La favola di Notting Hill ha 20 anni

| La storia semplice e raffinata dell’amore fra un perfetto sconosciuto ed una celebrità. Un’alchimia perfetta di dialoghi e personaggi che ha consacrato la commedia come una delle più amate di tutti i tempi

+ Miei preferiti
Oggi Notting Hill è un ricco quartiere residenziale di Londra, un villaggio multietnico un po’ nascosto, pieno di ville e residenze vittoriane: a renderlo celebre la presenza del mercato di Portobello Road ed il coloratissimo Carnevale caraibico. Ma tutto questo, valeva fino al 13 maggio del 1999, quando nelle sale di tutto il mondo arriva il film omonimo, “Notting Hill”, una commedia romantica, sognatrice e ironica diventata un vero cult per intere generazioni. Ancora oggi, dei tour guidati accompagnano i turisti sui luoghi della pellicola, per rivivere la storia d’amore e goffaggine fra il timido, impacciato e squattrinato libraio William Thacker e l’altezzosa star di Hollywood Anna Scott, al secolo Hugh Grant e Julia Roberts. La storia è ben nota: la grande attrice entra in incognito in una modesta libreria di Notting Hill e conosce un librario belloccio. Da lì in poi tocca a cupido piazzare ad arte le sue frecce e dipanare una trama semplice ma efficace, che come sfondo ha un elegante angolo di Londra incorniciato perfettamente dalla fotografia di Michael Coulter e le scenografie di Stuart Craig.

Secondo la leggenda, lo sceneggiatore Richard Curtis inizia a pensare durante un periodo di insonnia alla trama di una vicenda che gli ronza in testa da un po’: raccontare la storia di una persona normale che riesce a uscire con una celebrità”. Nella realtà: changes pari a zero, al cinema, tutte. Quando il progetto prende finalmente corpo, a dirigerlo viene chiamato Mike Newell, regista di successi come “Quattro matrimoni e un funerale”, “Donnie Brasco”, “Mona Lisa Smile” e “Harry Potter e il calice di fuoco”. Stanziati 42 milioni di budget per coprire la realizzazione, il 20 aprile 1998 si parte: prima gli interni agli “Ealing Studios” di Londra, poi gli esterni a Kensington, Chelsea e Notting Hill, soprattutto. Si gira nel giardino zen dell’Hempel Hotel, al Rosmead Garden, all’Hotel Ritz e al Savoy, anche se le scene leggendarie sono quelle nella celebre libreria, al 142 di Portobello Road, nella realtà un negozio di antiquariato, e davanti all’abitazione del librario con la porta blu, al 280 di Westbourne Park Road. In realtà ai tempi la vera residenza dello sceneggiatore, che oggi non solo ha cambiato proprietario, ma ha anche la porta: l’originale è andata all’asta da Christie’s qualche anno fa, venduta a 20mila sterline.

Una parte fondamentale nel successo della pellicola è la colonna sonora, curata dal compositore Trevor Jones e impreziosita da artisti come Elvis Costello, che interpreta “She” di Charles Aznavour, “Ain’t non sunshine” dei “Lighthouse Family”, “In your lifetime” dei Texas e “When You Say Nothing at All”, scritta dall’ex “BoyZone” Ronan Keating.

La premiere di “Notting Hill” accende il cinema “Odeon” di Leichester Squadre, a Londra, il 27 aprile del 1999, e da lì ad ogni angolo del pianeta, incassando 363milioni di dollari in tutto il mondo.

Video
Galleria fotografica
La favola di Notting Hill ha 20 anni - immagine 1
La favola di Notting Hill ha 20 anni - immagine 2
La favola di Notting Hill ha 20 anni - immagine 3
La favola di Notting Hill ha 20 anni - immagine 4
Biografie - anniversari
Da quando Senna non corre più
Da quando Senna non corre più
25 anni fa, il campione brasiliano moriva a Imola, alla curva del Tamburello. Di lui in questo tempo si è detto tutto, analizzandone lo stile di guida, l’impeto e la timidezza che l’hanno reso una leggenda
25 anni senza Kurt
25 anni senza Kurt
È passato un quarto di secolo da quando il leader dei “Nirvana” si toglie la vita nel garage della sua abitazione. Era finito in una spirale di depressione ed eroina, e niente è riuscito a salvarlo
Buon compleanno Pac-Man!
Buon compleanno Pac-Man!
Uno strano bottoncino giallo molto affamato va a caccia di puntini in un labirinto, inseguito da fantasmi che se lo vogliono mangiare. Inventato il 3 aprile 1980, è il videogioco più conosciuto al mondo
Il sacrificio di Marco Biagi
Il sacrificio di Marco Biagi
Temeva per la propria incolumità, ma gli era stata tolta la scorta. Aveva ragione: 17 anni fa, i terroristi delle BR lo aspettavano sotto casa, per punire il suo impegno di riformatore
Addio a Mario Marenco
Addio a Mario Marenco
Uno dei più conosciuti compagni della banda di Renzo Arbore è morto a 85 anni. Architetto di professione, nella carriera nel mondo dello spettacolo era riuscito a creare una galleria di personaggi surreali
Non solo Barbie
Non solo Barbie
La ricerca forsennata di notizie da urlare in poche righe che non mettano in cattiva luce e che non obblighino a faticose riflessioni e prese di posizione: ecco la realtà in cui fretta e superficialità ci stanno conducendo
Addio a Luke Perry
Addio a Luke Perry
Il celebre Dylan McKay di Beverly Hills 90210 è morto a causa dell’ictus che l’aveva colpito giorni fa in modo “devastante”. Aveva appena finito di girare alcune scene per il nuovo film di Quentin Tarantino
Petri, quel poliziotto che morì da eroe
Petri, quel poliziotto che morì da eroe
Emanuele Petri, il 2 marzo 2003, fu ucciso dal brigatista rosso Mario Galesi, a sua volta abbattuto da un altro agente. Il terrorista ferì un modo grave anche un terzo collega. E la sua complice fu arrestata.
Addio all’uomo che ha inventato Ibiza
Addio all’uomo che ha inventato Ibiza
Tony Pike era una leggenda, un’icona, il cuore di Ibiza, l’isola delle Baleari che ha saputo trasformare in una delle località più in voga da decenni
15 anni senza il Pirata
15 anni senza il Pirata
La sera di San Valentino del 2004, Marco Pantani veniva ritrovato morto nella stanza di un hotel di Rimini. Era la fine della vita clamorosa e difficile di uno dei più grandi campioni del ciclismo