L’auto? La scelgo al distributore automatico

| È come una vending machine per le merendine e le bibite, ma distribuisce automobili Ford. Un sistema automatico che è stato appena inaugurato e promette di rivoluzionare il mercato dell’automobile

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Oggi prendo un Suv, domani una berlina, nel week end vediamo, dipende dal tempo. Finirà così, anzi, sta già finendo in questo modo, anche se al momento tutto è in via sperimentale. A Guangzhou, meglio conosciuta come Canton, una delle più ricche città della Cina meridionale e snodo marittimo importantissimo per l’import-export, è nato il “Super Test-Drive Center”, il primo distributore automatico di autovetture. L’idea è di “Alibaba”, uno dei colossi del commercio elettronico, che per iniziare ha chiesto la collaborazione del gruppo “Ford”.

L’enorme “vending machine” è una coloratissima costruzione alta una ventina di metri e totalmente automatizzata che racchiude una quarantina di modelli Ford diversi per potenza e allestimento, tutti a disposizione di chiunque ne faccia richiesta. Per accedere a cotanta abbondanza bisogna registrarsi sul portale “Tmall” o scaricare “Taobao”, una “app” dedicata che permette di visualizzare le vetture disponibili, quindi sceglierla, prenotarsi fissando giorno e ora del ritiro, e per finire scattarsi un selfie. L’ultimo obbligo non è un vezzo, ma semplicemente l’unico modo possibile per consentire al sistema, del tutto privo di personale umano, di riconoscere il cliente e autorizzare il ritiro. Se tutto coincide, nel giro di dieci minuti scarsi l’auto scelta uscirà dal montacarichi.

Ma non è finita: si tratta di un semplice test-drive della durata complessiva di tre giorni, trascorsi i quali bisogna scegliere se prolungare il test, riconsegnare l’auto o procedere con l’acquisto, anche questa volta pagando attraverso l’app, sfruttando alcuni sconti per i clienti Alibaba. Il massimo consentito è di cinque test-drive al mese per ogni singolo utente.

Un prestito d’uso a pagamento, versando una piccola somma di cauzione (da 99 a 198 Yuan, più o meno dai 13 ai 25 euro circa), che però è gratuito per coloro che raggiungono i 700 punti fedeltà “Tmall”, piattaforma lanciata nel 2008 per incrementare il commercio online in Cina. Di proprietà della Alibaba, Tmall vanta un traffico di 100milioni di utenti al giorno e nel pacchetto clienti racchiude anche marchi di lusso come Maserati, lo scorso anno protagonista di un “flash sale” che ha piazzato 100 auto in 18 secondi.

E mentre noi europei ancora litighiamo con i concessionari per strappare tappetini e triangolo, altri due Super Test-Drive Center stanno per essere inaugurati, il primo a Shangai e l’altro a Nanjing. Ma non è che l’inizio: secondo i piani di Alibaba, entro la fine dell’anno i distributori automatici di automobili saranno almeno 10.

Galleria fotografica
L’auto? La scelgo al distributore automatico - immagine 1
L’auto? La scelgo al distributore automatico - immagine 2
L’auto? La scelgo al distributore automatico - immagine 3
Car Industry
FCA diventa green grazie a Tesla
FCA diventa green grazie a Tesla
Un accordo fra il gruppo italo-americano e la creatura di Elon Musk consentirebbe al Lingotto di acquisire “crediti” per rientrare nei limiti imposti dalla UE ed evitare sanzioni
Il cartello tedesco per barare sull’auto
Il cartello tedesco per barare sull’auto
La UE parte all’attacco accusando BMW, Daimler e Volkswagen di aver scritto le regole sulle emissioni durante incontri tecnici
FCA e PSA verso la fusione?
FCA e PSA verso la fusione?
L’entusiasmo del gruppo francese (e il silenzio degli italiani), porta comunque bene al gruppo italiano, che fa un balzo in avanti in borsa. Insieme darebbero vita al quarto colosso mondiale
Carlos Ghosn ha lasciato la Renault
Carlos Ghosn ha lasciato la Renault
Formalizzate le dimissioni da presidente e CEO del marchio francese, in parte controllato dallo Stato. Renault aveva resistito al licenziamento immediato da parte di Nissan e Mitsubishi
Ford e Volkswagen
il matrimonio del secolo
Ford e Volkswagen<br>il matrimonio del secolo
Ufficializzata dal palcoscenico di Detroit l’alleanza fra Wolfsburg e Dearborn: si parte con pick-up, van ed elettriche, ma l'intento è di creare un colosso globale
Buio pesto sul mercato dell’auto
Buio pesto sul mercato dell’auto
Una flessione improvvisa del -25,37%, dovuta ad una congiuntura di nuvole nere e pensieri nefasti, ha guastato la ripresa dell’automobile. Per qualcuno è una pausa fisiologica
Porsche Taycan, il puledro elettrico
Porsche Taycan, il puledro elettrico
In occasione dei 70 anni del marchio, svelato il nome e qualche dettaglio della nuova Porsche 100% elettrica. Sarà in vendita dal 2020
Hyundai scala FCA
Marchionne ha detto no
Hyundai scala FCA<br> Marchionne ha detto no
Lo ha rivelato, per l’ennesima volta, un quotidiano economico asiatico. La condizione sarebbe una discesa del valore in borsa. Secca smentita di Hyundai, segue il "no" del Ceo Fca. Ma non è tutto chiaro
Dieselgate, il giallo della fabbrica dei veleni
Dieselgate, il giallo della fabbrica dei veleni
La storia completa del peggior scandalo automobilistico di sempre: dal compito di tre studenti universitari alle tante class action, per finire con le manette e le multe colossali. E non è ancora finita
Marchionne: “Fiat non si vende” ma i dubbi restano tutti
Marchionne: “Fiat non si vende” ma i dubbi restano tutti
Il numero uno di FCA tenta di rassicurare i mercati ma leggendo bene lascia la porta aperta a qualsiasi futuro. Quasi certo lo spin-off della gamma 500