La Maratona di Boston, cinque anni dopo

| Viaggio nei magazzini dove si conservano i reperti e le testimonianze del giorno del 2013 in cui due fratelli di origine cecena decisero di spargere il sangue di chi era lì per fare festa

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Cinque anni fa, il 15 aprile del 2013, due bombe macchiano di sangue la Maratona di Boston, la più antica gara al mondo, una tradizione iniziata nel 1897 che tradizionalmente coincide con il “Patriot Day”. Una festa popolare che ogni anno, da sempre, attira migliaia di persone da tutto il mondo: famiglie, sportivi e semplici curiosi.

Alle 14:50 ora locale, a più di due ore di distanza dall’arrivo dei primi atleti, nei pressi del traguardo di Boylston Street, non distante da Copley Square, due pentole a pressione riempite con esplosivo, chiodi, pezzi di ferro e sfere metalliche esplodono a 12 secondi di distanza una dall’altra: a terra restano tre morti e 264 feriti.

Quattro giorni dopo, la polizia individua due sospetti: Džochar e Tamerlan Anzorovič Carnaev, due fratelli di origine cecena di 20 e 27 anni, giunti negli Stati Uniti come rifugiati nel 2002. Quando l’FBI annuncia nomi e volti dei ricercati, i due uccidono un ufficiale di polizia nei pressi del “MIT”, rubano un Suv e iniziano la fuga. A Watertown, nei dintorni di Boston, aprono il fuoco contro la polizia: Tamerlan, il più grande dei due, muore sotto il fuoco degli agenti. Džochar al contrario riesce a fuggire: al termine di un’imponente caccia all’uomo sarà ritrovato all’interno di una barca, nel cortile di una villetta, a poca distanza.

Accusato di uso di armi di distruzione di massa, omicidio doloso e omicidio colposo, l’8 aprile 2015, quasi due anni dopo la strage, al termine di quattordici ore di camera di consiglio, Tamerlan Džochar viene condannato alla pena capitale dalla giuria popolare dello stato del Massachusetts. Nel corso degli interrogatori, confessa che insieme al fratello stavano progettando un altro attentato, questa volta a Times Square, nel cuore di New York. Un mese dopo la condanna a morte, Tamerlan ha voluto chiedere perdono alle famiglie delle vittime: “Mi dispiace per le vite che ho distrutto, per la sofferenza che ho causato e per i danni irreparabili che ho provocato. Prego per il vostro conforto e la vostra guarigione”.

Nella ricorrenza del quinto anniversario della strage, il “Boston Globe”, il più diffuso quotidiano del New England americano, ha avuto accesso ai magazzini della “Iron Mountain”, un’azienda di Northborough, e agli archivi della città, a West Roxbury, dove sono conservati con ogni cura i reperti di quel giorno tragico e le migliaia di testimonianze lasciate sul luogo dell’attentato, un memoriale sorto spontaneamente fatto di messaggi, peluche, maglie sportive, fasce, scarpe, bandiere, pettorali, disegni, crocifissi e resti di candele. I dipendenti si sono offerti volontari per riunire e catalogare i reperti, mentre altri si occupavano di trascrivere le migliaia di messaggi, fra cui quello dei familiari di Jesus Sanchez, uno dei passeggeri del volo “United 175” partito dall’aeroporto Logan e finito contro la torre sud del World Trade Center di New York.

In quattro scatole altrettante croci, quelle con i nomi delle vittime: Lu Lingzi, 20 anni, prossima alla specializzazione alla Boston University, Martin Richard, un bimbo di 8 anni, Krystle Campbell, 29 anni, e Collier Sena, l’agente ucciso dai due fratelli Carnaev. Un luogo diventato in qualche modo sacro, che raccoglie e conserva le storie di gente che quel giorno ha incrociato il proprio destino con la follia di due giovani, convinti da un’ideologia folle e assassina che la via più semplice per il paradiso fosse uccidere chi li aveva accolti e ospitati.

La strage della “Boston Marathon”, nel 2016 ha ispirato il film “Patriots Day” (Boston: caccia all’uomo), pellicola interpretata da Mark Wahlberg e tratta dal libro “Boston Strong”, scritto da Casey Sherman e Dave Wedge. E un altro film dedicato a quel giorno è già annunciato: la storia di Jeff Bauman, giovane di 29 anni che nell’esplosione ha perso entrambe le gambe, ma non la voglia di vivere.

Galleria fotografica
La Maratona di Boston, cinque anni dopo - immagine 1
La Maratona di Boston, cinque anni dopo - immagine 2
La Maratona di Boston, cinque anni dopo - immagine 3
La Maratona di Boston, cinque anni dopo - immagine 4
La Maratona di Boston, cinque anni dopo - immagine 5
La Maratona di Boston, cinque anni dopo - immagine 6
La Maratona di Boston, cinque anni dopo - immagine 7
La Maratona di Boston, cinque anni dopo - immagine 8
La Maratona di Boston, cinque anni dopo - immagine 9
La Maratona di Boston, cinque anni dopo - immagine 10
La Maratona di Boston, cinque anni dopo - immagine 11
La Maratona di Boston, cinque anni dopo - immagine 12
La Maratona di Boston, cinque anni dopo - immagine 13
La Maratona di Boston, cinque anni dopo - immagine 14
La Maratona di Boston, cinque anni dopo - immagine 15
La Maratona di Boston, cinque anni dopo - immagine 16
Biografie - anniversari
25 anni senza Kurt
25 anni senza Kurt
È passato un quarto di secolo da quando il leader dei “Nirvana” si toglie la vita nel garage della sua abitazione. Era finito in una spirale di depressione ed eroina, e niente è riuscito a salvarlo
Buon compleanno Pac-Man!
Buon compleanno Pac-Man!
Uno strano bottoncino giallo molto affamato va a caccia di puntini in un labirinto, inseguito da fantasmi che se lo vogliono mangiare. Inventato il 3 aprile 1980, è il videogioco più conosciuto al mondo
Il sacrificio di Marco Biagi
Il sacrificio di Marco Biagi
Temeva per la propria incolumità, ma gli era stata tolta la scorta. Aveva ragione: 17 anni fa, i terroristi delle BR lo aspettavano sotto casa, per punire il suo impegno di riformatore
Addio a Mario Marenco
Addio a Mario Marenco
Uno dei più conosciuti compagni della banda di Renzo Arbore è morto a 85 anni. Architetto di professione, nella carriera nel mondo dello spettacolo era riuscito a creare una galleria di personaggi surreali
Non solo Barbie
Non solo Barbie
La ricerca forsennata di notizie da urlare in poche righe che non mettano in cattiva luce e che non obblighino a faticose riflessioni e prese di posizione: ecco la realtà in cui fretta e superficialità ci stanno conducendo
Addio a Luke Perry
Addio a Luke Perry
Il celebre Dylan McKay di Beverly Hills 90210 è morto a causa dell’ictus che l’aveva colpito giorni fa in modo “devastante”. Aveva appena finito di girare alcune scene per il nuovo film di Quentin Tarantino
Petri, quel poliziotto che morì da eroe
Petri, quel poliziotto che morì da eroe
Emanuele Petri, il 2 marzo 2003, fu ucciso dal brigatista rosso Mario Galesi, a sua volta abbattuto da un altro agente. Il terrorista ferì un modo grave anche un terzo collega. E la sua complice fu arrestata.
Addio all’uomo che ha inventato Ibiza
Addio all’uomo che ha inventato Ibiza
Tony Pike era una leggenda, un’icona, il cuore di Ibiza, l’isola delle Baleari che ha saputo trasformare in una delle località più in voga da decenni
15 anni senza il Pirata
15 anni senza il Pirata
La sera di San Valentino del 2004, Marco Pantani veniva ritrovato morto nella stanza di un hotel di Rimini. Era la fine della vita clamorosa e difficile di uno dei più grandi campioni del ciclismo
Jan Palach, il fuoco eterno
Jan Palach, il fuoco eterno
Cinquant’anni fa un giovane studente sceglie di darsi alle fiamme nel cuore di Praga: una protesa estrema contro la rassegnazione in cui stava piombando il suo paese