Petri, quel poliziotto che morì da eroe

| Emanuele Petri, il 2 marzo 2003, fu ucciso dal brigatista rosso Mario Galesi, a sua volta abbattuto da un altro agente. Il terrorista ferì un modo grave anche un terzo collega. E la sua complice fu arrestata.

+ Miei preferiti

MASSIMO NUMA

Ricordare il poliziotto Emanuele Petri è un dovere. Nel nome dei tanti Caduti delle Forze dell’Ordine, e di uno Stato che spesso si dimentica dei figli morti nel suo nome. E che furono uccisi in nome di astratti - ma non sempre - ideali politici o ragioni di Stato, perché anche questo è accaduto. Emanuele Petri morì il 2 marzo del 2003, 16 anni fa, a causa sopratutto delle sue qualità professionali. Era nella Polizia Ferroviaria, una vita fatta di tanti aspetti, anche di routine, anche di servizi apparentemente di secondaria importanza. Ma quell’istinto che è nell’anima e nella mente dei poliziotti veri, quella mattina alle 8,40, non lo fece sbagliare. C’erano due passeggeri sul treno proveniente da Roma e diretto a Firenze. Il vagone è semivuoto e i due mostrano documenti in apparenza veri, intestati al signor Domenico Marozzi e alla signora signora Rita Bizzarri. Dai primi controlli sembra tutto regolare. Invece Petri ha come un presentimento, decide di approfondire e viene fuori che sono falsi. E’ con altri due colleghi, decidono di procedere ma quelle carte d’identità abilmente falsificate nascondevano due militanti delle Brigate Rosse, Mario Galesi e Nadia Desdemona Lioce, hanno più o meno 40 anni e sono latitanti e clandestini da molto tempo. Galesi ha una 7,65 e fa fuoco. E’ un gelido assassino, ha già ucciso i professori Massimo D’Antona e Marco Biagi, ha commesso rapine e altre azioni violente. 

La pistola la punta alla testa di Petri mentre Lioce cerca di disarmare l’agente Giovanni di Fronzo, tenuto sotto tiro dal complice. Il poliziotto getta la pistola tra i sedili, lei l’afferra, tenta di ucciderlo ma l’arma si inceppa. Galesi spara e ammazza Emanuele Petri. Consuma poi tutto il caricatore contro il terzo agente, Bruno Fortunato, ferito in modo grave ai polmoni ma, mentre cade, riesce a a sparare e colpire il brigatista che morirà di lì a poco. L’agente Giovanni di Fronzo riesce a bloccare Nadia Desdemona Lioce, e la ammanetta ai binari. Condannata all’ergastolo, è rinchiusa nella sezione di massima sicurezza nel carcere dell’Aquila con condanna definitiva dal 2006. La limpida figura di Emanuele Petri, 48 anni, è quella di un eroe, una parola troppe volte usata  anche a sproposito. Aveva lasciato soli moglie e un figlio. Fu insignito della medaglia d'oro al valore civile con questa motivazione: "Impegnato in servizio di scorta viaggiatori sul treno Roma-Firenze, notando due persone sospette, decideva, unitamente ad altri colleghi, di procedere al loro controllo. Ne seguiva una violenta colluttazione nel corso della quale veniva colpito a morte da alcuni colpi di pistola esplosi dai due, risultati essere pericolosissimi terroristi, permettendo così, con il sacrificio della propria vita, la cattura degli stessi. Fulgido esempio di attaccamento al dovere, coraggio e capacità professionale, poste al servizio della collettività". Suo figlio, oggi, fa il poliziotto. Aveva appena 9 anni quando gli ammazzarono il padre.

 
 

Biografie - anniversari
Il principe un passo indietro
Il principe un passo indietro
L’amore e la devozione con cui per 73 anni, Filippo di Edimburgo ha accettato di seguire e sorreggere la moglie. Fondamentale il suo ruolo dietro le quinte nei momenti migliori e peggiori della monarchia
Ricordando Massimo
Ricordando Massimo
Addio a Lawrence Ferlinghetti, il padre del Beat
Addio a Lawrence Ferlinghetti, il padre del Beat
Fondatore della City Lights di San Francisco, libreria e casa editrice che aveva pubblicato volumi considerati così scomodi da costargli una condanna. L’ultimo anno era stato guastato dalle difficoltà economiche figlie della pandemia
Addio a Larry Flynt, il bad-boy del porno
Addio a Larry Flynt, il bad-boy del porno
Nato poverissimo nelle campagne del Kentucky, aveva iniziato riempiendo un bar di ballerine nude. Nel 1974 fonda “Hustler”, la rivista che diventerà l’icona dell’impero
Il mondo dice addio a 007
Il mondo dice addio a 007
A 90 anni, Sean Connery si è spento nella sua residenza alle Bahamas. Nel 2005 aveva annunciato il ritiro dalle scene, dopo una carriera lunga e ricca di soddisfazioni. Per cinque volte aveva vestito i panni di James Bond
Addio a Ennio Morricone
Addio a Ennio Morricone
Il grande compositore si è spento a 93 anni in una clinica dov'era ricoverato da qualche giorno
Addio a Luis Sepúlveda
Addio a Luis Sepúlveda
Lo scrittore cileno si è spento in un ospedale di Oviedo, in Spagna, dove era ricoverato da più di un mese e mezzo per coronavirus
Addio a Stirling Moss, l’eterno secondo
Addio a Stirling Moss, l’eterno secondo
Il leggendario pilota inglese si è spento a Londra a 90 anni dopo una lunga malattia. Nella sua lunga carriera un solo rammarico: non aver mai vinto un mondiale, per colpa di Fangio
Addio a Suor Germana, la cuoca di Dio
Addio a Suor Germana, la cuoca di Dio
Molto prima dell’invasione di chef e cooking-show, era diventata un personaggio televisivo e la prolifica autrice di oltre 40 volumi di ricette venduti in milioni di copie
Addio a Danny Aiello, simbolo degli italoamericani
Addio a Danny Aiello, simbolo degli italoamericani
Figlio di operai di origini italiane, era diventato uno dei caratteristi più apprezzati di Hollywood: a lui toccava spesso il ruolo di mafioso, buttafuori, tassista o agente di polizia