Poche sfumature di grigio

| Il più grande rivenditore di auto usate negli USA ha analizzato i colori scelti dai clienti nell’acquistare le vetture. Egemonia assoluta del nero che domina anche tra le sportive, i coupé e le cabrio

+ Miei preferiti
di Marco Belletti

Forse è un luogo comune un po’ abusato il fatto che Henry Ford abbia dichiarato che il suo modello T - prima vettura prodotta in serie nella storia dall’automobile - era disponibile in qualsiasi colore, a patto che fosse il nero, ma indubbiamente la sua affermazione ha un fondo di verità per quanto riguarda i gusti degli automobilisti statunitensi.

“CarMax” è il più grande rivenditore di auto usate degli Stati Uniti: il primo centro fu inaugurato nel settembre 1993 a Richmond, in Virginia, e oggi le sedi sono quasi 200, sparse su tutto il territorio americano.

Sul suo sito web, l’azienda ha recentemente pubblicato un’interessante indagine sui gusti dei clienti che acquistano vetture negli show room CarMax e i risultati sono decisamente sorprendenti. Secondo i dati emersi, quasi la metà delle auto vendute a livello nazionale dal 1° dicembre 2017 al 30 novembre 2018 sono state nere o bianche: il primo colore è stata la scelta del 22,3% dei clienti, il secondo del 19,3%.

Se a questi due colori si aggiungono il terzo e il quarto più venduti - rispettivamente grigio e argento - si raggiunge quasi il 74 per cento delle vendite complessive. Come dire che tre americani su quattro acquistano vetture molto poco sgargianti, almeno per quanto riguarda la tonalità della carrozzeria.

Si tratta di valori a livello nazionale, che comprendono tutti i modelli e le categorie di auto, ma gli esperti di CarMax hanno utilizzato i dati in loro possesso per scoprire quali altri colori fossero più popolari in alcuni tipi di carrozzeria di nicchia, come per esempio le vetture sportive. In questo caso, generalmente, a primeggiare sono i colori più sgargianti, come il rosso. Regola che non vale negli States: per le vetture sportive vendute da CarMax nel 2018, ancora una volta è stato il nero a farla da padrone, così come è sempre il nero il colore più richiesto per le coupé, le berline e le cabriolet… Un vero e proprio dominio. E anche il bianco non scherza, guadagnandosi il titolo di colore preferito per pickup, minivan, van e station wagon.

Ma l’indagine CarMax non si è fermata qui: il più grande dealer di vetture usate degli Stati Uniti ha cercato di capire i gusti dei clienti (pochi, in realtà…) che quando acquistano un’auto non optano per colori neutri, a bassa intensità cromatica. Escludendo nero, bianco, grigio e argento, si scopre che il blu e il rosso sono di gran lunga i colori più popolari tra quelli che restano. In pratica, considerando solo il 25% degli americani che non compra auto dei quattro colori top seller, il 36,8% le ha scelte blu e il 36,6% rosse.

Chi invece vuole distinguere al primo sguardo la sua vettura quando la cerca in un parcheggio può scegliere tra arancione (2,1%), viola (1,22%) e giallo (0,9%). In termini assoluti le vetture gialle vendute nel 2018 sono state circa lo 0,2% del totale complessivo. A questo punto CarMax ha ribaltato la prospettiva, chiedendosi quali sono i veicoli con la percentuale più alta di vendite in ogni specifico colore, e finalmente in questa classifica c’è anche un po’ d’Italia, perché la “Fiat 500L” è l’auto con il maggior mix di vendite di colore verde (14,3%) mentre il 46% delle Cadillac Escalades vendute da CarMax sono state nere e bianchi il 54,7% dei Ford Transit Connects. Una considerazione per il tanto vituperato giallo: è la Chevrolet Camaro la più popolare in questa categoria, con l’8,6% di quota.

Certo, i gusti americani non sono quelli europei e le scelte degli automobilisti nell’acquistare la tipologia delle auto in Europa sono ben differenti rispetto agli Stati Uniti (basti pensare ai loro pickup e ai nostri SUV), ma un’indagine approfondita come questa può far riflettere che, anche nella scelta di un’auto, alla fine si opta sempre - salvo pochissimi casi di nicchia - per un’opzione decisamente “understatement”.

Car Industry
FCA diventa green grazie a Tesla
FCA diventa green grazie a Tesla
Un accordo fra il gruppo italo-americano e la creatura di Elon Musk consentirebbe al Lingotto di acquisire “crediti” per rientrare nei limiti imposti dalla UE ed evitare sanzioni
Il cartello tedesco per barare sull’auto
Il cartello tedesco per barare sull’auto
La UE parte all’attacco accusando BMW, Daimler e Volkswagen di aver scritto le regole sulle emissioni durante incontri tecnici
FCA e PSA verso la fusione?
FCA e PSA verso la fusione?
L’entusiasmo del gruppo francese (e il silenzio degli italiani), porta comunque bene al gruppo italiano, che fa un balzo in avanti in borsa. Insieme darebbero vita al quarto colosso mondiale
Carlos Ghosn ha lasciato la Renault
Carlos Ghosn ha lasciato la Renault
Formalizzate le dimissioni da presidente e CEO del marchio francese, in parte controllato dallo Stato. Renault aveva resistito al licenziamento immediato da parte di Nissan e Mitsubishi
Ford e Volkswagen
il matrimonio del secolo
Ford e Volkswagen<br>il matrimonio del secolo
Ufficializzata dal palcoscenico di Detroit l’alleanza fra Wolfsburg e Dearborn: si parte con pick-up, van ed elettriche, ma l'intento è di creare un colosso globale
Buio pesto sul mercato dell’auto
Buio pesto sul mercato dell’auto
Una flessione improvvisa del -25,37%, dovuta ad una congiuntura di nuvole nere e pensieri nefasti, ha guastato la ripresa dell’automobile. Per qualcuno è una pausa fisiologica
Porsche Taycan, il puledro elettrico
Porsche Taycan, il puledro elettrico
In occasione dei 70 anni del marchio, svelato il nome e qualche dettaglio della nuova Porsche 100% elettrica. Sarà in vendita dal 2020
Hyundai scala FCA
Marchionne ha detto no
Hyundai scala FCA<br> Marchionne ha detto no
Lo ha rivelato, per l’ennesima volta, un quotidiano economico asiatico. La condizione sarebbe una discesa del valore in borsa. Secca smentita di Hyundai, segue il "no" del Ceo Fca. Ma non è tutto chiaro
Dieselgate, il giallo della fabbrica dei veleni
Dieselgate, il giallo della fabbrica dei veleni
La storia completa del peggior scandalo automobilistico di sempre: dal compito di tre studenti universitari alle tante class action, per finire con le manette e le multe colossali. E non è ancora finita
Marchionne: “Fiat non si vende” ma i dubbi restano tutti
Marchionne: “Fiat non si vende” ma i dubbi restano tutti
Il numero uno di FCA tenta di rassicurare i mercati ma leggendo bene lascia la porta aperta a qualsiasi futuro. Quasi certo lo spin-off della gamma 500