SsangYong Rexton: quando le forme contano

| Il suv ammiraglia del marchio coreano, quarta generazione, è una vera sorpresa: design massiccio e dotazioni da segmento superiore su misure come sempre imponenti

+ Miei preferiti

Dal 14 agosto all'11 settembre, partendo da Londra per fermarsi proprio a Francoforte, 13mila km dopo. È il test finale a cui è stata sottoposta la nuova SsangYong Rexton che proprio in queste ore debutta ufficialmente davanti agli occhi dei mercati europei. Un'attenzione in più per il suv grandi forme di segmento D, l'ammiraglia, il più apprezzato e venduto dell'intera gamma del costruttore coreano, dal 2010 entrato nel gruppo indiano Mahindra.

È proprio nell'ottica del rilancio del marchio, iniziato con la Tivoli e destinato a proseguire per i prossimi tre anni con altrettanti nuovi modelli, compresa una variante pick up di Rexton. La quarta generazione del suv coreano, in circolazione dal 2001, nasce da su un nuovo telaio di acciai ad alta resistenza che ha come obiettivo migliorare la rigidità strutturale, l'assorbimento delle asperità del terreno e la precisione di guida, ma senza dimenticare confort e abitabilità per i sette occupanti, anche se su misure essenzialmente inalterate: 4,85 metri di lunghezza, 1,96 di larghezza e 1,82 di altezza, a fronte del passo, portato a 2,86 metri (25 mm in più del precedente) e di un peso totale che al contrario scende di 50 kg.

Anche il design si aggiorna in modo radicale, per trasmettere carisma, robustezza e potenza da fuoristrada vero, con il frontale massiccio, mitigato da gruppi ottici a led affilati. Grande sforzo anche per gli interni, avvicinati alle categorie superiori con legni, pellame, sedili dalle infinite posizioni e tecnologie come il sistema infotainment con display da 9,2" dotato di interfaccia Apple e Android, e l'Around View Monitor per semplificare le manovre di parcheggio.

Per l'Italia è prevista, almeno al momento, una sola motorizzazione: un 2.2 turbodiesel da 181 CV e 429 Nm abbinato, in base alle versioni, ad un cambio manuale a sei rapporti o in opzione un automatico a sette di origine Mercedes. A scelta anche la trazione, posteriore o integrale.

Biografie - anniversari
Addio a Peter Fonda
Addio a Peter Fonda
Il leggendario interprete di Esay Rider si è spento a Los Angeles a 79 anni. Era malato da tempo
La bionda che riuscì a non invecchiare
La bionda che riuscì a non invecchiare
Con la morte del 5 agosto 1962, Marilyn Monroe è entrata nella leggenda. Ufficialmente la causa del decesso è il suicidio con barbiturici ma sono numerosi i sospetti che indicano responsabilità della mafia o dei servizi segreti
Strage di Bologna, la verità è ancora lontana
Strage di Bologna, la verità è ancora lontana
L'ex Nar Paolo Bellini, prosciolto nel '92, forse era nella stazione. Il frammento di un film lo inquadrerebbe nell'atrio dopo lo scoppio. Il ruolo di Gilberto Cavallini. Esumato il corpo della vittima più vicina all'esplosione
Addio a Luciano de Crescenzo
Addio a Luciano de Crescenzo
Scrittore e filosofo corredato da una forte dose di ironia, aveva trovato il modo di rendere piacevoli a tutti perfino i più temuti mattoni culturali. Personaggio a tutto tondo, aveva lavorato anche per il cinema e la televisione
È morto Andrea Camilleri
È morto Andrea Camilleri
Il grande scrittore, padre del commissario Montalbano, si è spento a Roma, dov’era stato ricoverato d’urgenza per problemi cardiorespiratori. Aveva 92 anni, e si preparava al debutto alle Terme di Caracalla
La morte (inutile?) di un 'eroe borghese'
La morte (inutile?) di un
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto
Un nome leggendario che dalla Ford era passato alla Chrysler salvandola dalla bancarotta. Di origini italiane, è stato l’incarnazione del sogno americano
10 anni senza Michael Jackson
10 anni senza Michael Jackson
Un anniversario silenzioso per via delle recenti accuse di pedofilia che hanno offuscato il suo talento immenso. La storia e la fine di uno dei più grandi artisti di sempre
Hurricane, vent'anni in prigione innocente
Hurricane, vent
Sono passati 53 anni dalla sparatoria al "Lafayette Bar &Grill", due bianchi vennero uccisi e Rubin Carter, pugile destinato a diventare campione del mondo, fu condannato all'ergastolo da una giuria di bianchi
L’ultima corsa di Gabe Grunewald
L’ultima corsa di Gabe Grunewald
La coraggiosa mezzofondista americana diventata simbolo della lotta al cancro, si è arresa. Dieci anni di battaglie contro quattro diversi tumori che l’hanno aggredita ovunque, a cui lei ha sempre risposto tornando ogni volta in pista