Citroën, addio Picasso

| La storica definizione delle monovolume francesi va in pensione, sostituita da “SpaceTourer”. Ufficialmente per dare identità al marchio, in via confidenziale perché costava troppo

+ Miei preferiti
La cifra esatta dell’accordo fra Citroën e gli eredi Pablo Picasso, per l’utilizzo del cognome con tanto di firma del grande pittore spagnolo, è uno dei segreti meglio custoditi dell’industria automobilistica. Secondo alcune indiscrezioni della stampa francese si parlerebbe di una cifra intorno ai 20 milioni di euro, a cui aggiungere una quota fissa per ogni vettura marchiata “Picasso” venduta, pari ad altri tre milioni di euro all’anno.

Quasi vent’anni dopo, complice la crisi che obbliga a fare a meno di certi capricci d’immagine, la Citroën ha scelto di fare a meno delle versioni “Picasso”. Un vezzo strappato nel 1999, tempi d’oro, per dare un’idea esclusiva alla “Xsara”, oggi mandato in pensione con una versione edulcorata della faccenda, che ufficialmente parla di “un desiderio di rendere più riconoscibile il marchio sui mercati internazionali attraverso una nuova denominazione”.

A prendere il posto delle monovolume griffate “Picasso” sarà “SpaceTourer”, suffisso che per iniziare accompagnerà la “C4”.

L’idea di adottare il nome “Picasso” aveva un preciso precedente storico risalente al 1958, quando il genio spagnolo aveva utilizzato una Citroën DS come tela per improvvisare la “Guirnaldas de la paz”, la ghirlanda della pace. Complice Manuel Mejido, rampante giornalista spagnolo che era riuscito a raggiungere l’artista a “La Californie”, il suo rifugio dorato di Antibes, in Costa Azzurra, dopo l’esilio del dittatore Francisco Franco. Resa unica dal disegno di Picasso, la Citroën DS fu acquistata per mille dollari dal giornalista spagnolo e rivenduta qualche giorno dopo ad una galleria d’arte parigina per 6.000 dollari. Da allora, dell’auto si è persa ogni traccia.

Galleria fotografica
Citroën, addio Picasso - immagine 1
Car Industry
FCA diventa green grazie a Tesla
FCA diventa green grazie a Tesla
Un accordo fra il gruppo italo-americano e la creatura di Elon Musk consentirebbe al Lingotto di acquisire “crediti” per rientrare nei limiti imposti dalla UE ed evitare sanzioni
Il cartello tedesco per barare sull’auto
Il cartello tedesco per barare sull’auto
La UE parte all’attacco accusando BMW, Daimler e Volkswagen di aver scritto le regole sulle emissioni durante incontri tecnici
FCA e PSA verso la fusione?
FCA e PSA verso la fusione?
L’entusiasmo del gruppo francese (e il silenzio degli italiani), porta comunque bene al gruppo italiano, che fa un balzo in avanti in borsa. Insieme darebbero vita al quarto colosso mondiale
Carlos Ghosn ha lasciato la Renault
Carlos Ghosn ha lasciato la Renault
Formalizzate le dimissioni da presidente e CEO del marchio francese, in parte controllato dallo Stato. Renault aveva resistito al licenziamento immediato da parte di Nissan e Mitsubishi
Ford e Volkswagen
il matrimonio del secolo
Ford e Volkswagen<br>il matrimonio del secolo
Ufficializzata dal palcoscenico di Detroit l’alleanza fra Wolfsburg e Dearborn: si parte con pick-up, van ed elettriche, ma l'intento è di creare un colosso globale
Buio pesto sul mercato dell’auto
Buio pesto sul mercato dell’auto
Una flessione improvvisa del -25,37%, dovuta ad una congiuntura di nuvole nere e pensieri nefasti, ha guastato la ripresa dell’automobile. Per qualcuno è una pausa fisiologica
Porsche Taycan, il puledro elettrico
Porsche Taycan, il puledro elettrico
In occasione dei 70 anni del marchio, svelato il nome e qualche dettaglio della nuova Porsche 100% elettrica. Sarà in vendita dal 2020
Hyundai scala FCA
Marchionne ha detto no
Hyundai scala FCA<br> Marchionne ha detto no
Lo ha rivelato, per l’ennesima volta, un quotidiano economico asiatico. La condizione sarebbe una discesa del valore in borsa. Secca smentita di Hyundai, segue il "no" del Ceo Fca. Ma non è tutto chiaro
Dieselgate, il giallo della fabbrica dei veleni
Dieselgate, il giallo della fabbrica dei veleni
La storia completa del peggior scandalo automobilistico di sempre: dal compito di tre studenti universitari alle tante class action, per finire con le manette e le multe colossali. E non è ancora finita
Marchionne: “Fiat non si vende” ma i dubbi restano tutti
Marchionne: “Fiat non si vende” ma i dubbi restano tutti
Il numero uno di FCA tenta di rassicurare i mercati ma leggendo bene lascia la porta aperta a qualsiasi futuro. Quasi certo lo spin-off della gamma 500