'Avengers: endgame', capolavoro o super-cazzola?

| Il film Marvel che ha sbancato il botteghino di tutto il mondo fa discutere: dura recensione de Linkiesta ("Fallimento totale") ma per molti lascerà una traccia nella storia. Citazioni per iniziati. Il gioco della memoria

+ Miei preferiti

In tutto il mondo, Italia compresa, il campione assoluto di incassi è il film "Avengers: endgame". Ventiduesimo film dell'universo Marvel che ha un solo vero avversario: "Il trono di spade". Centrato sugli Easter egg che rimandano ad altri film in un gioco complice con attori, registi, sceneggiatori e spettatori. “Noi - scrive il Corriere - abbiamo raccolto i migliori (con qualche spoiler), una vera miniera di curiosità che forse saranno sfuggite anche ai più attenti. Ed eccone subito una: le mani dei supereroi unite allo sfondo hanno la medesima forma del primo Reattore Arc di Iron Man. Non è certo un caso”.

La recensione de Linkiesta.it è invece assai critica:  “Non capita tutti i giorni di assistere a un fenomeno come quello di Avengers: Endgame. Anzi, non capita proprio mai. In appena una settimana di presenza in sala, l’ultimo nato del Marvel Cinematic Universe ha distrutto qualsiasi metro di paragone con il resto del cinema di tutti i tempi. Più di 1,4 miliardi di dollari di box office, in ogni paese del mondo, svariate decine di milioni di persone a far la fila per assistere alla fine di quella che effettivamente sembra essere la saga più imponente dai tempi della ritorno a casa dalla guerra di Troia…fenomeno mediatico mondiale, pazzesco, travolgente, capace di riempire i cinema, ma anche di convincere la critica, che, come segnala Rottentomatoes, ha pubblicato recensioni entusiaste nel 95 per cento dei casi” poi la stoccata: “Eppure, nei 181 infiniti minuti di questo Avengers: Endgame di cinema non c’è alcuna traccia. Come non c’è traccia di emozioni. Sono tutte affogate male nelle musichette epiche, morte di stenti davanti a una sceneggiatura talmente ridicola da invocare la vendetta di tutti i Dalton Trumbo…La verità è che il polpettone di 3 ore messo insieme dai fratelli Russo è l’esatta negazione delle sue promesse. È al massimo il più lungo trailer della storia del cinema ma non certo un film di azione, avventura e supereroi. È un biscottone senza alcun gusto che mette insieme tutti i pezzi di un puzzle enorme, che cinematograficamente durava da più di un decennio. Un patchwork che in verità non mette in scena nulla e che, per almeno due terzi del tempo, è più simile al giro per salutare i centomila parenti a un matrimonio troppo affollato piuttosto che all’episodio definitivo del più grande ciclo di eroi della storia moderna…”.

Vero o falso? Chi l’ha visto non è d’accordo per niente: “E’ un grande affresco, non è nazional-popolare che si vuol far credere, è un sofisticato contenitore di decenni di cinema fantasy, di ogni saga gò percorsa. E’ un amarcord, o la memoria di Proust, ci fa viaggiare nel tempo in cui eravamo ragazzini, ora da adulti riusciamo a comporre un mosaico allora incerto”, spiega il prof. Giovanni Delfo, esperto di cinema Usa. Ma Linkiesta insiste: “Non una volta si prova un’emozione — né una lacrima né una risata — più forte di quella che si proverebbe davanti alle già citate diapositive a fine banchetto di nozze. Stiamo parlando di un film di azione, di un film di supereroi, di un film della Marvel, se parliamo di noia, lentezza e pesantezza inconcludente significa che siamo vicinissima al suicidio assistito del genere stesso”. 

Conclusione: “…Insomma, Avengers: Endgame è un fallimento totale, una pataccata dietro la quale non c’è nessun amore per l’avventura e per l’intrattenimento, ma solo tanto marketing”. Non resta che andare anche noi al cinema. Magari piacerà o forse no.

Cinema
Il cupo profeta e filosofo di Easy Rider
Il cupo profeta e filosofo di Easy Rider
Cannes 2019, fra party e red carpet
Cannes 2019, fra party e red carpet
Un calendario fittissimo di anteprime, con mezza Hollywood attesa sulla scalinata del Palais du Cinema. Un solo italiano in gara, Marco Bellocchio, e Palma d’Oro alla carriera ad Alain Delon
Il fascino del male, la doppia vita del bel Ted
Il fascino del male, la doppia vita del bel Ted
Nelle sale italiane il film sul serial killer Usa Ted Bundy, che uccise decine di donne negli anni '70. Niente effetti splatter, ma un'acuta ricostruzione della personalità attraverso i flashback dell'ultima compagna
Nicolas Cage, sposato per 4 giorni
Nicolas Cage, sposato per 4 giorni
Matrimonio lampo per l’attore, protagonista di numerose pellicole di grande successo. Preoccupato per un ex compagno della moglie, l’ha sposata e subito chiesto il divorzio
La Manson Family secondo Tarantino
La Manson Family secondo Tarantino
Primo trailer per “Once upon a time in Hollywood”: un’infilata di star per celebrare la capitale mondiale del cinema negli anni Sessanta, con il sangue nel ruolo di comprimario
Escape Room, horror claustrofobico
Escape Room, horror claustrofobico
Dal 14 marzo nelle sale italiane un film dedicato a delle ultime mode globali, l'escape Room, cioè farsi rinchiudere in una serie di locali senza apparenti vie di fuga. In Polonia tre ragazze morirono durante il gioco
È morta Linda Sheridan, star di CSI
È morta Linda Sheridan, star di CSI
L’attrice, 44 anni, è stata ritrovata priva di vita a New Orleans: la polizia non ha ancora confermato le cause della morte, ma la famiglia esclude con forza l’ipotesi del suicidio
Woody Allen contro Jeff Bezos
Woody Allen contro Jeff Bezos
Il regista fa causa al boss di Amazon che gli ha bloccato un film dopo le accuse di abusi in famiglia che sono state però archiviate. Ora vuole un risarcimento di 68 milioni di dollari
Screen Actors Guild Award, le immagini più curiose
Screen Actors Guild Award, le immagini più curiose
Alcune foto dal backstage e dal palco della recentissima cerimonia di consegna dei SAG Awards, l’antipasto dell’ormai imminente notte degli Oscar
#MeToo tricolore, il regista Brizzi assolto
#MeToo tricolore, il regista Brizzi assolto
Comunicato all'Ansa. La procura aveva chiesto l'archiviazione, il Gip l'ha accolta. Finiscono due anni di calvario per il regista messo accusa da alcune attrici che si erano rivolte alle Iene. E ora partono le contro-querele