Suzuki Swift Sport: the wasabi car experiment

| Piccante e pepata, la nuova generazione della piccola giapponese si concede per la terza volta alla voglia di sentirsi una sportiva di razza

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Che la Swift sia un orgoglioso successo per il marchio Suzuki è chiaro: in circolazione dalla metà degli anni Ottanta, è arrivata alla sesta generazione concedendosi l'ennesima versione pepatissima. Per essere precisi, contando soltanto le Swift Sport, si tratta della terza volta: la prima uscì nel 2005. La nuova Swift Sport nasce su una piattaforma inedita generazione che riduce il peso e irrigidisce la scocca, ed è comunque la prima della dinastia giapponese ad adottare un turbo benzina 1.4 Boosterjet capace di esprimersi su 140 CV e 230 Nm. Il cambio è manuale a sei rapporti.

Ad accompagnarla, com'è naturale che sia, dettagli corsaioli per carrozzeria ed interni. Ad esempio le ampie prese d'aria anteriori, il doppio terminale di scarico, le minigonne laterali, lo spoiler sul tetto e i cerchi in lega da 17" bicolori, mentre all'interno sedili anatomici con finiture rosse, stessa tinta di fondo utilizzata per il contagiri.

Biografie - anniversari
25 anni senza Kurt
25 anni senza Kurt
È passato un quarto di secolo da quando il leader dei “Nirvana” si toglie la vita nel garage della sua abitazione. Era finito in una spirale di depressione ed eroina, e niente è riuscito a salvarlo
Buon compleanno Pac-Man!
Buon compleanno Pac-Man!
Uno strano bottoncino giallo molto affamato va a caccia di puntini in un labirinto, inseguito da fantasmi che se lo vogliono mangiare. Inventato il 3 aprile 1980, è il videogioco più conosciuto al mondo
Il sacrificio di Marco Biagi
Il sacrificio di Marco Biagi
Temeva per la propria incolumità, ma gli era stata tolta la scorta. Aveva ragione: 17 anni fa, i terroristi delle BR lo aspettavano sotto casa, per punire il suo impegno di riformatore
Addio a Mario Marenco
Addio a Mario Marenco
Uno dei più conosciuti compagni della banda di Renzo Arbore è morto a 85 anni. Architetto di professione, nella carriera nel mondo dello spettacolo era riuscito a creare una galleria di personaggi surreali
Non solo Barbie
Non solo Barbie
La ricerca forsennata di notizie da urlare in poche righe che non mettano in cattiva luce e che non obblighino a faticose riflessioni e prese di posizione: ecco la realtà in cui fretta e superficialità ci stanno conducendo
Addio a Luke Perry
Addio a Luke Perry
Il celebre Dylan McKay di Beverly Hills 90210 è morto a causa dell’ictus che l’aveva colpito giorni fa in modo “devastante”. Aveva appena finito di girare alcune scene per il nuovo film di Quentin Tarantino
Petri, quel poliziotto che morì da eroe
Petri, quel poliziotto che morì da eroe
Emanuele Petri, il 2 marzo 2003, fu ucciso dal brigatista rosso Mario Galesi, a sua volta abbattuto da un altro agente. Il terrorista ferì un modo grave anche un terzo collega. E la sua complice fu arrestata.
Addio all’uomo che ha inventato Ibiza
Addio all’uomo che ha inventato Ibiza
Tony Pike era una leggenda, un’icona, il cuore di Ibiza, l’isola delle Baleari che ha saputo trasformare in una delle località più in voga da decenni
15 anni senza il Pirata
15 anni senza il Pirata
La sera di San Valentino del 2004, Marco Pantani veniva ritrovato morto nella stanza di un hotel di Rimini. Era la fine della vita clamorosa e difficile di uno dei più grandi campioni del ciclismo
Jan Palach, il fuoco eterno
Jan Palach, il fuoco eterno
Cinquant’anni fa un giovane studente sceglie di darsi alle fiamme nel cuore di Praga: una protesa estrema contro la rassegnazione in cui stava piombando il suo paese