L’ultima corsa di Gabe Grunewald

| La coraggiosa mezzofondista americana diventata simbolo della lotta al cancro, si è arresa. Dieci anni di battaglie contro quattro diversi tumori che l’hanno aggredita ovunque, a cui lei ha sempre risposto tornando ogni volta in pista

+ Miei preferiti
“La mia migliore amica se n’è andata”: è toccato a Justin, il marito di Gabriele Grunewald, dover annunciare la morte della mezzofondista che per dieci anni ha combattuto e sfidato a muso duro il brutto male che l’aveva aggredita. Una battaglia che l’aveva trasformata nel simbolo di chi non ha alcuna intenzione di arrendersi alla malattia e consegnare la propria esistenza alla tristezza di dover contare i giorni e le ore che restano.

Gabriele Anderson, il suo nome da ragazza, era nata a Perham, in Minnesota, il 25 giugno 1986, ed è proprio con i colori dell’università del suo Stato a debuttare nei campionati Outdoor Track and Field. Nel 2009 le diagnosticano una rara forma di carcinoma adenoideo-cistico: è solo l’inizio di un durissimo testa a testa con la malattia. Gabe si fa operare, le asportano la ghiandola salivare, e appena un anno dopo chiude al secondo posto i campionati universitari. Ma il male è ancora lì, e torna a farsi sentire aggredendo la tiroide, ma neanche questo riesce a fermarla: Gabe Grunewald inanella una vittoria dopo l’altra approdando nelle file dei professionisti, e finendo nell’elenco delle migliori mezzofondiste di sempre.

Nel 2015 la operano al fegato, dove il male ha sferrato un nuovo attacco ancora più violento, mentre anche quello alla tiroide torna a farsi sentire complicando il quadro generale. Le dicono che non può più essere operata, quello che si poteva fare è stato fatto, ma Gabe non molla: si allena e torna in pista malgrado la chemio provi a rubarle anche le forze e la cicatrice spunti sotto il pettorale di gara. A Sacramento, al termine di una batteria dei campionati nazionali americani, le sue avversarie le si stringono intorno, si inginocchiano e pregano tutte insieme, sotto gli occhi commossi di uno stadio intero.

La storia testarda di Gabe Grunewald attraversa il pianeta, e Chip Gaines, un volto noto della televisione americana, crea la “Silo District Marathon” in scena a Waco, Texas, per raccogliere fondi che ogni anno devolve alla “Brave Like Gabe Foundation”, la fondazione da lei stessa voluta insieme a suo marito Justin. “Ho fatto tante cose che non sarei stata in grado di fare, se mi fossi arresa solo perché la vita era diventata difficile. È questo l’unico messaggio che mi sento di lanciare: mai arrendersi e mai abbandonare i propri sogni”.

Il 1° giugno, pochi giorni fa, suo marito Justin ha capito che era arrivato il momento: ne avevano parlato spesso, sapeva cosa fare, ma a certe cose non ti abitui mai. Attraverso i social, dove la sua Gabe tante volte aveva trovato forza e conforto dalle parole di migliaia di persone che la consideravano un esempio, ha confidato che le condizioni di salute di sua moglie erano peggiorate all’improvviso, e i valori “erano ormai incompatibili con la vita”. Gabe se ne accorge, riesce a leggere qualche post e assicura tutti quelli che aveva intorno: “Non sarà oggi”. Il giorno successivo, perfino i medici non sanno che trovare una spiegazione: mai vista una reazione così, in un paziente minato dalla malattia. Sfidando ogni regola e ogni statistica Gabe Grunewald resiste ancora una settimana: la sera del 10 giugno se n’è andata.

Galleria fotografica
L’ultima corsa di Gabe Grunewald - immagine 1
L’ultima corsa di Gabe Grunewald - immagine 2
L’ultima corsa di Gabe Grunewald - immagine 3
L’ultima corsa di Gabe Grunewald - immagine 4
L’ultima corsa di Gabe Grunewald - immagine 5
L’ultima corsa di Gabe Grunewald - immagine 6
L’ultima corsa di Gabe Grunewald - immagine 7
L’ultima corsa di Gabe Grunewald - immagine 8
Biografie - anniversari
Quel che resta del Muro
Quel che resta del Muro
30 anni fa, i berlinesi davano l’assalto a “Die Mauer”, il muro che li aveva divisi per quasi un trentennio. Oggi, celebrazioni e malinconie a parte, quel che resta è un’attrazione per turisti
Coppi, l’amante, il fratello e tutto quanto
Coppi, l’amante, il fratello e tutto quanto
La vita del campionissimo fu sfortunatamente breve ma intensa. Vinse ovunque, fece scandalo nella bigotta Italia degli anni Cinquanta, divise l’Italia per la rivalità con Bartali e perse un fratello, corridore come lui
Quel gran genio di mio marito, Lucio Battisti
Quel gran genio di mio marito, Lucio Battisti
Ricorre oggi l’anniversario della morte del grande cantante, che la moglie ha sempre cercato di proteggere da ogni speculazione tesa a sfruttare la sua opera. A volte in modo ritenuto eccessivo da amici, collaboratori e fan
Addio a Peter Fonda
Addio a Peter Fonda
Il leggendario interprete di Esay Rider si è spento a Los Angeles a 79 anni. Era malato da tempo
La bionda che riuscì a non invecchiare
La bionda che riuscì a non invecchiare
Con la morte del 5 agosto 1962, Marilyn Monroe è entrata nella leggenda. Ufficialmente la causa del decesso è il suicidio con barbiturici ma sono numerosi i sospetti che indicano responsabilità della mafia o dei servizi segreti
Strage di Bologna, la verità è ancora lontana
Strage di Bologna, la verità è ancora lontana
L'ex Nar Paolo Bellini, prosciolto nel '92, forse era nella stazione. Il frammento di un film lo inquadrerebbe nell'atrio dopo lo scoppio. Il ruolo di Gilberto Cavallini. Esumato il corpo della vittima più vicina all'esplosione
Addio a Luciano de Crescenzo
Addio a Luciano de Crescenzo
Scrittore e filosofo corredato da una forte dose di ironia, aveva trovato il modo di rendere piacevoli a tutti perfino i più temuti mattoni culturali. Personaggio a tutto tondo, aveva lavorato anche per il cinema e la televisione
È morto Andrea Camilleri
È morto Andrea Camilleri
Il grande scrittore, padre del commissario Montalbano, si è spento a Roma, dov’era stato ricoverato d’urgenza per problemi cardiorespiratori. Aveva 92 anni, e si preparava al debutto alle Terme di Caracalla
La morte (inutile?) di un 'eroe borghese'
La morte (inutile?) di un
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto
Un nome leggendario che dalla Ford era passato alla Chrysler salvandola dalla bancarotta. Di origini italiane, è stato l’incarnazione del sogno americano