Subaru, ovvero la sostanza del sol levante

| La quinta generazione della Impreza, pronta per i mercati europei, la seconda volta della piccola XV, suv dalle doti fuoristradistiche notevoli e la WRX, la più cattiva della famiglia

+ Miei preferiti

Impreza

Già in vendita in Giappone e Stati Uniti, la quinta generazione di Impreza arriva sui mercati europei nella sola versione hatchback a cinque porte e con due motorizzazioni a benzina, i quattro cilindri boxer da 1.6 litri con 114 CV e il 2.0 da 156. Cambio Lineartronic a variazione continua.

Quasi invariate le misure rispetto alla precedente (4,41 m di lunghezza) ma con un passo di 2,64 metri, 2,5 cm in più.

Anche esteticamente, la nuova Impreza non si distanzia molto dalla generazione che sostituisce, accentuando solo la parte anteriore. Nuovo, al contrario, il sistema EyeSight di assistenza basato su due telecamere in grado di elaborare la risposta, affiancato dalla frenata d'emergenza, la gestione dell'acceleratore in precolissione, cruise control adattativo e sistema di mantenimento della corsia stradale.

 

XV

La seconda generazione del piccolo suv che rappresenta il modello d'ingresso alla gamma Subaru riceve una dose di potenza del 2 litri boxer, portato a 154 CV (6 in più) grazie a un'ottimizzazione delle parti meccaniche e l'adozione dell'iniezione diretta. Nuove anche la piattaforma SGP (Subaru Global Platform), più rigida del 70% con sospensioni indipendenti posteriori e barra stabilizzatrice, trazione integrale permanente Symmetrical Awd e cambio automatico Cvt di serie.

Differenze minime per la parte estetica e più sostanziose per gli interni, con l'adozione del sistema multimedia con interfaccia Apple e Android.

 

WRX STI

Migliorie per la più pepata della famiglia, a cominciare dal cambio manuale a sei rapporti con Multi-Driver Controlled Center Differential e le pinze dei freni a 6 pistoncini Brembo con dischi autoventilati. Nuovi anche esterni ed interni, con la griglia anteriore più aggressiva.

Biografie - anniversari
Addio a Peter Fonda
Addio a Peter Fonda
Il leggendario interprete di Esay Rider si è spento a Los Angeles a 79 anni. Era malato da tempo
La bionda che riuscì a non invecchiare
La bionda che riuscì a non invecchiare
Con la morte del 5 agosto 1962, Marilyn Monroe è entrata nella leggenda. Ufficialmente la causa del decesso è il suicidio con barbiturici ma sono numerosi i sospetti che indicano responsabilità della mafia o dei servizi segreti
Strage di Bologna, la verità è ancora lontana
Strage di Bologna, la verità è ancora lontana
L'ex Nar Paolo Bellini, prosciolto nel '92, forse era nella stazione. Il frammento di un film lo inquadrerebbe nell'atrio dopo lo scoppio. Il ruolo di Gilberto Cavallini. Esumato il corpo della vittima più vicina all'esplosione
Addio a Luciano de Crescenzo
Addio a Luciano de Crescenzo
Scrittore e filosofo corredato da una forte dose di ironia, aveva trovato il modo di rendere piacevoli a tutti perfino i più temuti mattoni culturali. Personaggio a tutto tondo, aveva lavorato anche per il cinema e la televisione
È morto Andrea Camilleri
È morto Andrea Camilleri
Il grande scrittore, padre del commissario Montalbano, si è spento a Roma, dov’era stato ricoverato d’urgenza per problemi cardiorespiratori. Aveva 92 anni, e si preparava al debutto alle Terme di Caracalla
La morte (inutile?) di un 'eroe borghese'
La morte (inutile?) di un
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto
Addio a Lee Iacocca, il signore dell’auto
Un nome leggendario che dalla Ford era passato alla Chrysler salvandola dalla bancarotta. Di origini italiane, è stato l’incarnazione del sogno americano
10 anni senza Michael Jackson
10 anni senza Michael Jackson
Un anniversario silenzioso per via delle recenti accuse di pedofilia che hanno offuscato il suo talento immenso. La storia e la fine di uno dei più grandi artisti di sempre
Hurricane, vent'anni in prigione innocente
Hurricane, vent
Sono passati 53 anni dalla sparatoria al "Lafayette Bar &Grill", due bianchi vennero uccisi e Rubin Carter, pugile destinato a diventare campione del mondo, fu condannato all'ergastolo da una giuria di bianchi
L’ultima corsa di Gabe Grunewald
L’ultima corsa di Gabe Grunewald
La coraggiosa mezzofondista americana diventata simbolo della lotta al cancro, si è arresa. Dieci anni di battaglie contro quattro diversi tumori che l’hanno aggredita ovunque, a cui lei ha sempre risposto tornando ogni volta in pista