Ford e Volkswagen
il matrimonio del secolo

| Ufficializzata dal palcoscenico di Detroit l’alleanza fra Wolfsburg e Dearborn: si parte con pick-up, van ed elettriche, ma l'intento è di creare un colosso globale

+ Miei preferiti
Il corteggiamento è durato sei mesi: piccoli passi, ammiccamenti, appuntamenti, mi piaci-ti piaccio. Poi ieri - stanotte - dal Salone di Detroit, primo appuntamento dell’anno per l’universo dell’automotive, Ford & Vokswagen hanno annunciato al mondo che sì, questo matrimonio s’ha da fare.

Dearborn e Wolfsburg uniscono le forze in un’alleanza globale destinata a dettare le regole al mondo dell’auto, gettando le basi per un colosso di proporzioni mondiali e i mercati sconfinati. Non è che l’inizio di una profezia ipotizzata anni fa da diversi analisti: presto o tardi, i marchi automobilistici saranno costretti a unirsi, dando il via a tre, massimo quattro poli dell’auto. Le regole, le crisi, i mercati e le sfide sono ormai troppo pesanti per affrontarle da soli, e creare banche d’organi così ampie significa poter proporre modelli a raffica basati su piattaforme condivise, diversi ma uguali nella sostanza, per accontentare i trend, le mode e i gusti. “L’alleanza - ha sottolineato l’ad VW Herbert Deiss – si tradurrà in risparmi per entrambe le società”. “Non si può fare da soli: in questi anni di cambiamenti è necessaria un’evoluzione dell’ecosistema”, gli fa eco il collega di Ford, Jim Hackett.

Ford e VW iniziano piano, si parla di progetti precisi e finalizzati: pick-up, van, auto elettriche e autonome, servizi per la mobilità. I tedeschi portano in dote l’esperienza di Transporter, Caddy e Amarock, gli americani Transit e la famiglia Ranger: mescolati a dovere fanno un ventaglio imprecisato ma altissimo di possibilità future.

Al momento è escluso uno scambio azionario fra i due (che comunque è dato come possibile), ma il futuro sembra segnato: per molti è il primo passo di una fusione che obbligherà altri marchi a seguire la stessa strada, pena vedersi relegare ai margini dei mercati.

I primi frutti dell’alleanza saranno visibili dal 2022 con pick-up e van ad uso commerciale, ma la sfida sarà soprattutto quella delle elettriche, creando modelli “per tutti, e non solo per milionari”, chiaro riferimento a Tesla, che per quanto in crisi continua ad essere una spina nel fianco per i brand di tutto il mondo.

Volkswagen ha anche annunciato un investimento di 800 milioni di dollari per uno stabilimento a Chattanooga, Tennesse, destinato unicamente alla produzione di auto elettriche. Fra i primi a rallegrarsi il presidente Trump, che parla di grande vittoria.

Car Industry
FCA diventa green grazie a Tesla
FCA diventa green grazie a Tesla
Un accordo fra il gruppo italo-americano e la creatura di Elon Musk consentirebbe al Lingotto di acquisire “crediti” per rientrare nei limiti imposti dalla UE ed evitare sanzioni
Il cartello tedesco per barare sull’auto
Il cartello tedesco per barare sull’auto
La UE parte all’attacco accusando BMW, Daimler e Volkswagen di aver scritto le regole sulle emissioni durante incontri tecnici
FCA e PSA verso la fusione?
FCA e PSA verso la fusione?
L’entusiasmo del gruppo francese (e il silenzio degli italiani), porta comunque bene al gruppo italiano, che fa un balzo in avanti in borsa. Insieme darebbero vita al quarto colosso mondiale
Carlos Ghosn ha lasciato la Renault
Carlos Ghosn ha lasciato la Renault
Formalizzate le dimissioni da presidente e CEO del marchio francese, in parte controllato dallo Stato. Renault aveva resistito al licenziamento immediato da parte di Nissan e Mitsubishi
Buio pesto sul mercato dell’auto
Buio pesto sul mercato dell’auto
Una flessione improvvisa del -25,37%, dovuta ad una congiuntura di nuvole nere e pensieri nefasti, ha guastato la ripresa dell’automobile. Per qualcuno è una pausa fisiologica
Porsche Taycan, il puledro elettrico
Porsche Taycan, il puledro elettrico
In occasione dei 70 anni del marchio, svelato il nome e qualche dettaglio della nuova Porsche 100% elettrica. Sarà in vendita dal 2020
Hyundai scala FCA
Marchionne ha detto no
Hyundai scala FCA<br> Marchionne ha detto no
Lo ha rivelato, per l’ennesima volta, un quotidiano economico asiatico. La condizione sarebbe una discesa del valore in borsa. Secca smentita di Hyundai, segue il "no" del Ceo Fca. Ma non è tutto chiaro
Dieselgate, il giallo della fabbrica dei veleni
Dieselgate, il giallo della fabbrica dei veleni
La storia completa del peggior scandalo automobilistico di sempre: dal compito di tre studenti universitari alle tante class action, per finire con le manette e le multe colossali. E non è ancora finita
Marchionne: “Fiat non si vende” ma i dubbi restano tutti
Marchionne: “Fiat non si vende” ma i dubbi restano tutti
Il numero uno di FCA tenta di rassicurare i mercati ma leggendo bene lascia la porta aperta a qualsiasi futuro. Quasi certo lo spin-off della gamma 500
L'auto ha imparato il cinese
L
Uno dopo l’altro, i principali marchi automobilistici che formano l’intricata galassia cinese. Quasi tutti vantano joint-venture, collaborazioni e partecipazioni con i brand europei