FCA diventa green grazie a Tesla

| Un accordo fra il gruppo italo-americano e la creatura di Elon Musk consentirebbe al Lingotto di acquisire “crediti” per rientrare nei limiti imposti dalla UE ed evitare sanzioni

+ Miei preferiti
Secondo una normativa europea, le case automobilistiche sono libere di stringere accordi fra loro, compreso l’acquisto e la cessione di “crediti” utili per compensare le emissioni. Un meccanismo un po’ fumoso e di pur matematica che però – a quanto rivela il “Financial Times” – sarebbe alla base di un accordo inedito fra “FCA Group” e “Tesla”, il primo di cui si abbia notizia fra due aziende non legate fra loro. Finora simili scambi si erano registrati solo fra marchi satellite: BMW con il marchio Rolls-Royce di cui è proprietaria o Volkswagen con Audi, Bugatti, Seat e Skoda.

Un’intesa del valore di diverse centinaia di milioni di dollari, che servirebbe al gruppo italo-americano di acquisire crediti dalla creatura di Elon Musk per rientrare nei limiti europei sulle emissioni di CO2 in vigore dal prossimo anno che prevedono per le auto di nuova immatricolazione un limite di 95 grammi di CO2 per km che sostituisce i 130 gr/km del 2015.

In pratica, mentre il brand Tesla - notoriamente votato esclusivamente all’elettrico - vanta così tanti crediti da poterli mettere in vendita, per FCA vale l’esatto contrario. L’acquisizione, scappatoia legale che consente a chi non è in grado di rispettare i limiti nell’immediato di acquistare crediti da aziende da terzi, permetterebbe di ricalcolare le emissioni della gamma FCA rientrando nei parametri senza incorrere in sanzioni che potrebbero arrivare a due miliardi di euro. A quel punto, la somma delle emissioni dovrebbe consentire di raggiungere i parametri.

Dal Lingotto, in una nota, confermano: “Ci impegniamo a ridurre le emissioni di tutti i nostri veicoli, ottimizzando le opzioni di conformità che i regolamenti offrono. Dopo tutto, il senso di un mercato del credito CO2 è quello di sfruttare i modi più convenienti per ridurre le emissioni complessive di gas serra sul mercato. Il pool di acquisti offre flessibilità per fornire prodotti che i nostri clienti sono disposti ad acquistare gestendo nel contempo la conformità con l’approccio a costi più bassi”.

L’accordo riguarderebbe FCA Italy, FCA US, Alfa Romeo e Tesla, e sempre secondo il Financial Times sembra aver aperto un nuovo filone: Mazda e Toyota starebbero studiando un’operazione molto simile.

Car Industry
Il cartello tedesco per barare sull’auto
Il cartello tedesco per barare sull’auto
La UE parte all’attacco accusando BMW, Daimler e Volkswagen di aver scritto le regole sulle emissioni durante incontri tecnici
FCA e PSA verso la fusione?
FCA e PSA verso la fusione?
L’entusiasmo del gruppo francese (e il silenzio degli italiani), porta comunque bene al gruppo italiano, che fa un balzo in avanti in borsa. Insieme darebbero vita al quarto colosso mondiale
Carlos Ghosn ha lasciato la Renault
Carlos Ghosn ha lasciato la Renault
Formalizzate le dimissioni da presidente e CEO del marchio francese, in parte controllato dallo Stato. Renault aveva resistito al licenziamento immediato da parte di Nissan e Mitsubishi
Ford e Volkswagen
il matrimonio del secolo
Ford e Volkswagen<br>il matrimonio del secolo
Ufficializzata dal palcoscenico di Detroit l’alleanza fra Wolfsburg e Dearborn: si parte con pick-up, van ed elettriche, ma l'intento è di creare un colosso globale
Buio pesto sul mercato dell’auto
Buio pesto sul mercato dell’auto
Una flessione improvvisa del -25,37%, dovuta ad una congiuntura di nuvole nere e pensieri nefasti, ha guastato la ripresa dell’automobile. Per qualcuno è una pausa fisiologica
Porsche Taycan, il puledro elettrico
Porsche Taycan, il puledro elettrico
In occasione dei 70 anni del marchio, svelato il nome e qualche dettaglio della nuova Porsche 100% elettrica. Sarà in vendita dal 2020
Hyundai scala FCA
Marchionne ha detto no
Hyundai scala FCA<br> Marchionne ha detto no
Lo ha rivelato, per l’ennesima volta, un quotidiano economico asiatico. La condizione sarebbe una discesa del valore in borsa. Secca smentita di Hyundai, segue il "no" del Ceo Fca. Ma non è tutto chiaro
Dieselgate, il giallo della fabbrica dei veleni
Dieselgate, il giallo della fabbrica dei veleni
La storia completa del peggior scandalo automobilistico di sempre: dal compito di tre studenti universitari alle tante class action, per finire con le manette e le multe colossali. E non è ancora finita
Marchionne: “Fiat non si vende” ma i dubbi restano tutti
Marchionne: “Fiat non si vende” ma i dubbi restano tutti
Il numero uno di FCA tenta di rassicurare i mercati ma leggendo bene lascia la porta aperta a qualsiasi futuro. Quasi certo lo spin-off della gamma 500
L'auto ha imparato il cinese
L
Uno dopo l’altro, i principali marchi automobilistici che formano l’intricata galassia cinese. Quasi tutti vantano joint-venture, collaborazioni e partecipazioni con i brand europei