Maserati Ghibli, sport e/o luxury

| Restilyng di metà carriera per la più venduta del marchio modenese. In gamma si aggiungono due nuove versioni, una votata alla sportività, l'altra al lusso

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Una sola novità, e tanti pezzi pregiati. È il quadro dello stand Maserati, uno dei marchi italiani più amati (insieme a Ferrari, chiaro), dai tedeschi. Per loro, il marchio del Tridente ha portato il restyling della Ghibli, il modello più amato, forte di 70.000 esemplari andati come il pane dal 2013 ad oggi.

Il model year 2018, va detto, ha subito un piccolo lifting estetico, utile per armonizzare le due anime, quella sportiva e quella elegante. Non a caso, arrivano in gamma dei nuovi allestimenti, GranLusso e Gran Sport, la prima resa ancor più raffinata nelle finiture, compresi interni firmati Ermenegildo Zegna, la seconda al contrario enfatizza l'anima sportiva.

Le versioni top di gamma, Ghibli S ed S Q4, montano un V6 3.0 biturbo da 430 CV e 580 Nm di coppia, con accelerazione 0-100 in poco meno di cinque secondi.

La tecnologia si affida al sistema IVC (Integrated Vehicle Control), in grado di prevedere e correggere l'instabilità, il servosterzo assistito e il pacchetto ADAS (in opzione), che racchiude Highway Assist, Lane Keeping Assist, Active Blind Assist e Traffic Sign Recognition.

Novità model year 2018 anche per il suv Levante, con allestimenti GranLusso e GranSport, e la Quattroporte, che incrementa la potenza del tre litri V6.

Biografie - anniversari
25 anni senza Kurt
25 anni senza Kurt
È passato un quarto di secolo da quando il leader dei “Nirvana” si toglie la vita nel garage della sua abitazione. Era finito in una spirale di depressione ed eroina, e niente è riuscito a salvarlo
Buon compleanno Pac-Man!
Buon compleanno Pac-Man!
Uno strano bottoncino giallo molto affamato va a caccia di puntini in un labirinto, inseguito da fantasmi che se lo vogliono mangiare. Inventato il 3 aprile 1980, è il videogioco più conosciuto al mondo
Il sacrificio di Marco Biagi
Il sacrificio di Marco Biagi
Temeva per la propria incolumità, ma gli era stata tolta la scorta. Aveva ragione: 17 anni fa, i terroristi delle BR lo aspettavano sotto casa, per punire il suo impegno di riformatore
Addio a Mario Marenco
Addio a Mario Marenco
Uno dei più conosciuti compagni della banda di Renzo Arbore è morto a 85 anni. Architetto di professione, nella carriera nel mondo dello spettacolo era riuscito a creare una galleria di personaggi surreali
Non solo Barbie
Non solo Barbie
La ricerca forsennata di notizie da urlare in poche righe che non mettano in cattiva luce e che non obblighino a faticose riflessioni e prese di posizione: ecco la realtà in cui fretta e superficialità ci stanno conducendo
Addio a Luke Perry
Addio a Luke Perry
Il celebre Dylan McKay di Beverly Hills 90210 è morto a causa dell’ictus che l’aveva colpito giorni fa in modo “devastante”. Aveva appena finito di girare alcune scene per il nuovo film di Quentin Tarantino
Petri, quel poliziotto che morì da eroe
Petri, quel poliziotto che morì da eroe
Emanuele Petri, il 2 marzo 2003, fu ucciso dal brigatista rosso Mario Galesi, a sua volta abbattuto da un altro agente. Il terrorista ferì un modo grave anche un terzo collega. E la sua complice fu arrestata.
Addio all’uomo che ha inventato Ibiza
Addio all’uomo che ha inventato Ibiza
Tony Pike era una leggenda, un’icona, il cuore di Ibiza, l’isola delle Baleari che ha saputo trasformare in una delle località più in voga da decenni
15 anni senza il Pirata
15 anni senza il Pirata
La sera di San Valentino del 2004, Marco Pantani veniva ritrovato morto nella stanza di un hotel di Rimini. Era la fine della vita clamorosa e difficile di uno dei più grandi campioni del ciclismo
Jan Palach, il fuoco eterno
Jan Palach, il fuoco eterno
Cinquant’anni fa un giovane studente sceglie di darsi alle fiamme nel cuore di Praga: una protesa estrema contro la rassegnazione in cui stava piombando il suo paese