29 settembre, seduto in quel caffè...

| La leggenda di “29 Settembre”, uno dei brani più celebri della coppia Mogol-Battisti, portato al successo dall’Equipe 84

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Il 29 settembre non è la data del 1829 in cui viene istituita “Scotland Yard”, neanche quella del 1961, quando il “New York Times” si accorge del talento di Bob Dylan, e nemmeno la stessa data del 1979, con Giovanni Paolo II che diventa il primo Papa a visitare l’Irlanda. Inutile pensare perfino al 29 settembre del 1995, data resa celebre dal presidente americano Bill Clinton, che messo alle strette ammette per la prima volta l’esistenza dell’Area 51, in Nevada. Niente da fare, siamo lontani.

Il 29 settembre, almeno da queste parti, è sinonimo del brano omonimo, quello che inizia con due frasi irresistibili che tutti hanno fischiato, cantato e sussurrato almeno una volta nella vita: “Seduto in quel caffè, io non pensavo a te”.

Un successo senza tempo della coppia d’oro della musica italiana Mogol-Battisti, che ai tempi – nel 1967 – scaldavano i motori e ancora non erano infallibili, ma semplicemente due spiantati che cercavano una porta da aprire nel mondo della musica.

La leggenda vuole che Mogol abbia presentato un demo di “29 Settembre” ai discografici, e questi per tutta risposta gli abbiano risposto “carino, ma non farlo cantare a quello là”. Quello là era Lucio Battisti: quando si dice fiuto.

Pur di iniziare in qualche modo, Mogol e Battisti si rivolgono all’Equipe 84, uno dei tanti complessi beat (il termine band non era ancora sbarcato) che cavalcano il fermento musicale italiano. Arrivano da Modena, nati dalla fusione di altri due complessi: la voce la mette Maurizio Vandelli, il ritmo “centimetro”, soprannome del batterista Alfio Cantarella, il basso Victor Sogliani e la chitarra solista Franco Ceccarelli. Quanto basta: “29 Settembre” diventa un successo enorme che svetta ai primi posti della hit-parade, vendendo 550mila copie nel giro di pochi giorni. A consacrarla ci pensano anche Arbore e Boncompagni dai microfoni di “Bandiera Gialla”. 

È un brano che manda in frantumi schemi e regole che sembravano immutabili: per la prima volta il testo si riferisce ad un uomo che racconta il tradimento della sua donna, la musica invece si ispira ai “Byrds” e ai “Cream” che proprio in quegli anni stavano imponendo ovunque i principi del folk-rock, roba mai sentita prima.

La data che fa da titolo, in realtà, è solo una scusa usata da Mogol per rendere omaggio a Serenella, la sua prima moglie. E a proposito di date: il singolo è uscito nel marzo del 1967, ma per tutti quella che vale è un'altra, il “29 Settembre”.

Biografie - anniversari
Quel che resta del Muro
Quel che resta del Muro
30 anni fa, i berlinesi davano l’assalto a “Die Mauer”, il muro che li aveva divisi per quasi un trentennio. Oggi, celebrazioni e malinconie a parte, quel che resta è un’attrazione per turisti
Coppi, l’amante, il fratello e tutto quanto
Coppi, l’amante, il fratello e tutto quanto
La vita del campionissimo fu sfortunatamente breve ma intensa. Vinse ovunque, fece scandalo nella bigotta Italia degli anni Cinquanta, divise l’Italia per la rivalità con Bartali e perse un fratello, corridore come lui
Quel gran genio di mio marito, Lucio Battisti
Quel gran genio di mio marito, Lucio Battisti
Ricorre oggi l’anniversario della morte del grande cantante, che la moglie ha sempre cercato di proteggere da ogni speculazione tesa a sfruttare la sua opera. A volte in modo ritenuto eccessivo da amici, collaboratori e fan
Addio a Peter Fonda
Addio a Peter Fonda
Il leggendario interprete di Esay Rider si è spento a Los Angeles a 79 anni. Era malato da tempo
La bionda che riuscì a non invecchiare
La bionda che riuscì a non invecchiare
Con la morte del 5 agosto 1962, Marilyn Monroe è entrata nella leggenda. Ufficialmente la causa del decesso è il suicidio con barbiturici ma sono numerosi i sospetti che indicano responsabilità della mafia o dei servizi segreti
Strage di Bologna, la verità è ancora lontana
Strage di Bologna, la verità è ancora lontana
L'ex Nar Paolo Bellini, prosciolto nel '92, forse era nella stazione. Il frammento di un film lo inquadrerebbe nell'atrio dopo lo scoppio. Il ruolo di Gilberto Cavallini. Esumato il corpo della vittima più vicina all'esplosione
Addio a Luciano de Crescenzo
Addio a Luciano de Crescenzo
Scrittore e filosofo corredato da una forte dose di ironia, aveva trovato il modo di rendere piacevoli a tutti perfino i più temuti mattoni culturali. Personaggio a tutto tondo, aveva lavorato anche per il cinema e la televisione
È morto Andrea Camilleri
È morto Andrea Camilleri
Il grande scrittore, padre del commissario Montalbano, si è spento a Roma, dov’era stato ricoverato d’urgenza per problemi cardiorespiratori. Aveva 92 anni, e si preparava al debutto alle Terme di Caracalla
La morte (inutile?) di un 'eroe borghese'
La morte (inutile?) di un
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto
Un nome leggendario che dalla Ford era passato alla Chrysler salvandola dalla bancarotta. Di origini italiane, è stato l’incarnazione del sogno americano