Petri, quel poliziotto che morì da eroe

| Emanuele Petri, il 2 marzo 2003, fu ucciso dal brigatista rosso Mario Galesi, a sua volta abbattuto da un altro agente. Il terrorista ferì un modo grave anche un terzo collega. E la sua complice fu arrestata.

+ Miei preferiti

MASSIMO NUMA

Ricordare il poliziotto Emanuele Petri è un dovere. Nel nome dei tanti Caduti delle Forze dell’Ordine, e di uno Stato che spesso si dimentica dei figli morti nel suo nome. E che furono uccisi in nome di astratti - ma non sempre - ideali politici o ragioni di Stato, perché anche questo è accaduto. Emanuele Petri morì il 2 marzo del 2003, 16 anni fa, a causa sopratutto delle sue qualità professionali. Era nella Polizia Ferroviaria, una vita fatta di tanti aspetti, anche di routine, anche di servizi apparentemente di secondaria importanza. Ma quell’istinto che è nell’anima e nella mente dei poliziotti veri, quella mattina alle 8,40, non lo fece sbagliare. C’erano due passeggeri sul treno proveniente da Roma e diretto a Firenze. Il vagone è semivuoto e i due mostrano documenti in apparenza veri, intestati al signor Domenico Marozzi e alla signora signora Rita Bizzarri. Dai primi controlli sembra tutto regolare. Invece Petri ha come un presentimento, decide di approfondire e viene fuori che sono falsi. E’ con altri due colleghi, decidono di procedere ma quelle carte d’identità abilmente falsificate nascondevano due militanti delle Brigate Rosse, Mario Galesi e Nadia Desdemona Lioce, hanno più o meno 40 anni e sono latitanti e clandestini da molto tempo. Galesi ha una 7,65 e fa fuoco. E’ un gelido assassino, ha già ucciso i professori Massimo D’Antona e Marco Biagi, ha commesso rapine e altre azioni violente. 

La pistola la punta alla testa di Petri mentre Lioce cerca di disarmare l’agente Giovanni di Fronzo, tenuto sotto tiro dal complice. Il poliziotto getta la pistola tra i sedili, lei l’afferra, tenta di ucciderlo ma l’arma si inceppa. Galesi spara e ammazza Emanuele Petri. Consuma poi tutto il caricatore contro il terzo agente, Bruno Fortunato, ferito in modo grave ai polmoni ma, mentre cade, riesce a a sparare e colpire il brigatista che morirà di lì a poco. L’agente Giovanni di Fronzo riesce a bloccare Nadia Desdemona Lioce, e la ammanetta ai binari. Condannata all’ergastolo, è rinchiusa nella sezione di massima sicurezza nel carcere dell’Aquila con condanna definitiva dal 2006. La limpida figura di Emanuele Petri, 48 anni, è quella di un eroe, una parola troppe volte usata  anche a sproposito. Aveva lasciato soli moglie e un figlio. Fu insignito della medaglia d'oro al valore civile con questa motivazione: "Impegnato in servizio di scorta viaggiatori sul treno Roma-Firenze, notando due persone sospette, decideva, unitamente ad altri colleghi, di procedere al loro controllo. Ne seguiva una violenta colluttazione nel corso della quale veniva colpito a morte da alcuni colpi di pistola esplosi dai due, risultati essere pericolosissimi terroristi, permettendo così, con il sacrificio della propria vita, la cattura degli stessi. Fulgido esempio di attaccamento al dovere, coraggio e capacità professionale, poste al servizio della collettività". Suo figlio, oggi, fa il poliziotto. Aveva appena 9 anni quando gli ammazzarono il padre.

 
 

Biografie - anniversari
Coppi, l’amante, il fratello e tutto quanto
Coppi, l’amante, il fratello e tutto quanto
La vita del campionissimo fu sfortunatamente breve ma intensa. Vinse ovunque, fece scandalo nella bigotta Italia degli anni Cinquanta, divise l’Italia per la rivalità con Bartali e perse un fratello, corridore come lui
Quel gran genio di mio marito, Lucio Battisti
Quel gran genio di mio marito, Lucio Battisti
Ricorre oggi l’anniversario della morte del grande cantante, che la moglie ha sempre cercato di proteggere da ogni speculazione tesa a sfruttare la sua opera. A volte in modo ritenuto eccessivo da amici, collaboratori e fan
Addio a Peter Fonda
Addio a Peter Fonda
Il leggendario interprete di Esay Rider si è spento a Los Angeles a 79 anni. Era malato da tempo
La bionda che riuscì a non invecchiare
La bionda che riuscì a non invecchiare
Con la morte del 5 agosto 1962, Marilyn Monroe è entrata nella leggenda. Ufficialmente la causa del decesso è il suicidio con barbiturici ma sono numerosi i sospetti che indicano responsabilità della mafia o dei servizi segreti
Strage di Bologna, la verità è ancora lontana
Strage di Bologna, la verità è ancora lontana
L'ex Nar Paolo Bellini, prosciolto nel '92, forse era nella stazione. Il frammento di un film lo inquadrerebbe nell'atrio dopo lo scoppio. Il ruolo di Gilberto Cavallini. Esumato il corpo della vittima più vicina all'esplosione
Addio a Luciano de Crescenzo
Addio a Luciano de Crescenzo
Scrittore e filosofo corredato da una forte dose di ironia, aveva trovato il modo di rendere piacevoli a tutti perfino i più temuti mattoni culturali. Personaggio a tutto tondo, aveva lavorato anche per il cinema e la televisione
È morto Andrea Camilleri
È morto Andrea Camilleri
Il grande scrittore, padre del commissario Montalbano, si è spento a Roma, dov’era stato ricoverato d’urgenza per problemi cardiorespiratori. Aveva 92 anni, e si preparava al debutto alle Terme di Caracalla
La morte (inutile?) di un 'eroe borghese'
La morte (inutile?) di un
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto
Un nome leggendario che dalla Ford era passato alla Chrysler salvandola dalla bancarotta. Di origini italiane, è stato l’incarnazione del sogno americano
10 anni senza Michael Jackson
10 anni senza Michael Jackson
Un anniversario silenzioso per via delle recenti accuse di pedofilia che hanno offuscato il suo talento immenso. La storia e la fine di uno dei più grandi artisti di sempre