Marchionne: “Fiat non si vende” ma i dubbi restano tutti

| Il numero uno di FCA tenta di rassicurare i mercati ma leggendo bene lascia la porta aperta a qualsiasi futuro. Quasi certo lo spin-off della gamma 500

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
“Non venderemo mai il marchio Fiat”. È Sergio Marchionne in persona, a buttare acqua sul fuoco delle notizie circolate con insistenza negli scorsi giorni: l’imminente vendita del brand italiano a colossi automobilistici cinesi.

A conclusione dell’assemblea di SGS (Société Générale de Surveillance), azienda svizzera di sorveglianza, analisi e certificazione di cui è presidente, l’a.d. di FCA Group ha risposto alle domande dei giornalisti, che lo incalzavano sull’ipotesi dello scorporo del gruppo torinese.

“I coreani sono interessati a tutto, ma non abbiamo mai parlato con loro: Fiat ha un grande futuro, ma molto specializzato. Con il marchio 500 può tranquillamente restare in Europa”.

Come sempre, un abilissimo zigzag fra le parole che da una parte smentisce e dall’altra conferma: nei piani segreti, svelati in esclusiva da “ItaliaStar Magazine” qualche giorno fa, si parlava proprio di un piano strategico che prevede esattamente questo, staccare la famiglia 500 dalla gamma Fiat per poter vendere un marchio quasi vuoto (da riempire a piacere) ma al tempo stesso conservare una quota di mercato importante. Altrettanto sibilline le parole che seguono: “Fino alla fine del 2018 non ci saranno novità sul fronte M&A”. M&A, per essere chiari, è un termine finanziario che abbrevia “Merger&Acquisition”, ovvero fusioni e acquisizioni. Leggendo fra le righe di un manager che sa raccontare il presente con apparente lucidità e sventola il futuro come un fazzoletto, dal prossimo anno tutto è possibile.

Due parole anche sul suo futuro professionale dopo l’uscita da FCA: “Rimarrò CEO in Ferrari, anche ‘Exor’ è una holding che ha già John Elkann come CEO e presidente”.

“Comau”, al contrario, una delle controllate, FCA sta valutando lo spin-off, come già accaduto per “Magneti Marelli”, l’azienda di componentistica il cui destino sembra ormai segnato: “Distribuiremo azioni ai soci gratis, senza però la quotazione che abbiamo fatto di Ferrari”.

E la cassa va

Parole che serviranno poco, per mettere un freno all’incertezza che attraversa tutti gli stabilimenti del gruppo. Per aprile, sono previste quattro giornate di stop (9, 26, 27 e 30) per 1.400 lavoratori, concentrati soprattutto fra il Centro Ricerche di Orbassano, il Centro Acquisti di Mirafiori e gli stabilimenti “Mopar” di None e Volvera, tutti nel torinese. Dure le parole di Federico Bellono, segretario provinciale Fiom: “Considerando l’estensione dei contratti di solidarietà a tutto il polo del lusso, la Carrozzeria di Mirafiori e la Maserati di Grugliasco, emerge un quadro che solo chi è in malafede può definire normale”.

Secondo Fim Cisl, la piena occupazione dei 66.200 lavoratori FCA non potrà essere raggiunta fin quando non saranno annunciati i nuovi modelli premium promessi a Mirafiori e a Pomigliano.

Car Industry
FCA diventa green grazie a Tesla
FCA diventa green grazie a Tesla
Un accordo fra il gruppo italo-americano e la creatura di Elon Musk consentirebbe al Lingotto di acquisire “crediti” per rientrare nei limiti imposti dalla UE ed evitare sanzioni
Il cartello tedesco per barare sull’auto
Il cartello tedesco per barare sull’auto
La UE parte all’attacco accusando BMW, Daimler e Volkswagen di aver scritto le regole sulle emissioni durante incontri tecnici
FCA e PSA verso la fusione?
FCA e PSA verso la fusione?
L’entusiasmo del gruppo francese (e il silenzio degli italiani), porta comunque bene al gruppo italiano, che fa un balzo in avanti in borsa. Insieme darebbero vita al quarto colosso mondiale
Carlos Ghosn ha lasciato la Renault
Carlos Ghosn ha lasciato la Renault
Formalizzate le dimissioni da presidente e CEO del marchio francese, in parte controllato dallo Stato. Renault aveva resistito al licenziamento immediato da parte di Nissan e Mitsubishi
Ford e Volkswagen
il matrimonio del secolo
Ford e Volkswagen<br>il matrimonio del secolo
Ufficializzata dal palcoscenico di Detroit l’alleanza fra Wolfsburg e Dearborn: si parte con pick-up, van ed elettriche, ma l'intento è di creare un colosso globale
Buio pesto sul mercato dell’auto
Buio pesto sul mercato dell’auto
Una flessione improvvisa del -25,37%, dovuta ad una congiuntura di nuvole nere e pensieri nefasti, ha guastato la ripresa dell’automobile. Per qualcuno è una pausa fisiologica
Porsche Taycan, il puledro elettrico
Porsche Taycan, il puledro elettrico
In occasione dei 70 anni del marchio, svelato il nome e qualche dettaglio della nuova Porsche 100% elettrica. Sarà in vendita dal 2020
Hyundai scala FCA
Marchionne ha detto no
Hyundai scala FCA<br> Marchionne ha detto no
Lo ha rivelato, per l’ennesima volta, un quotidiano economico asiatico. La condizione sarebbe una discesa del valore in borsa. Secca smentita di Hyundai, segue il "no" del Ceo Fca. Ma non è tutto chiaro
Dieselgate, il giallo della fabbrica dei veleni
Dieselgate, il giallo della fabbrica dei veleni
La storia completa del peggior scandalo automobilistico di sempre: dal compito di tre studenti universitari alle tante class action, per finire con le manette e le multe colossali. E non è ancora finita
L'auto ha imparato il cinese
L
Uno dopo l’altro, i principali marchi automobilistici che formano l’intricata galassia cinese. Quasi tutti vantano joint-venture, collaborazioni e partecipazioni con i brand europei