La notte della Famiglia Manson

| La data del 9 agosto 1969, quella dell’inutile e agghiacciante strage al 10050 di Cielo Drive, è diventata uno dei momenti più significativi degli anni Sessanta

+ Miei preferiti
Oggi, la villa che riprendeva lo stile delle residenze di campagna francesi al 10050 di Cielo Drive, sulle colline di Bel Air che dominano Beverly Hills, non esiste più. Nel 1994, il proprietario, il produttore Rudi Altobelli, ha deciso di demolirla per costruire “Bella Villa”: era stanco del via vai di turisti e curiosi, e per confonderli ha voluto cambiare anche l’indirizzo: 10060 Cielo Drive. Era stata realizzata nel 1944 per l’attrice francese Michèle Morgan dall’architetto Robert Byrd, e nel tempo diventa l’indirizzo provvisorio di star come Cary Grant, Henry Fonda e Candice Bergen. Nel febbraio del 1969, il regista Roman Polanski e sua moglie, l’attrice Sharon Tate, la prendono in affitto. Polanski è spesso in viaggio, e la Tate – incinta a due settimane dal parto– non ama restare da sola in quella casa, troppo grossa e troppo isolata. Forse un presentimento della notte che avrebbe mandato in frantumi la felicità degli anni Sessanta e minato per sempre la tranquillità di uno dei posti più esclusivi del mondo.

La notte del 9 agosto 1969, la “Famiglia” di Charles Manson, il santone che governa una mandria di disadattati con la droga e il sesso, ordina una strage per punire un sistema che lo respingeva impedendogli di diventare un artista di successo. Charles Watson, Linda Kasabian, Susan Atkins e Patricia Krenwinkel penetrano nella villa dove Sharon Tate si trova in compagnia di alcuni suoi amici. È una strage che da mezzo secolo viene raccontata in ogni modo, senza neanche risparmiare i dettagli più terrificanti e sanguinolenti: una vera mattanza che lascia la polizia senza parole. Passeranno mesi prima che gli agenti individuino i responsabili della strage di Cielo Drive e quella del giorno successivo, in cui a rimetterci sono Leno LaBianca e sua moglie Rosemary, uccisi anche loro senza risparmiare sull’orrore.

Sarà Quentin Tarantino a far rivivere ancora una volta la strage al 10050 di Cielo Drive: il suo “Once Upon a Time in Hollywood” racconta la Hollywood di quegli anni solo all’apparenza spensierati e la morte di Sharon Tate, una bellissima ragazza di 26 anni che stava per diventare mamma, e da allora è sepolta insieme al piccolo Paul all’Holy Cross Cemetery di Culver City.

Galleria fotografica
La notte della Famiglia Manson - immagine 1
La notte della Famiglia Manson - immagine 2
Biografie - anniversari
Addio a Ennio Morricone
Addio a Ennio Morricone
Il grande compositore si è spento a 93 anni in una clinica dov'era ricoverato da qualche giorno
Addio a Luis Sepúlveda
Addio a Luis Sepúlveda
Lo scrittore cileno si è spento in un ospedale di Oviedo, in Spagna, dove era ricoverato da più di un mese e mezzo per coronavirus
Addio a Stirling Moss, l’eterno secondo
Addio a Stirling Moss, l’eterno secondo
Il leggendario pilota inglese si è spento a Londra a 90 anni dopo una lunga malattia. Nella sua lunga carriera un solo rammarico: non aver mai vinto un mondiale, per colpa di Fangio
Addio a Suor Germana, la cuoca di Dio
Addio a Suor Germana, la cuoca di Dio
Molto prima dell’invasione di chef e cooking-show, era diventata un personaggio televisivo e la prolifica autrice di oltre 40 volumi di ricette venduti in milioni di copie
Addio a Danny Aiello, simbolo degli italoamericani
Addio a Danny Aiello, simbolo degli italoamericani
Figlio di operai di origini italiane, era diventato uno dei caratteristi più apprezzati di Hollywood: a lui toccava spesso il ruolo di mafioso, buttafuori, tassista o agente di polizia
Quel che resta del Muro
Quel che resta del Muro
30 anni fa, i berlinesi davano l’assalto a “Die Mauer”, il muro che li aveva divisi per quasi un trentennio. Oggi, celebrazioni e malinconie a parte, quel che resta è un’attrazione per turisti
Coppi, l’amante, il fratello e tutto quanto
Coppi, l’amante, il fratello e tutto quanto
La vita del campionissimo fu sfortunatamente breve ma intensa. Vinse ovunque, fece scandalo nella bigotta Italia degli anni Cinquanta, divise l’Italia per la rivalità con Bartali e perse un fratello, corridore come lui
Quel gran genio di mio marito, Lucio Battisti
Quel gran genio di mio marito, Lucio Battisti
Ricorre oggi l’anniversario della morte del grande cantante, che la moglie ha sempre cercato di proteggere da ogni speculazione tesa a sfruttare la sua opera. A volte in modo ritenuto eccessivo da amici, collaboratori e fan
Addio a Peter Fonda
Addio a Peter Fonda
Il leggendario interprete di Esay Rider si è spento a Los Angeles a 79 anni. Era malato da tempo
La bionda che riuscì a non invecchiare
La bionda che riuscì a non invecchiare
Con la morte del 5 agosto 1962, Marilyn Monroe è entrata nella leggenda. Ufficialmente la causa del decesso è il suicidio con barbiturici ma sono numerosi i sospetti che indicano responsabilità della mafia o dei servizi segreti