Due amici chiamati Stanlio & Ollio

| La coppia comica più celebre del cinema americano, rivive in un biopic che racconta il crepuscolo della carriera, della vita e di un’amicizia profonda. L’incredibile la somiglianza degli attori che li interpretano

+ Miei preferiti
Nel 1951, Stan Laurel e Oliver Hardy, il duo comico tra i più celebri della storia del cinema, girano il loro ultimo film: “Atollo K”. È una lavorazione lunga e sfibrante che mette a dura prova la salute dei due: Laurel, già debilitato dal diabete, finisce in ospedale perdendo 25 kg, Hardy patisce il caldo e fatica a girare scene lunghe più di qualche minuto. Pur di portare a termine la pellicola, la produzione allestisce una sorta di ospedale mobile pronto a soccorrerli. Il film, per di più, si rivelerà un flop clamoroso al botteghino: la stella di Stan & Ollie è ormai al tramonto.

Oliver Hardy decide di dire addio al cinema, e per non essere costretti a subire il fuoco di fila dei media che li danno per finiti, i due decidono di imbarcarsi per un tour in Inghilterra e Irlanda, dove gli echi dell’insuccesso non sono ancora arrivati e il pubblico li adora. Ma non va meglio neanche lì: le condizioni di salute sempre più precarie li costringono ad annullare diverse tappe, e anche i teatri non sono più pieni come una volta. Hardy subisce tre infarti nel giro di poco tempo, seguiti da una polmonite: per la coppia d’oro dello “slapstick”, il genere comico nato dal muto e basato su una comicità elementare e molto fisica, è arrivata l’ora di dire addio anche alle tavole del palcoscenico, dove avevano iniziato entrambi tanti anni prima.

È il triste finale della straordinaria carriera di Stanlio & Ollio, come sono conosciuti in Italia da sempre, raccontato da “Stan & Ollie”, un biopic previsto nelle sale italiane per la primavera del prossimo anno, ma di cui sono già disponibili immagini e trailer. E sono proprio quelli a sconvolgere: Steve Coogan e John C. Reilly, i due attori chiamati a interpretare Stan Laurel e Oliver Hardy, sono incredibilmente somiglianti agli originali. Uno sforzo raggiunto dalla squadra di truccatori sottoponendo i due attori a intense sedute di preparazione: ai tempi in cui si svolge l’arco di tempo raccontato nel film, Oliver Hardy pesava 180 kg. Fondamentale anche la parte relativa ai costumi, con oltre 2.000 abiti di scena realizzati per rappresentare la Hollywood degli anni Trenta e la Gran Bretagna degli anni Cinquanta.

La pellicola, sceneggiata da Jeff Pope e diretta da Jon S. Baird, si ispira al libro di A.J. Marriot, che racconta da vicino il tour inglese di due attori, ormai avanti negli anni, mostrando non solo le fatiche del palcoscenico, ma la quotidianità e l’affiatamento di due colleghi diventati amici fraterni fino alla fine, seguiti nel loro ultimo giro di valzer dalle mogli, Lucille Hardy, interpretata da Shirley Henderson e Ida Laurel, Nina Haranda.

Fra i pochi personaggi del cinema ad essere riusciti a passare indenni dal muto al sonoro, e resi celebri dalla musichetta che accompagna le loro comiche, “The Cockoo Song”, l’inglese Stan Laurel e l’americano Oliver Hardy si incontrano per la prima volta nel 1921 sul set di “Cane fortunato”. Il duo nasce ufficialmente nel 1927, mettendo insieme fino al 1950 una carriera composta da 107 film (32 cortometraggi muti, 40 parlati, 23 film e 12 cameo), tutti contraddistinti da gag esilaranti che sembrano del tutto naturali e improvvisate, e in realtà erano perfezionate fin nei più piccoli dettagli.

Oliver Hardy muore il 7 agosto 1957, a 65 anni: Stan Laurel resta al suo capezzale fino alla fine, ma sconvolto non riesce a partecipare al funerale dell’amico di una vita. Nel 1961, Laurel riceve l’Oscar alla carriera: muore il 23 febbraio 1965, a 74 anni, in un appartamento dell’Hotel Oceana di Santa Monica. Sul letto di morte, trova la forza di confidare all’infermiera che avrebbe voluto essere in montagna, a sciare. “Le piace sciare, signor Laurel?” - chiese lei - “No, lo odio. Ma sarebbe molto meglio che stare qui”.

 

La scheda del film

Titolo originale:Stan & Ollie

Regia:Jon S. Baird

Sceneggiatura:Jeff Pope

Direzione della fotografia:Laurie Rose BSC

Scenografia:John Paul Kelly

Montaggio:Una Ni Dhonghaile, Billy Sneddon

Costumi:Guy Speranza

Make-up:Jeremy Woodhead

Musiche:Karen Elliott

Produttore:Faye Ward

Produttori esecutivi: Xavier Marchand, Kate Fasulo, Joe Oppenheimer, Nichola Martin, Jeff Pope, Eugenio Perez, Gabrielle Tana, Christine Langan

Co-produttore:Jim Spencer

Produzione:Sonesta Films, Fable Pictures

Distribuzione:Lucky red

Durata:97 minuti

Uscita nelle sale:aprile 2019

 

Personaggi e interpreti

Stan Laurel – Steve Coogan

Oliver Hardy – John C. Reilly

Ida Kitaeva Laurel – Nina Arianda

Lucille Hardy – Shirley Henderson

Hal Roach _ Danny Houston

Bernard Delfont – Rufus Jones

Galleria fotografica
Due amici chiamati Stanlio & Ollio - immagine 1
Due amici chiamati Stanlio & Ollio - immagine 2
Due amici chiamati Stanlio & Ollio - immagine 3
Due amici chiamati Stanlio & Ollio - immagine 4
Due amici chiamati Stanlio & Ollio - immagine 5
Due amici chiamati Stanlio & Ollio - immagine 6
Cinema
È morto Kirk Douglas
È morto Kirk Douglas
A 103 anni, si è spento l’ultimo di una generazione di grandi attori del “golden age” di Hollywood
Addio all’attore Stan Kirsch
Addio all’attore Stan Kirsch
Conosciuto per il telefilm "Highlander", si è impiccato nella sua casa di Los Angeles. Sconosciuti i motivi del gesto, ma da oltre 10 anni non riusciva più a trovare lavoro
Axel Foley sta tornando
Axel Foley sta tornando
Per il simpatico agente di polizia che ha dato la notorietà a Eddie Murphy è pronto il quarto capitolo, questa volta diffuso da Netflix
Catherine Deneuve in gravi condizioni
Catherine Deneuve in gravi condizioni
La grande diva francese ricoverata d’urgenza a Parigi: per la famiglia la causa è un momento di forte stress dovuto al super-lavoro. Cautela dei medici
L’America dolente di Bruce
L’America dolente di Bruce
Western Stars, prima pellicola che Springsteen firma da regista, raccoglie i brani del suo album omonimo e immagini della West Coast, dove il sogno americano è più vero, ma fa anche più male
Demi Moore, un ritratto intimo
Demi Moore, un ritratto intimo
È in uscita “Inside Out”, l’autobiografia di un’attrice che per lunghi anni è stata una delle regine di Hollywood. Un racconto che parte dall’infanzia, dal tentativo di suicidio della mamma e da uno stupro subito a 15 anni
È morto Carlo Delle Piane
È morto Carlo Delle Piane
L’attore romano, 83 anni, si è spento a Roma: una carriera iniziata per caso, con 110 film interpretati al fianco dei più grandi attori e registi
Il cupo profeta e filosofo di Easy Rider
Il cupo profeta e filosofo di Easy Rider
Cannes 2019, fra party e red carpet
Cannes 2019, fra party e red carpet
Un calendario fittissimo di anteprime, con mezza Hollywood attesa sulla scalinata del Palais du Cinema. Un solo italiano in gara, Marco Bellocchio, e Palma d’Oro alla carriera ad Alain Delon
Il fascino del male, la doppia vita del bel Ted
Il fascino del male, la doppia vita del bel Ted
Nelle sale italiane il film sul serial killer Usa Ted Bundy, che uccise decine di donne negli anni '70. Niente effetti splatter, ma un'acuta ricostruzione della personalità attraverso i flashback dell'ultima compagna