Arriva eCall, la chiamata d’emergenza automatica

| Scatta il 1° aprile prossimo, l’obbligo di montare sulle auto nuove un sistema di emergenza voluto dall’UE

+ Miei preferiti
La decisione risale al 2015, quando il Parlamento Europeo ha votato a favore di “eCall”, rendendolo obbligatorio sulle vetture di nuova immatricolazione a partire dal mese di aprile del 2018. Il prossimo 31 marzo, quindi, è destinata a diventare una data scolpita nel lungo libro della sicurezza stradale, grazie all’entrata in vigore di “eCall”, servizio di chiamata di emergenza che in caso di incidente compone in modo automatico (può essere attivato anche manualmente) la chiamata al 112 segnalando posizione del veicolo, direzione di marcia, numero di passeggeri, condizioni del guidatore e tipo di carburante. Secondo le stime della Commissione Europea, un modo per sveltire del 40% in città e del 50% fuori, l’intervento dei mezzi di soccorso, con la possibilità di salvare ogni anno 2.500 vite umane.

Sapendo dell’entrata in vigore della norma, sono diversi i marchi automobilistici che hanno agito tempestivamente, come ad esempio Mercedes-Benz, che da tempo include fra le dotazioni dei propri modelli un sistema di chiamata di emergenza del tutto analogo a eCall valido per tutto il ciclo di durata della vettura. Un equipaggiamento che, fra l’altro, Mercedes include dal 1998 sulle auto destinate al mercato nordamericano, oggi adottato da 3,5 milioni di veicoli circolanti di 35 paesi diversi.

Car Industry
FCA diventa green grazie a Tesla
FCA diventa green grazie a Tesla
Un accordo fra il gruppo italo-americano e la creatura di Elon Musk consentirebbe al Lingotto di acquisire “crediti” per rientrare nei limiti imposti dalla UE ed evitare sanzioni
Il cartello tedesco per barare sull’auto
Il cartello tedesco per barare sull’auto
La UE parte all’attacco accusando BMW, Daimler e Volkswagen di aver scritto le regole sulle emissioni durante incontri tecnici
FCA e PSA verso la fusione?
FCA e PSA verso la fusione?
L’entusiasmo del gruppo francese (e il silenzio degli italiani), porta comunque bene al gruppo italiano, che fa un balzo in avanti in borsa. Insieme darebbero vita al quarto colosso mondiale
Carlos Ghosn ha lasciato la Renault
Carlos Ghosn ha lasciato la Renault
Formalizzate le dimissioni da presidente e CEO del marchio francese, in parte controllato dallo Stato. Renault aveva resistito al licenziamento immediato da parte di Nissan e Mitsubishi
Ford e Volkswagen
il matrimonio del secolo
Ford e Volkswagen<br>il matrimonio del secolo
Ufficializzata dal palcoscenico di Detroit l’alleanza fra Wolfsburg e Dearborn: si parte con pick-up, van ed elettriche, ma l'intento è di creare un colosso globale
Buio pesto sul mercato dell’auto
Buio pesto sul mercato dell’auto
Una flessione improvvisa del -25,37%, dovuta ad una congiuntura di nuvole nere e pensieri nefasti, ha guastato la ripresa dell’automobile. Per qualcuno è una pausa fisiologica
Porsche Taycan, il puledro elettrico
Porsche Taycan, il puledro elettrico
In occasione dei 70 anni del marchio, svelato il nome e qualche dettaglio della nuova Porsche 100% elettrica. Sarà in vendita dal 2020
Hyundai scala FCA
Marchionne ha detto no
Hyundai scala FCA<br> Marchionne ha detto no
Lo ha rivelato, per l’ennesima volta, un quotidiano economico asiatico. La condizione sarebbe una discesa del valore in borsa. Secca smentita di Hyundai, segue il "no" del Ceo Fca. Ma non è tutto chiaro
Dieselgate, il giallo della fabbrica dei veleni
Dieselgate, il giallo della fabbrica dei veleni
La storia completa del peggior scandalo automobilistico di sempre: dal compito di tre studenti universitari alle tante class action, per finire con le manette e le multe colossali. E non è ancora finita
Marchionne: “Fiat non si vende” ma i dubbi restano tutti
Marchionne: “Fiat non si vende” ma i dubbi restano tutti
Il numero uno di FCA tenta di rassicurare i mercati ma leggendo bene lascia la porta aperta a qualsiasi futuro. Quasi certo lo spin-off della gamma 500