata una carriera di altissimo livello
Apollo 10: ultimo test per la Luna
Apollo 10: ultimo test per la Luna
Cinquant’anni fa veniva lanciata la quarta missione del programma Apollo, una sorta di prova generale di quella che avrebbe consentito il primo sbarco di esseri umani sulla superficie del nostro satellite. Ma c’è chi crede che…
Da quando Senna non corre più
Da quando Senna non corre più
25 anni fa, il campione brasiliano moriva a Imola, alla curva del Tamburello. Di lui in questo tempo si è detto tutto, analizzandone lo stile di guida, l’impeto e la timidezza che l’hanno reso una leggenda