Maserati Ghibli, sport e/o luxury

| Restilyng di metà carriera per la più venduta del marchio modenese. In gamma si aggiungono due nuove versioni, una votata alla sportività, l'altra al lusso

+ Miei preferiti

Una sola novità, e tanti pezzi pregiati. È il quadro dello stand Maserati, uno dei marchi italiani più amati (insieme a Ferrari, chiaro), dai tedeschi. Per loro, il marchio del Tridente ha portato il restyling della Ghibli, il modello più amato, forte di 70.000 esemplari andati come il pane dal 2013 ad oggi.

Il model year 2018, va detto, ha subito un piccolo lifting estetico, utile per armonizzare le due anime, quella sportiva e quella elegante. Non a caso, arrivano in gamma dei nuovi allestimenti, GranLusso e Gran Sport, la prima resa ancor più raffinata nelle finiture, compresi interni firmati Ermenegildo Zegna, la seconda al contrario enfatizza l'anima sportiva.

Le versioni top di gamma, Ghibli S ed S Q4, montano un V6 3.0 biturbo da 430 CV e 580 Nm di coppia, con accelerazione 0-100 in poco meno di cinque secondi.

La tecnologia si affida al sistema IVC (Integrated Vehicle Control), in grado di prevedere e correggere l'instabilità, il servosterzo assistito e il pacchetto ADAS (in opzione), che racchiude Highway Assist, Lane Keeping Assist, Active Blind Assist e Traffic Sign Recognition.

Novità model year 2018 anche per il suv Levante, con allestimenti GranLusso e GranSport, e la Quattroporte, che incrementa la potenza del tre litri V6.

Biografie - anniversari
Quel che resta del Muro
Quel che resta del Muro
30 anni fa, i berlinesi davano l’assalto a “Die Mauer”, il muro che li aveva divisi per quasi un trentennio. Oggi, celebrazioni e malinconie a parte, quel che resta è un’attrazione per turisti
Coppi, l’amante, il fratello e tutto quanto
Coppi, l’amante, il fratello e tutto quanto
La vita del campionissimo fu sfortunatamente breve ma intensa. Vinse ovunque, fece scandalo nella bigotta Italia degli anni Cinquanta, divise l’Italia per la rivalità con Bartali e perse un fratello, corridore come lui
Quel gran genio di mio marito, Lucio Battisti
Quel gran genio di mio marito, Lucio Battisti
Ricorre oggi l’anniversario della morte del grande cantante, che la moglie ha sempre cercato di proteggere da ogni speculazione tesa a sfruttare la sua opera. A volte in modo ritenuto eccessivo da amici, collaboratori e fan
Addio a Peter Fonda
Addio a Peter Fonda
Il leggendario interprete di Esay Rider si è spento a Los Angeles a 79 anni. Era malato da tempo
La bionda che riuscì a non invecchiare
La bionda che riuscì a non invecchiare
Con la morte del 5 agosto 1962, Marilyn Monroe è entrata nella leggenda. Ufficialmente la causa del decesso è il suicidio con barbiturici ma sono numerosi i sospetti che indicano responsabilità della mafia o dei servizi segreti
Strage di Bologna, la verità è ancora lontana
Strage di Bologna, la verità è ancora lontana
L'ex Nar Paolo Bellini, prosciolto nel '92, forse era nella stazione. Il frammento di un film lo inquadrerebbe nell'atrio dopo lo scoppio. Il ruolo di Gilberto Cavallini. Esumato il corpo della vittima più vicina all'esplosione
Addio a Luciano de Crescenzo
Addio a Luciano de Crescenzo
Scrittore e filosofo corredato da una forte dose di ironia, aveva trovato il modo di rendere piacevoli a tutti perfino i più temuti mattoni culturali. Personaggio a tutto tondo, aveva lavorato anche per il cinema e la televisione
È morto Andrea Camilleri
È morto Andrea Camilleri
Il grande scrittore, padre del commissario Montalbano, si è spento a Roma, dov’era stato ricoverato d’urgenza per problemi cardiorespiratori. Aveva 92 anni, e si preparava al debutto alle Terme di Caracalla
La morte (inutile?) di un 'eroe borghese'
La morte (inutile?) di un
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto
Un nome leggendario che dalla Ford era passato alla Chrysler salvandola dalla bancarotta. Di origini italiane, è stato l’incarnazione del sogno americano