Lee Radziwill, the last glamour icon

| La sorella più piccola di Jackye, come lei icona vivente di eleganza e “savoir vivre”, si è spenta a New York a 85 anni

+ Miei preferiti
Se n’è andata a 85 anni, portandosi dietro l’ultima idea di un’eleganza innata che non dipende dalla moda e da quanto si possa essere disposti a spendere. Un'eleganza che nasce da dentro, per un mondo che non esiste più. Caroline Lee Radziwill, classe 1933, newyorkese, era la sorella più piccola di Jacqueline Bouvier, colei che sarebbe diventata prima la signora Kennedy e dopo la donna di Aristotele Onassis. Legatissima a Jackye, amica di Andy Warhol, Truman Capote, Rudolf Nureyev e Leonard Berstein, Lee ha attraversato la storia americana passando indenne al glamour, allo stile e ai capricci del jet-set più esclusivo, senza negarsi passioni e una vita avventurosa. Quelle come lei oggi le chiamano “socialite”, ma Lee Radziwill lo era già quando ancora la moda era una cosa seria: è stata lei a consigliare a Jackye di vestire “Givenchy” malgrado JFK preferisse marchi americani, ai tempi troppo dozzinali per le sorelline Bouvier.

Nella sua esistenza diventa il braccio destro di Diana Vreeland, l’editore di “Harper’s Bazaar”, poi tenta la carriera di attrice, ma ci ripensa perché non ha abbastanza successo e neanche voglia di inseguirlo. Diventa un’arredatrice d’interni per appartamenti di una clientela aristocratica, “gente che non ci abita per più di tre giorni all’anno”. Nel 1996 entra per la prima volta nella “Hall of Fame” delle donne più eleganti del mondo, e difficilmente non viene citata ogni anno successivo, per decenni.

Nel 1953 sposa Michael Temple Canfield, storico fidanzato dei tempi della scuola, ma è un matrimonio infelice che termina sei anni dopo, quando Lee finisce fra le braccia di Stanislaw Albrecht Radziwill, il principe polacco che le darà due figli, Anthony e Anna Christina. Questa volta la storia dura un po’ di più, ma Lee è troppo irrequieta per accontentarsi: vive un’appassionata storia d’amore con il fotografo Peter Beard e con Aristotele Onassis, prima che questo sposasse sua sorella Jackye. Chiude in bellezza con Herbert Ross, regista, che sposa 1998 e manda all’aria 13 anni dopo, nel 2001.

Un’esistenza al massimo del glamour e dello chic che però non l’ha privata di dolori: nel 1994 piange sua sorella Jackye, malgrado nel testamento abbia scelto di non lasciarle niente, cinque anni dopo la scomparsa dell’amatissimo nipote John John e quella di suo figlio Anthony, vinto dal cancro.

Galleria fotografica
Lee Radziwill, the last glamour icon - immagine 1
Lee Radziwill, the last glamour icon - immagine 2
Lee Radziwill, the last glamour icon - immagine 3
Lee Radziwill, the last glamour icon - immagine 4
Lee Radziwill, the last glamour icon - immagine 5
Lee Radziwill, the last glamour icon - immagine 6
Lee Radziwill, the last glamour icon - immagine 7
Biografie - anniversari
Addio a Luis Sepúlveda
Addio a Luis Sepúlveda
Lo scrittore cileno si è spento in un ospedale di Oviedo, in Spagna, dove era ricoverato da più di un mese e mezzo per coronavirus
Addio a Stirling Moss, l’eterno secondo
Addio a Stirling Moss, l’eterno secondo
Il leggendario pilota inglese si è spento a Londra a 90 anni dopo una lunga malattia. Nella sua lunga carriera un solo rammarico: non aver mai vinto un mondiale, per colpa di Fangio
Addio a Suor Germana, la cuoca di Dio
Addio a Suor Germana, la cuoca di Dio
Molto prima dell’invasione di chef e cooking-show, era diventata un personaggio televisivo e la prolifica autrice di oltre 40 volumi di ricette venduti in milioni di copie
Addio a Danny Aiello, simbolo degli italoamericani
Addio a Danny Aiello, simbolo degli italoamericani
Figlio di operai di origini italiane, era diventato uno dei caratteristi più apprezzati di Hollywood: a lui toccava spesso il ruolo di mafioso, buttafuori, tassista o agente di polizia
Quel che resta del Muro
Quel che resta del Muro
30 anni fa, i berlinesi davano l’assalto a “Die Mauer”, il muro che li aveva divisi per quasi un trentennio. Oggi, celebrazioni e malinconie a parte, quel che resta è un’attrazione per turisti
Coppi, l’amante, il fratello e tutto quanto
Coppi, l’amante, il fratello e tutto quanto
La vita del campionissimo fu sfortunatamente breve ma intensa. Vinse ovunque, fece scandalo nella bigotta Italia degli anni Cinquanta, divise l’Italia per la rivalità con Bartali e perse un fratello, corridore come lui
Quel gran genio di mio marito, Lucio Battisti
Quel gran genio di mio marito, Lucio Battisti
Ricorre oggi l’anniversario della morte del grande cantante, che la moglie ha sempre cercato di proteggere da ogni speculazione tesa a sfruttare la sua opera. A volte in modo ritenuto eccessivo da amici, collaboratori e fan
Addio a Peter Fonda
Addio a Peter Fonda
Il leggendario interprete di Esay Rider si è spento a Los Angeles a 79 anni. Era malato da tempo
La bionda che riuscì a non invecchiare
La bionda che riuscì a non invecchiare
Con la morte del 5 agosto 1962, Marilyn Monroe è entrata nella leggenda. Ufficialmente la causa del decesso è il suicidio con barbiturici ma sono numerosi i sospetti che indicano responsabilità della mafia o dei servizi segreti
Strage di Bologna, la verità è ancora lontana
Strage di Bologna, la verità è ancora lontana
L'ex Nar Paolo Bellini, prosciolto nel '92, forse era nella stazione. Il frammento di un film lo inquadrerebbe nell'atrio dopo lo scoppio. Il ruolo di Gilberto Cavallini. Esumato il corpo della vittima più vicina all'esplosione