Petri, quel poliziotto che morì da eroe

| Emanuele Petri, il 2 marzo 2003, fu ucciso dal brigatista rosso Mario Galesi, a sua volta abbattuto da un altro agente. Il terrorista ferì un modo grave anche un terzo collega. E la sua complice fu arrestata.

+ Miei preferiti

MASSIMO NUMA

Ricordare il poliziotto Emanuele Petri è un dovere. Nel nome dei tanti Caduti delle Forze dell’Ordine, e di uno Stato che spesso si dimentica dei figli morti nel suo nome. E che furono uccisi in nome di astratti - ma non sempre - ideali politici o ragioni di Stato, perché anche questo è accaduto. Emanuele Petri morì il 2 marzo del 2003, 16 anni fa, a causa sopratutto delle sue qualità professionali. Era nella Polizia Ferroviaria, una vita fatta di tanti aspetti, anche di routine, anche di servizi apparentemente di secondaria importanza. Ma quell’istinto che è nell’anima e nella mente dei poliziotti veri, quella mattina alle 8,40, non lo fece sbagliare. C’erano due passeggeri sul treno proveniente da Roma e diretto a Firenze. Il vagone è semivuoto e i due mostrano documenti in apparenza veri, intestati al signor Domenico Marozzi e alla signora signora Rita Bizzarri. Dai primi controlli sembra tutto regolare. Invece Petri ha come un presentimento, decide di approfondire e viene fuori che sono falsi. E’ con altri due colleghi, decidono di procedere ma quelle carte d’identità abilmente falsificate nascondevano due militanti delle Brigate Rosse, Mario Galesi e Nadia Desdemona Lioce, hanno più o meno 40 anni e sono latitanti e clandestini da molto tempo. Galesi ha una 7,65 e fa fuoco. E’ un gelido assassino, ha già ucciso i professori Massimo D’Antona e Marco Biagi, ha commesso rapine e altre azioni violente. 

La pistola la punta alla testa di Petri mentre Lioce cerca di disarmare l’agente Giovanni di Fronzo, tenuto sotto tiro dal complice. Il poliziotto getta la pistola tra i sedili, lei l’afferra, tenta di ucciderlo ma l’arma si inceppa. Galesi spara e ammazza Emanuele Petri. Consuma poi tutto il caricatore contro il terzo agente, Bruno Fortunato, ferito in modo grave ai polmoni ma, mentre cade, riesce a a sparare e colpire il brigatista che morirà di lì a poco. L’agente Giovanni di Fronzo riesce a bloccare Nadia Desdemona Lioce, e la ammanetta ai binari. Condannata all’ergastolo, è rinchiusa nella sezione di massima sicurezza nel carcere dell’Aquila con condanna definitiva dal 2006. La limpida figura di Emanuele Petri, 48 anni, è quella di un eroe, una parola troppe volte usata  anche a sproposito. Aveva lasciato soli moglie e un figlio. Fu insignito della medaglia d'oro al valore civile con questa motivazione: "Impegnato in servizio di scorta viaggiatori sul treno Roma-Firenze, notando due persone sospette, decideva, unitamente ad altri colleghi, di procedere al loro controllo. Ne seguiva una violenta colluttazione nel corso della quale veniva colpito a morte da alcuni colpi di pistola esplosi dai due, risultati essere pericolosissimi terroristi, permettendo così, con il sacrificio della propria vita, la cattura degli stessi. Fulgido esempio di attaccamento al dovere, coraggio e capacità professionale, poste al servizio della collettività". Suo figlio, oggi, fa il poliziotto. Aveva appena 9 anni quando gli ammazzarono il padre.

 
 

Biografie - anniversari
25 anni senza Kurt
25 anni senza Kurt
È passato un quarto di secolo da quando il leader dei “Nirvana” si toglie la vita nel garage della sua abitazione. Era finito in una spirale di depressione ed eroina, e niente è riuscito a salvarlo
Buon compleanno Pac-Man!
Buon compleanno Pac-Man!
Uno strano bottoncino giallo molto affamato va a caccia di puntini in un labirinto, inseguito da fantasmi che se lo vogliono mangiare. Inventato il 3 aprile 1980, è il videogioco più conosciuto al mondo
Il sacrificio di Marco Biagi
Il sacrificio di Marco Biagi
Temeva per la propria incolumità, ma gli era stata tolta la scorta. Aveva ragione: 17 anni fa, i terroristi delle BR lo aspettavano sotto casa, per punire il suo impegno di riformatore
Addio a Mario Marenco
Addio a Mario Marenco
Uno dei più conosciuti compagni della banda di Renzo Arbore è morto a 85 anni. Architetto di professione, nella carriera nel mondo dello spettacolo era riuscito a creare una galleria di personaggi surreali
Non solo Barbie
Non solo Barbie
La ricerca forsennata di notizie da urlare in poche righe che non mettano in cattiva luce e che non obblighino a faticose riflessioni e prese di posizione: ecco la realtà in cui fretta e superficialità ci stanno conducendo
Addio a Luke Perry
Addio a Luke Perry
Il celebre Dylan McKay di Beverly Hills 90210 è morto a causa dell’ictus che l’aveva colpito giorni fa in modo “devastante”. Aveva appena finito di girare alcune scene per il nuovo film di Quentin Tarantino
Addio all’uomo che ha inventato Ibiza
Addio all’uomo che ha inventato Ibiza
Tony Pike era una leggenda, un’icona, il cuore di Ibiza, l’isola delle Baleari che ha saputo trasformare in una delle località più in voga da decenni
15 anni senza il Pirata
15 anni senza il Pirata
La sera di San Valentino del 2004, Marco Pantani veniva ritrovato morto nella stanza di un hotel di Rimini. Era la fine della vita clamorosa e difficile di uno dei più grandi campioni del ciclismo
Jan Palach, il fuoco eterno
Jan Palach, il fuoco eterno
Cinquant’anni fa un giovane studente sceglie di darsi alle fiamme nel cuore di Praga: una protesa estrema contro la rassegnazione in cui stava piombando il suo paese
20 anni senza Faber
20 anni senza Faber
L’11 gennaio 1999 se ne andava uno dei più grandi cantautori italiani. Un poeta prestato alla musica, punto di riferimento per generazioni di artisti. È stato un uomo schivo, riservato, curioso e profondo, forse come pochi altri