Dieselgate: non è ancora finita

| Due procure tedesche hanno ordinato nuove perquisizioni nei quartier generali di BMW e Volkswagen

+ Miei preferiti
Una nuova raffica di perquisizioni negli uffici di alcuni dei principali marchi tedeschi, sono il chiaro indizio che sullo scandalo del “dieselgate” non è ancora arrivata la parola fine. Proprio in questi giorni, un centinaio di agenti, su mandato della procura di Monaco di Baviera e della “KBA”, l’autorità federale dei trasporti, sta perquisendo a fondo il quartier generale BMW, compreso il centro di ricerca e sviluppo e lo stabilimento di Steyr, in Austria, dove si producono i turbodiesel.

Anche su BMW, finora rimasta a margine dello scandalo, pesa il sospetto di aver truccato i sistemi che limitano le emissioni inquinanti su almeno 11mila veicoli venduti nella stessa Germania. BMW ha tentato una difesa parlando di inconveniente nelle procedure di installazione del software, ma la versione non ha convinto la procura.

Nuove perquisizioni anche in tredici uffici di Wolfsburg, quartier generale del gruppo Volkswagen, a cui finora il dieselgate è costato 22 milioni di dollari, ma cifra che andrà comunque rivista in rialzo quando class action e cause civili arriveranno a conclusione. L’accusa, a margine della manipolazione delle centraline, riguarderebbe il condizionamento del mercato e la mancata trasparenza verso gli investitori, divulgando informazioni false sui propri prodotti.

Secondo un’indagine condotta da “Altroconsumo”, “Test-Achats” e “DecoProteste” in Italia, Spagna, Belgio e Portogallo, il 45% dei possessori di Volkswagen sottoposte ad intervento in officina per rimuovere il “defeat device”, il software incriminato, afferma che dopo l’operazione l’auto non sembra più la stessa: improvviso aumento dei consumi, perdita di potenza, problemi meccanici e maggiore rumorosità.

Car Industry
FCA diventa green grazie a Tesla
FCA diventa green grazie a Tesla
Un accordo fra il gruppo italo-americano e la creatura di Elon Musk consentirebbe al Lingotto di acquisire “crediti” per rientrare nei limiti imposti dalla UE ed evitare sanzioni
Il cartello tedesco per barare sull’auto
Il cartello tedesco per barare sull’auto
La UE parte all’attacco accusando BMW, Daimler e Volkswagen di aver scritto le regole sulle emissioni durante incontri tecnici
FCA e PSA verso la fusione?
FCA e PSA verso la fusione?
L’entusiasmo del gruppo francese (e il silenzio degli italiani), porta comunque bene al gruppo italiano, che fa un balzo in avanti in borsa. Insieme darebbero vita al quarto colosso mondiale
Carlos Ghosn ha lasciato la Renault
Carlos Ghosn ha lasciato la Renault
Formalizzate le dimissioni da presidente e CEO del marchio francese, in parte controllato dallo Stato. Renault aveva resistito al licenziamento immediato da parte di Nissan e Mitsubishi
Ford e Volkswagen
il matrimonio del secolo
Ford e Volkswagen<br>il matrimonio del secolo
Ufficializzata dal palcoscenico di Detroit l’alleanza fra Wolfsburg e Dearborn: si parte con pick-up, van ed elettriche, ma l'intento è di creare un colosso globale
Buio pesto sul mercato dell’auto
Buio pesto sul mercato dell’auto
Una flessione improvvisa del -25,37%, dovuta ad una congiuntura di nuvole nere e pensieri nefasti, ha guastato la ripresa dell’automobile. Per qualcuno è una pausa fisiologica
Porsche Taycan, il puledro elettrico
Porsche Taycan, il puledro elettrico
In occasione dei 70 anni del marchio, svelato il nome e qualche dettaglio della nuova Porsche 100% elettrica. Sarà in vendita dal 2020
Hyundai scala FCA
Marchionne ha detto no
Hyundai scala FCA<br> Marchionne ha detto no
Lo ha rivelato, per l’ennesima volta, un quotidiano economico asiatico. La condizione sarebbe una discesa del valore in borsa. Secca smentita di Hyundai, segue il "no" del Ceo Fca. Ma non è tutto chiaro
Dieselgate, il giallo della fabbrica dei veleni
Dieselgate, il giallo della fabbrica dei veleni
La storia completa del peggior scandalo automobilistico di sempre: dal compito di tre studenti universitari alle tante class action, per finire con le manette e le multe colossali. E non è ancora finita
Marchionne: “Fiat non si vende” ma i dubbi restano tutti
Marchionne: “Fiat non si vende” ma i dubbi restano tutti
Il numero uno di FCA tenta di rassicurare i mercati ma leggendo bene lascia la porta aperta a qualsiasi futuro. Quasi certo lo spin-off della gamma 500